Immagine del coronavirus

A causa di COVID-19 aumenteranno le morti per malattie, come HIV, malaria e tubercolosi

Alcuni paesi a basso e medio reddito (LMICs) potrebbero avere nei prossimi 5 anni un incremento di morti per malattie quali HIV, tubercolosi e malaria, rispettivamente del 10%, 20% e 36%, a causa dell’interruzione dei servizi sanitari causato dalla pandemia di COVID-19. L’allarme arriva da uno studio pubblicato recentemente sulla rivista The Lancet Global Health.

Gli autori hanno modellato l’impatto sulla salute pubblica del COVID-19 sull’HIV, la tubercolosi e la malaria nelle LMICs, nei prossimi 5 anni. Le stime risultanti prevedono che nelle aree fortemente colpite da queste malattie infettive l’impatto del COVID-19 sugli anni di vita persi potrebbe, nel peggiore dei casi, essere di dimensioni simili all’impatto della pandemia stessa. Per “anni di vita persi” si considera il numero di anni che una persona avrebbe dovuto vivere, se non fosse morto per una causa particolare.

Le morti per HIV, malaria e tubercolosi aumenteranno: gli effetti della pandemia di COVID-19

La pandemia di COVID-19 ha il potenziale di causare interruzioni sostanziali dei servizi, travolgendo i sistemi sanitari già fragili, o attraverso misure di risposta che limitano le attività dei programmi di routine. Inoltre, possono essere interrotte le catene di approvvigionamento di materiale medico. Mantenere i servizi di base per l’HIV, la tubercolosi e la malaria è però indispensabile. In particolare, va preservato l’accesso alla terapia antiretrovirale, la diagnosi e il trattamento tempestivi della tubercolosi e la ripresa precoce della distribuzione di reti trattate con insetticidi di lunga durata (LLIN) e il trattamento antimalarico.

Tuttavia, gli autori avvertono che la previsione del vero impatto della pandemia di COVID-19 in corso e la sua risposta su altre malattie è irta di difficoltà, specialmente quando così tanto rimane sconosciuto sul virus e sulla misura in cui altri programmi di malattia possono essere interrotti. Precisano che il loro studio mira a quantificare la portata potenziale dell’impatto di COVID-19 e a guidare il modo in cui potrebbe essere minimizzato, piuttosto che fornire stime precise.

Pandemia COVID-19: le morti per malaria

Le morti per malaria in tutto il mondo sono diminuite della metà dal 2000, ma i progressi si sono arrestati quando le zanzare e i parassiti raggiungono una resistenza alle cure. Circa il 94% dei decessi si verifica nell’Africa sub-sahariana, dove la malaria ha causato circa 380.000 vittime nel 2018. Allo stesso modo, i decessi globali da HIV/AIDS si sono dimezzati in un decennio a causa della disponibilità della terapia antiretrovirale.

Nel 2019, circa 690.000 persone sono morte a causa della malattia in tutto il mondo, la stragrande maggioranza dei LMIC. Si stima che 49 milioni di vite siano state salvate attraverso la diagnosi e il trattamento della tubercolosi tra il 2000 e il 2015, ma la malattia ha causato la morte di 1,8 milioni di persone nel 2018, con oltre il 95% di questi decessi avvenuti nelle LMICs.

Pandemia COVID-19: mantenere le misure preventive

“La pandemia di COVID-19 e le azioni intraprese in risposta ad essa potrebbero annullare alcuni dei progressi compiuti contro le principali malattie come l’HIV, la tubercolosi e la malaria negli ultimi due decenni, aggravando direttamente l’onere causato dalla pandemia”, afferma il professor Timothy Hallett dell’Imperial College di Londra, che ha co-condotto la ricerca. “Nei paesi con un elevato carico di malaria e grandi epidemie di HIV e tubercolosi, anche le interruzioni a breve termine potrebbero avere conseguenze devastanti per i milioni di persone che dipendono da programmi per controllare e curare queste malattie. Tuttavia, l’impatto a catena della pandemia potrebbe essere ampiamente evitato mantenendo i servizi di base e proseguendo le misure preventive”.

Continua: “I nostri risultati sottolineano le decisioni straordinariamente difficili che devono affrontare i responsabili politici. Misure di soppressione a lungo termine ben gestite potrebbero evitare il maggior numero di decessi COVID-19. Ma se questi interventi non fossero ben gestiti, potrebbero indurre le persone a stare lontano da ospedali e cliniche e forzare la cancellazione dei programmi di sanità pubblica, portando a un forte aumento delle morti per altre importanti malattie infettive che erano state poste sotto controllo”.

Le morti per HIV, malaria e tubercolosi aumenteranno: il commento editoriale

Discutendo le implicazioni dei risultati in un commento collegato, Peter Sands, Executive Director del The Global Fund to Fight AIDS, Tuberculosis and Malaria, di Ginevra afferma: “L’impatto a catena sull’HIV, la tubercolosi e la malaria potrebbero essere persino peggiori di quanto suggerisce questo studio e, in alcuni paesi, potrebbero essere persino peggiori dell’impatto diretto di COVID-19. Il Fondo globale conduce un sondaggio bisettimanale qualitativo tra gli oltre cento paesi in cui investe. Gli ultimi risultati pubblicati suggeriscono che l’85% dell’HIV, il 78% della tubercolosi e il 73% dei programmi per la malaria vengono interrotti. Il 18% dei programmi per l’HIV, il 17% dei programmi per la tubercolosi e il 19% dei programmi per la malaria subiscono interruzioni elevate o molto elevate. ”

Aggiunge: “Nei paesi fortemente colpiti dall’HIV, dalla tubercolosi e dalla malaria, COVID-19 potrebbe comportare il rovesciamento di guadagni ottenuti per molti anni. Non possiamo permettere che ciò accada. Abbiamo bisogno di più risorse e azioni decisive e dobbiamo misurare il successo non solo in termini di riduzione al minimo dell’impatto diretto di COVID-19, ma in termini di riduzione al minimo del suo impatto totale, compreso l’impatto a catena sull’HIV, la tubercolosi e la malaria.”

Le morti per HIV, malaria e tubercolosi aumenteranno: quattro diversi scenari

In questo studio, i ricercatori hanno assunto un numero riproduttivo di base (R0; il numero medio of persone che ogni individuo con il virus è suscettibile di infettare) di 3 per sviluppare quattro diversi scenari di risposta politica alla pandemia di COVID-19: nessuna azione, mitigazione (che rappresenta una riduzione del 45% di R0 per 6 mesi usando interventi come l’allontanamento fisico), soppressione-sollevamento (riduzione del 75% di R0 per 2 mesi) o soppressione (riduzione del 75% di R0 per 1 anno).

Hanno quindi usato modelli di trasmissione dell’HIV, della tubercolosi e della malaria per stimare l’impatto aggiuntivo sulla salute che potrebbe essere causato in contesti diversi, sia con interventi COVID-19 che limitano le attività del programma di routine, sia a causa di casi COVID-19 che sovraccaricano il sistema sanitario.

Le morti per HIV, malaria e tubercolosi aumenteranno: interruzione dei programmi sanitari

Nel complesso, i risultati suggeriscono che l’impatto della pandemia varia in base alla misura in cui gli interventi contro COVID-19 causano lunghe interruzioni alle attività e in che modo tali misure riducono la trasmissione di SARS-CoV-2 ed evitano che il sistema sanitario venga sopraffatto.

Si prevede che il maggiore impatto sull’HIV deriverà dall’interruzione della fornitura e della somministrazione di terapia antiretrovirale, che può verificarsi durante i periodi di forte domanda del sistema sanitario.

Nel peggiore dei casi, supponendo che non vi sia alcuna azione o un aumento della soppressione, i paesi con alti tassi di HIV in alcune parti dell’Africa meridionale (prevalenza del 20% tra i 15-49 anni nel 2018), potrebbero vedere fino al 10% in più di decessi a causa di L’HIV nei prossimi 5 anni, rispetto a quanto accadrebbe senza interruzioni a causa di COVID-19. Questo equivale a 612 morti supplementari per HIV per milione di abitanti nel periodo 2020-2024.

I ricercatori suggeriscono che offrire agli individui che ricevono forniture per più mesi di terapia antiretrovirale, o una sua consegna a domicilio, potrebbe garantire un accesso al trattamento anche nei periodi di maggiore richiesta del sistema sanitario.

La pandemia COVID-19: tubercolosi e malaria

Per la tubercolosi, si prevede che l’impatto maggiore deriverà dalle riduzioni nella diagnosi e nel trattamento tempestivi di nuovi casi, a causa delle misure di contenimento per COVID-19 che limitano l’accesso ai servizi. Nel peggiore dei casi, ipotizzando la soppressione nei paesi con un onere molto elevato, come nell’Africa meridionale (520 nuovi casi per 100.000 abitanti nel 2018), i decessi per tubercolosi potrebbero aumentare del 20% nei prossimi 5 anni (equivalenti a 987 ulteriori Decessi di tubercolosi per milione di abitanti nel periodo 2020-2024) rispetto a quando i servizi funzionano normalmente.

Il modello prevede che il maggiore impatto sull’onere della malaria potrebbe derivare dall’interruzione delle campagne pianificate, che di solito si svolgono ogni tre anni. Nel peggiore dei casi, con le interruzioni da COVID-19, in coincidenza con la stagione di trasmissione della malaria e la distribuzione LLIN pianificata, i decessi per malaria potrebbero aumentare del 36% nei prossimi 5 anni, equivalenti a 474 decessi aggiuntivi per malaria per milione di abitanti nel periodo 2020-2024.

“Molti dei successi ottenuti nel controllo della malaria nell’ultimo decennio sono stati dovuti alla distribuzione di reti trattate con insetticidi di lunga durata nell’Africa sub-sahariana, dove si verifica la stragrande maggioranza delle morti per malaria. Tuttavia, la pandemia di COVID-19 interromperà probabilmente queste distribuzioni nel 2020, causando più morti per malaria”, afferma la co-conduttrice Dr Alexandra Hogan dell’Imperial College di Londra, Regno Unito. “Le misure preventive di routine devono essere prioritarie, garantendo il mantenimento di campagne di distribuzione di zanzariere e trattamenti profilattici, come la distribuzione di massa di farmaci e la chemioprevenzione stagionale della malaria.”

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − quattro =