Home Cardiologia Ipertensione arteriosa: gli antagonisti recettoriali dell’angiotensina hanno meno effetti collaterali

Ipertensione arteriosa: gli antagonisti recettoriali dell’angiotensina hanno meno effetti collaterali

34
0
copyright American Heart Associtation

Le persone che stanno per iniziare un trattamento per l’ipertensione arteriosa possono trarre ugualmente beneficio da due diverse classi di farmaci: gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e gli antagonisti recettoriali dell’angiotensina (ARB). Questi ultimi però, hanno meno probabilità di causare effetti collaterali. Questo è quanto riporta un recente studio real life pubblicato sulla rivista Hypertension.

Ipertensione arteriosa: oltre le linee guida

A oggi, gli ACE-inibitori sono prescritti più comunemente degli ARB come medicinale di prima scelta per il controllo della pressione arteriosa. Entrambi i tipi di farmaci agiscono sul sistema renina-angiotensina-aldosterone, un gruppo di ormoni correlati che regolano normalmente i nostri livelli di pressione. Gli ACE-inibitori la riducono bloccando un enzima, facendo in modo che venga prodotta meno angiotensina, una sostanza chimica che ha un effetto vasocostrittore. Gli ARB bloccano i recettori cui si lega l’angiotensina situati nei vasi sanguigni, diminuendo così il suo effetto di costrizione dei vasi.

“Nelle linee guida professionali, diverse classi di farmaci sono ugualmente raccomandate come terapie di prima linea. Con così tanti farmaci tra cui scegliere, abbiamo ritenuto di poter aiutare a fornire un po’ di chiarezza e guida ai pazienti e agli operatori sanitari”, ha affermato RuiJun Chen, autore principale dello studio, assistente professore di scienza dei dati traslazionali e informatica presso il Geisinger Medical Center di Danville, in Pennsylvania.

Le linee guida AHA/ACC 2017 per la prevenzione, il rilevamento, la valutazione e la gestione dell’ipertensione negli adulti, afferma che i farmaci principali per il trattamento dell’ipertensione sono i diuretici tiazidici, gli ACE-inibitori, gli ARB e i calcio-antagonisti. La preferenza nei confronti di queste classi di farmaci è legata al fatto che hanno dimostrato di ridurre, oltre alla pressione, anche gli eventi cardiovascolari, quali infarto del miocardio e ictus.

L’analisi di otto database elettronici

I risultati di questo studio si sono basati sull’analisi di otto database elettronici di cartelle cliniche e richieste assicurative negli Stati Uniti, in Germania e in Corea del Sud. Complessivamente sono stati così valutati quasi 3 milioni di pazienti che assumevano per la prima volta un farmaco per l’ipertensione arteriosa e non avevano una storia di malattie cardiache o ictus.

I ricercatori hanno confrontato il verificarsi di eventi cardiaci e ictus tra 2.297.881 pazienti trattati con ACE-inibitori e quelli di 673.938 pazienti trattati con ARB. Gli eventi correlati al cuore includevano l’infarto miocardico, l’insufficienza cardiaca o l’ictus, o una combinazione di uno qualsiasi di questi eventi o una morte cardiaca improvvisa. I ricercatori hanno anche confrontato il verificarsi di 51 diversi effetti collaterali tra i due gruppi. I tempi di follow-up variavano nei record del database, da circa 4 mesi a più di 18 mesi.

Quattro effetti collaterali

I risultati dello studio non hanno rilevato differenze significative nel verificarsi di infarto, ictus, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca o qualsiasi evento cardiaco. Tuttavia, hanno trovato differenze significative nel verificarsi di quattro effetti collaterali dei farmaci.

Rispetto a coloro che assumevano ARB, le persone che assumevano ACE-inibitori avevano 3,3 volte più probabilità di sviluppare accumulo di liquidi e gonfiore degli strati più profondi della pelle e delle mucose (angioedema). Il 32% in più di probabilità di sviluppare tosse. Il 32% in più di probabilità di sviluppare una pancreatite. Il 18% in più di probabilità di sviluppare un sanguinamento nel tratto gastrointestinale.

“Non abbiamo rilevato alcuna differenza nel modo in cui i due tipi di farmaci hanno ridotto le complicanze dell’ipertensione, ma abbiamo riscontrato una differenza negli effetti collaterali”, ha affermato George Hripcsak, autore senior dello studio e professore e presidente di informatica biomedica presso Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons e direttore dei servizi di informatica medica presso il New York-Presbyterian/Columbia University Irving Medical Center.

“Gli ARB non differiscono in termini di efficacia e possono avere meno effetti collaterali rispetto agli ACE-inibitori tra quelli che hanno appena iniziato il trattamento”, ha affermato Chen. “Purtroppo non possiamo estendere queste conclusioni alle persone che stanno già assumendo ACE-inibitori o che stanno assumendo più farmaci”.

Risultati non completamente generalizzabili

Lo studio è limitato dall’ampia variazione nel periodo di tempo in cui i pazienti sono stati inclusi nei diversi database. Anche se molte persone sono state seguite per un lungo periodo di tempo, coloro che hanno avuto periodi di follow-up più brevi potrebbero non aver assunto i farmaci abbastanza a lungo da sperimentare tutti i loro benefici nella prevenzione degli eventi di malattie cardiovascolari. La maggior parte dei partecipanti che assumevano ACE-inibitori (80%) stava assumendo lisinopril e l’ARB più utilizzato (45% di coloro che assumevano questa classe di farmaci) era il losartan, quindi i risultati potrebbero non essere completamente generalizzabili ad altri medicinali di queste classi. È anche importante notare che i risultati di questa analisi della terapia di prima linea potrebbero non essere generalizzabili alle persone con ipertensione a cui è stato prescritto un trattamento combinato o che passano da un tipo di farmaco a un altro.

 

 

Articolo precedenteHubble rivela segni della presenza di acqua su Ganimede, la luna di Giove
Articolo successivoCon l’intelligenza artificiale si può prevedere la sopravvivenza della paziente con tumore al seno
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

tredici − 5 =