Carcinoma del colon-retto: una singola colonscopia negativa è predittiva fino a 17,4 anni

Una singola colonscopia di screening di alta qualità negativa si associa a una riduzione dell’incidenza e della mortalità per carcinoma del colon-retto, rispettivamente dell’84% e del 90%, per un periodo di follow-up che si protrae fino a 17,4 anni.

Questi importanti risultati suggeriscono che l’intervallo tra uno screening e l’altro, attualmente raccomandato a dieci anni, potrebbe essere prolungato in modo sicuro. Lo studio osservazionale che ha fornito queste indicazioni è stato pubblicato nei giorni scorsi sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Le raccomandazioni delle linee guida

Le attuali linee guida raccomandano un intervallo di dieci anni tra colonscopie di screening negative per adulti a rischio medio. Questa raccomandazione si basa su stime del tempo di passaggio da adenoma a carcinoma, nonché su estrapolazioni da studi che valutano la sensibilità della colonscopia. La mancanza di dati nel lungo termine rendeva però difficile determinare l’intervallo di screening ottimale dopo una colonscopia risultata normale.

Una colonscopia di alta qualità

I ricercatori dell’Istituto nazionale di ricerca oncologica Maria Sklodowska-Curie di Varsavia, Polonia hanno studiato un registro di screening che includeva i risultati di 165.887 persone per valutare il rischio a lungo termine e la mortalità per carcinoma del colon-retto, dopo colonscopia di screening singola negativa di alta e bassa qualità.

I ricercatori hanno scoperto che una singola colonscopia di screening negativa era associata a un’incidenza e una mortalità per carcinoma del colon-retto significativamente ridotte in più di 17 anni di follow-up. Solo una colonscopia di alta qualità ha però fornito una riduzione profonda e stabile sia dell’incidenza che della mortalità durante il follow-up.

L’alta qualità della colonscopia è stata la chiave per la profonda efficacia a lungo termine dello screening nel colon prossimale e tra le donne. I ricercatori sottolineano che questi risultati sono di fondamentale importanza, poiché precedenti rapporti hanno messo in dubbio l’efficacia della colonscopia nel colon prossimale e dello screening della sigmoidoscopia nelle donne. Questa nuova ricerca suggerisse che l’intervallo di dieci anni attualmente raccomandato per lo screening della colonscopia è sicuro e che potenzialmente potrebbe essere esteso.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + 18 =