La pandemia COVID-19 farà aumentare, indirettamente, le morti per cancro

In Inghilterra l’interruzione dei servizi di diagnosi per il cancro e il mancato riferimento all’assistenza sanitaria a causa della pandemia di COVID-19, potrebbero portare entro il 2025 a circa 3.500 decessi, potenzialmente evitabili, dai quattro principali tumori. Questo è quanto riporta un recente studio di modellizzazione, pubblicato sulla rivista su The Lancet Oncology.

Lo studio evidenzia la necessità di interventi politici urgenti per affrontare l’arretrato di pazienti in attesa di servizi diagnostici di routine e per ridurre il bilancio delle vittime da cancro attribuibile alla pandemia di COVID-19.

Gli autori chiedono che i responsabili politici si concentrino su tre aree chiave: fornire messaggi di sanità pubblica che mettono in prospettiva il rischio di malattie gravi da COVID-19 rispetto al non cercare consigli sanitari per i sintomi del cancro; fornire informazioni basate sull’evidenza per aiutare gli operatori sanitari a gestire i rischi per i pazienti con sospetto cancro; aumentando la capacità diagnostica sia di routine che urgente attraverso un aumento delle ore di lavoro e rinvii a qualsiasi ospedale del SSN.

COVID-19 e morti per cancro: percorsi diagnostici dedicati

“I nostri risultati dimostrano l’impatto della risposta nazionale COVID-19, che potrebbe abbreviare la vita di migliaia di persone con cancro in Inghilterra nei prossimi 5 anni”, afferma il dott. Ajay Aggarwal della London School of Hygiene & Tropical Medicine nel Regno Unito che ha guidato la ricerca. “Mentre attualmente l’attenzione è focalizzata sui percorsi diagnostici in cui si sospetta il cancro, il problema è che un numero significativo di tumori viene diagnosticato in pazienti in attesa di indagine per sintomi non considerati correlati al cancro. Pertanto, abbiamo bisogno di un approccio dell’intero sistema per evitare le morti in eccesso previste.”

Durante il lockdown in tutto il Regno Unito per combattere la pandemia COVID-19, lo screening del cancro e i percorsi di rinvio ambulatoriale di routine (attraverso i quali viene diagnosticato il 30-40% dei pazienti) sono stati sospesi. L’unica via per la diagnosi di casi sospetti di cancro era attraverso un invio urgente del medico di medicina generale (GP) o la presentazione a un pronto soccorso. Da quando sono state introdotte misure di allontanamento fisico il 16 marzo 2020, i rinvii urgenti sono diminuiti dell’80%. Con una certa forma di distanziamento fisico che dovrebbe continuare fino a un anno, è probabile un ulteriore impatto negativo sulla vita dei malati di cancro.

COVID-19 e morti per cancro: scenari di riallocazione

In questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati esistenti del National Health Service (NHS) inglese e i dati amministrativi ospedalieri su oltre 93.000 pazienti affetti da cancro (di età compresa tra 15 e 84 anni) diagnosticati nel 2010-2012. Lo scopo è stato quello di stimare l’effetto dei ritardi nella diagnosi sulla sopravvivenza del cancro per quattro principali tipi di cancro: seno, colon-retto, esofageo e polmone. Hanno modellato l’impatto della riallocazione dei pazienti dallo screening abituale e dai percorsi di riferimento di routine non urgenti (ad esempio, medici di base e cure secondarie) a percorsi urgenti e di emergenza (che sono associati a uno stadio più avanzato della malattia alla diagnosi).

Gli autori hanno preso in considerazione tre scenari di riallocazione che riflettono ciò che viene visto nel NHS durante la crisi del COVID-19, fornendo stime del caso migliore e peggiore – per calcolare l’impatto sulla sopravvivenza netta, i decessi aggiuntivi e gli anni di vita persi ( il numero di anni di vita che una persona avrebbe dovuto vivere se non fosse morta di cancro) rispetto ai dati pre-pandemici.

COVID-19 e morti per cancro: un aumento di quasi il 20% delle morti evitabili

Le analisi suggeriscono che i ritardi nella diagnosi del cancro potrebbero comportare un aumento nei prossimi 5 anni delle morti per cancro al seno di circa l’8-10% (equivalente tra 281 e 344 morti supplementari entro il 2025), delle morti per cancro del colon-retto del 15-17% (1445–1563), un aumento del 5% (1235–1372) nelle morti per cancro ai polmoni e un aumento del 6% (330–342) nelle morti per cancro esofageo.

“I nostri risultati stimano un aumento di quasi il 20% delle morti evitabili di cancro intestinale a causa di ritardi diagnostici. Per evitare che ciò diventi realtà, è essenziale che vengano rese urgentemente disponibili maggiori risorse per i servizi di endoscopia e colonscopia che attualmente gestiscono arretrati significativi e che i pazienti si presentino prontamente al proprio medico di famiglia se presentano sintomi gastrointestinali correlabili”, afferma Aggarwal.

Si prevede che queste morti evitabili per cancro si traducano in 59.204 a 63.229 anni totali di vita persi.

“In media, per ogni morte per cancro evitabile a causa di un ritardo diagnostico, si perderanno 20 anni di vita”, afferma il co-autore Professor Richard Sullivan del King’s College di Londra, Regno Unito. “Queste stime dipingono un quadro che fa riflettere”.

Secondo il co-autore Professor Bernard Rachet della London School of Hygiene & Tropical Medicine, Regno Unito. “Per assorbire l’arretrato dei malati di cancro, la comunità sanitaria deve anche stabilire criteri chiari per stabilire le priorità dei pazienti, al fine di mantenere l’equità nell’erogazione delle cure”.

Gli autori osservano che le morti in eccesso in tutte le cure per il cancro sono probabilmente molto più elevate. Sottolineano che osservano solo quattro tipi di cancro e si concentrano su diagnosi ritardate. Pertanto, non tiene conto dei trattamenti antitumorali ritardati o annullati per quelli già diagnosticati con cancro.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × tre =