Home Astronomia Perseverance raccoglie il primo campione di roccia marziana

Perseverance raccoglie il primo campione di roccia marziana

443
0
Il primo campione di roccia di Marte di Perseverance è visto all'interno del suo tubo contenitore in titanio in questa immagine presa dalla fotocamera del sistema di campionamento e cache del rover (nota come CacheCam). Crediti: NASA

Il rover Perseverance della NASA ha completato nei giorni scorsi la raccolta del primo campione di roccia marziana, un nucleo del cratere Jezero leggermente più spesso di una matita. I controllori di missione del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA nel sud della California hanno ricevuto dati che hanno confermato lo storico traguardo.

Solo poche settimane fa avevamo presentato in un precedente articolo il fallimento del primo tentativo di carotaggio marziano, quando nonostante la trivellazione fosse andata a buon fine nessun campione di terreno era in realtà finito nei contenitori della sonda.

adv

Il nucleo di terreno raccolto è ora racchiuso in un tubo campione in titanio ermetico, che lo rende disponibile per il recupero in futuro.

Attraverso la campagna Mars Sample Return, la NASA e l’ESA (Agenzia spaziale europea) stanno pianificando una serie di missioni future per riportare i tubi campione del rover sulla Terra per uno studio più approfondito. Questi campioni sarebbero la prima serie di materiali scientificamente identificati e selezionati restituiti al nostro pianeta da un altro.

“La NASA ha una storia di definizione di obiettivi ambiziosi e poi di realizzarli, riflettendo l’impegno della nostra nazione per la scoperta e l’innovazione”, ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson. “Questo è un risultato epocale e non vedo l’ora di vedere le incredibili scoperte prodotte da Perseverance e dal nostro team”.

Proprio come le missioni Apollo

Oltre a identificare e raccogliere campioni di roccia e regolite (roccia rotta e polvere) durante la ricerca di segni di antica vita microscopica, la missione di Perseverance include lo studio della regione di Jezero, per comprendere la geologia e l’antica abitabilità dell’area, nonché per caratterizzare il passato clima.

“Per tutta la scienza della NASA, questo è davvero un momento storico”, ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la scienza presso la sede della NASA a Washington. “Proprio come le missioni Apollo sulla Luna hanno dimostrato il valore scientifico duraturo di restituire campioni da altri mondi per l’analisi qui sul nostro pianeta, faremo lo stesso con i campioni raccolti da Perseverance, come parte del nostro programma Mars Sample Return. Utilizzando gli strumenti scientifici più sofisticati sulla Terra, ci aspettiamo scoperte sbalorditive in un’ampia gamma di aree scientifiche, inclusa l’esplorazione della questione se una volta esistesse la vita su Marte”.

Trasmettere i risultati sulla Terra

Il processo di prelievo dei campioni è iniziato mercoledì 1° settembre, quando il trapano a percussione rotante all’estremità del braccio robotico di Perseverance ha trapanato una roccia marziana piatta, grande quanto una valigetta, soprannominata “Rochette”.

Dopo aver completato il processo di carotaggio, il braccio ha manovrato il carotatore, la punta e il tubo del campione in modo che lo strumento della fotocamera Mastcam-Z del rover potesse visualizzare il contenuto del tubo ancora non sigillato e trasmettere i risultati sulla Terra. Dopo che i controllori della missione hanno confermato la presenza della roccia scavata nel tubo, hanno inviato un comando per completare l’elaborazione del campione.

Il 6 settembre Perseverance ha trasferito il tubo campione numero di serie 266 e il suo carico marziano all’interno del rover per misurare e visualizzare il nucleo di roccia. Quindi ha sigillato ermeticamente il contenitore, ha ripreso un’altra immagine e ha conservato il tubo.

“Con oltre 3.000 parti, il sistema di campionamento e memorizzazione nella cache è il meccanismo più complesso mai inviato nello spazio”, ha affermato Larry D. James, direttore ad interim di JPL. “Il nostro team di Perseverance è entusiasta e orgoglioso di vedere il sistema funzionare così bene su Marte e fare il primo passo per restituire i campioni sulla Terra. Riconosciamo anche che un team mondiale di NASA, partner industriali, università e agenzie spaziali internazionali ha contribuito e condivide questo storico successo”.

Gli strati più profondi e antichi di roccia

Perseverance sta attualmente esplorando gli affioramenti rocciosi e i massi di “Artuby”, una cresta di oltre 900 metri al confine con due unità geologiche che si ritiene contengano gli strati più profondi e antichi di roccia esposta del cratere Jezero.

“Ottenere il primo campione sotto la nostra cintura è un’enorme pietra miliare”, ha affermato lo scienziato del progetto Perseverance Ken Farley di Caltech. “Quando riporteremo questi campioni sulla Terra, ci diranno molto su alcuni dei primi capitoli dell’evoluzione di Marte. Ma per quanto geologicamente intrigante sarà il contenuto della provetta 266, non racconteranno la storia completa di questo luogo. C’è ancora molto Jezero Crater da esplorare e continueremo il nostro viaggio nei mesi e negli anni a venire”.

L’incursione scientifica iniziale del rover, che copre centinaia di sol (giorni marziani), sarà completa quando Perseverance tornerà al suo sito di atterraggio. A quel punto, Perseverance avrà viaggiato tra 2,5 e 5 chilometri e potrebbe aver riempito fino a otto dei suoi 43 tubi campione.

Dopodiché, Perseverance viaggerà a nord, poi a ovest, verso il luogo della sua seconda campagna scientifica: la regione del delta del cratere Jezero. Il delta rappresenta le vestigia a forma di ventaglio del punto in cui un antico fiume incontrava un lago all’interno del cratere. La regione può essere particolarmente ricca di minerali argillosi. Sulla Terra, tali minerali possono preservare i segni fossili dell’antica vita microscopica e sono spesso associati a processi biologici.

Le successive missioni della NASA

Un obiettivo chiave per la missione di Perseverance su Marte è l’astrobiologia, inclusa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima del passato, aprirà la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere e nascondere rocce e regolite marziane.

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’ESA, invieranno veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

La missione Mars 2020 Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione Moon to Mars della NASA, che include le missioni Artemis sulla Luna che aiuteranno a prepararsi per la prima missione di esplorazione umana sul Pianeta Rosso.

Articolo precedenteLe nuove linee guida ESC 2021: insufficienza cardiaca
Articolo successivoParacetamolo in gravidanza: da utilizzare con estrema attenzione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

diciannove − 17 =