La chirurgia bariatrica fa ridurre il rischio di un secondo infarto miocardico

Le persone con obesità grave (BMI> 35) e un precedente infarto che si sottopongono a un intervento chirurgico per la riduzione del peso possono ridurre il rischio di un secondo infarto, eventi cardiovascolari maggiori, insufficienza cardiaca e morte, rispetto a persone con storie mediche simili che non si sottopongono allo stesso intervento. Sono questi, in sintesi, i risultati di una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Circulation.

“È noto che l’obesità è associata a un aumento del rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiache”, ha detto l’autore principale dello studio Erik Näslund, professore nel dipartimento di scienze cliniche al Danderyd Hospital, del Karolinska Institutet in Svezia. “È stato anche dimostrato che la chirurgia per la riduzione del peso può migliorare il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari. Ciò che doveva ancora essere dimostrato è: se hai avuto un attacco di cuore, un intervento chirurgico per la riduzione del peso può ridurre il rischio di avere un altro attacco di cuore? Che era al centro del nostro studio”.

Un secondo infarto miocardico

Nello studio svedese, Näslund e colleghi hanno misurato le tendenze ad avere un secondo infarto miocardico, ictus e morte, dopo chirurgia bariatrica, nelle persone con obesità grave che avevano subito un precedente infarto. Lo studio ha collegato le informazioni provenienti da due registri sanitari: lo Swedish Web-System for Enhancement and Development of Evidence-Based Care in Heart Disease Evaluated According to Recommended Therapies Registry (SWEDEHEART) e il Nationwide Scandinavian Obesity Surgery Registry (SOReg).

I ricercatori hanno confrontato i dati dal 2005 al 2018 di 509 pazienti gravemente obesi che hanno avuto infarti con quelli di 509 pazienti gravemente obesi che avevano avuto infarti e successivamente hanno subito un intervento di bypass gastrico o un intervento di gastrectomia a manica (i due tipi più comuni di intervento chirurgico per la riduzione del peso) tra 2007 e 2018. Ogni paziente nello studio che aveva subito un intervento chirurgico per la riduzione del peso è stato abbinato a un paziente che non era stato sottoposto a intervento chirurgico e con lo stesso grado di obesità (il BMI medio di entrambi i gruppi era 40). I pazienti sono stati abbinati anche in base a sesso, età, stato di salute e storia clinica.

I dati dei pazienti sono stati raccolti per un periodo di follow-up fino a otto anni (mediana di 4,6 anni) e i ricercatori hanno analizzato statisticamente le variabili che potrebbero aver influenzato il rischio per i pazienti che hanno avuto infarto, ictus o sono morti durante il periodo di follow-up.

Un minor rischio di infarto e di insufficienza cardiaca

I ricercatori hanno scoperto che la chirurgia bariatrica era associata a un minor rischio di infarto e di insufficienza cardiaca di nuova insorgenza, ma non c’era alcuna differenza statistica nel rischio di ictus tra i gruppi chirurgici e non chirurgici.

I pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per la riduzione del peso avevano la metà del rischio di morte rispetto a quelli che non avevano subito un intervento chirurgico.

Il tasso di gravi complicanze chirurgiche è stato simile a quello osservato tra i pazienti sottoposti a chirurgia per la riduzione del peso senza precedenti infarti.

Mentre il peso dei pazienti nel gruppo chirurgico era notevolmente inferiore un anno dopo l’intervento (BMI mediano era 29 dopo un anno), i ricercatori osservano che la sola perdita di peso probabilmente non era la forza trainante dell’associazione tra intervento chirurgico e riduzione del rischio.

A due anni dall’intervento chirurgico un gran numero di pazienti ha avuto miglioramenti significativi nell’apnea notturna (67% di remissione) così come il miglioramento dell’ipertensione (22% di remissione), dei livelli di colesterolo e trigliceridi (29% di remissione). Inoltre, più della metà dei pazienti con diabete di tipo 2 ha ottenuto la remissione clinica della malattia.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 5 =