Home Divulgazione scientifica Immerse nell’acqua per 5 giorni, per ricreare gli effetti del volo spaziale

Immerse nell’acqua per 5 giorni, per ricreare gli effetti del volo spaziale

541
0
Copyright: Medes

In questo periodo 20 donne si stanno infilando in un letto ad acqua, per cinque giorni, come parte di uno studio di immersione a secco per ricreare alcuni degli effetti del volo spaziale sul corpo. La campagna è iniziata con i primi due soggetti presso la clinica spaziale Medes a Tolosa, in Francia.

I volontari si sdraiano in contenitori simili a vasche da bagno ricoperti da un tessuto impermeabile per mantenerli asciutti e sospesi uniformemente nell’acqua. Di conseguenza, il corpo sperimenta “l’assenza di supporto”, qualcosa di simile a quello che provano gli astronauti mentre galleggiano sulla Stazione Spaziale Internazionale.

adv

Immersione a secco, tutta al femminile

Questa è l’unica seconda volta che si svolge una campagna di immersione a secco con partecipanti tutte al femminile, ed è la prima in Europa. L’ESA ha deciso di avviare lo studio, chiamato Vivaldi, per affrontare il divario di genere nei dati scientifici.

“Non c’è quasi nessuna conoscenza degli effetti fisiologici e psicologici sulle donne in quest’area di ricerca. Uno studio sull’immersione a secco tutto al femminile si aggiungerà alle precedenti campagne maschili condotte in Europa e in Russia”, afferma Angelique Van Ombergen, responsabile della disciplina dell’ESA per le scienze della vita.

I volontari avranno movimenti limitati in un ambiente monotono e sperimenteranno cambiamenti nei fluidi corporei e nella mobilità, nonché nella percezione del proprio corpo. I risultati potrebbero avere un grande potenziale per studiare gli effetti dannosi del volo spaziale e dei disturbi del movimento per i pazienti anziani immobilizzati sulla Terra.

Una giornata in un letto ad acqua

L’immersione inizia quando l’acqua ricopre il soggetto sopra il torace, immobilizzato con gambe e tronco ricoperti da un lenzuolo di cotone. Solo le braccia e la testa rimangono libere fuori dal telo.

I volontari trascorrono quasi 24 ore al giorno nella vasca di immersione, limitando il più possibile i loro movimenti. Ogni giorno inizia alle 7 del mattino con campioni di urina e sangue ed è pieno di protocolli scientifici e misurazioni per studiare come si adatta il corpo.

Tutte le attività, dal tempo libero all’igiene, vengono svolte entro i limiti dell’immersione. Durante i pasti è consentito solo un piccolo cuscino per facilitare il consumo. La doccia e il trasferimento ad altri esperimenti vengono eseguiti all’esterno della vasca mentre sono sdraiati sulla schiena e con la testa inclinata di 6 gradi verso il basso, per ridurre al minimo i cambiamenti di fluido.

In assenza di gravità, i corpi degli astronauti perdono densità muscolare e ossea, la vista cambia e i fluidi si spostano nel cervello. Trovare modi per rimanere in buona salute in orbita è una parte importante della ricerca sui voli spaziali umani.

I risultati di questo tipo di ricerca non solo avvantaggiano gli astronauti, ma hanno implicazioni per i pazienti sulla Terra e per gli anziani.

 

Articolo precedenteCOVID-19: i casi di depressione e ansia sono aumentati di oltre un quarto durante la pandemia
Articolo successivoIn bambini e adolescenti: più si usa telefono e PC peggiore è il sonno
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

7 + 19 =