COVID-19 negli atleti: limitato il coinvolgimento cardiaco

La malattia COVID-19 lascia spesso lunghe conseguenze sui pazienti ricoverati e a volte si associa a eventi cardiovascolari gravi. Sembra però che queste sequele siano meno frequenti negli atleti. A rilevarlo è un recente studio, pubblicato sulla rivista Circulation, che ha valutato oltre 3.000 atleti competitivi in ​​età universitaria. In questi soggetti non sono stati rilevati eventi cardiaci avversi a seguito di infezioni da COVID-19.

Il coinvolgimento cardiaco dell’infezione da SARS-CoV-2

In questo studio di coorte prospettico, multicentrico e osservazionale con dati raccolti dal 1° settembre al 31 dicembre 2020, da 42 college e università negli Stati Uniti, i ricercatori hanno valutato la prevalenza, le caratteristiche cliniche e gli esiti del coinvolgimento cardiaco dopo infezione da SARS-CoV-2 tra gli atleti dei college, utilizzando il Registro dei risultati per le condizioni cardiache negli atleti (ORCCA). ORCCA è un registro nazionale, o database di ricerca, per monitorare i casi COVID-19 e gli impatti cardiaci negli atleti per guidare miglioramenti nello screening e aiutare a comprendere il coinvolgimento cardiaco della malattia negli atleti universitari.

“I dati molto tempestivi e in gran parte rassicuranti provenienti dal registro ORCCA sono stati resi possibili da uno straordinario sforzo di collaborazione tra le comunità di medicina dello sport e cardiologia dello sport”, ha detto Aaron L. Baggish, direttore del Cardiovascular Performance Program al Massachusetts General Hospital di Boston. “Si prevede che ORCCA continuerà a plasmare il modo in cui proteggiamo la salute dei giovani atleti competitivi ben oltre la fine della pandemia COVID-19”.

Fino all’1,5% di coinvolgimento cardiaco

Su oltre 19.000 atleti testati per l’infezione da SARS-CoV-2, 3.018 sono risultati positivi e sono stati sottoposti a valutazione cardiaca. Oltre 2.800 atleti sono stati sottoposti ad almeno un elemento di test della “triade” cardiaca (elettrocardiografia a 12 derivazioni (ECG), troponina e/o ecocardiografia transtoracica), seguita da risonanza magnetica cardiaca (CMR) se clinicamente indicata. Inoltre, 198 atleti sono stati sottoposti a uno screening CMR primario.

Nel complesso, la prevalenza di un coinvolgimento cardiaco probabile o definito dall’infezione da SARS-CoV-2 è stata dello 0,4% -1,5%. La resa diagnostica per un coinvolgimento cardiaco probabile o definito era 6,7 ​​volte superiore per una CMR ottenuta per ragioni cliniche (10,1%) rispetto a una CMR di screening primario (1,5%). Le probabilità di avere un coinvolgimento cardiaco erano 3,1 volte maggiori negli atleti con sintomi cardiopolmonari.

Tornare allo sport in sicurezza

“Questa è stata una straordinaria collaborazione all’interno della comunità di medicina dello sport e della cardiologia”, ha affermato Jonathan A. Drezner, direttore dell’UW Medicine Center for Sports Cardiology a Seattle. “La maggior parte degli atleti senza sintomi o malattie lievi da SARS-CoV-2 possono tornare allo sport in sicurezza senza ulteriori test cardiaci, purché si sentano bene al ritorno all’esercizio e non abbiano sintomi cardiopolmonari come dolore al petto”.

L’American Heart Association e l’American Medical Society for Sports Medicine (AMSSM) hanno unito le forze all’inizio di quest’anno per accelerare una nuova iniziativa di ricerca critica che valuta le condizioni cardiache negli atleti. Lo scopo è quello di accelerare nuove scoperte sull’impatto di COVID-19 sul sistema cardiovascolare degli atleti dei college e valutare la sicurezza del ritorno alla pratica sportiva dopo la diagnosi.

Il registro collaborativo dei dati aiuterà la ricerca su COVID-19 e, a lungo termine, svilupperà una profonda base di conoscenza sulle malattie cardiache negli atleti oltre la pandemia. Il registro è stato sviluppato con la partecipazione della National Collegiate Athletic Association e conta più di 60 scuole che attualmente contribuiscono al registro.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − tre =