Home Cardiologia Nei fumatori il primo segno di una malattia cardiovascolare può essere un...

Nei fumatori il primo segno di una malattia cardiovascolare può essere un infarto o un ictus fatali

315
0

In alcuni fumatori la malattia aterosclerotica può manifestarsi per la prima volta in modo drammatico, come un infarto miocardico o un ictus fatali. Questo evento inatteso può così irrompere nella vita di una persona, apparentemente senza alcun preavviso. Questa scoperta è stata presentata recentemente in articolo pubblicato sul Journal of American Heart Association.

Un italiano su quattro fuma

Decenni di ricerche collegano il fumo di sigaretta alla morte prematura, causata da malattie cardiovascolari e altre malattie come il cancro ai polmoni. Secondo Heart and Stroke Statistical Update 2021 dell’American Heart Association, più di 480.000 adulti statunitensi muoiono ogni anno a causa del fumo di sigaretta. Nonostante la crescente consapevolezza sui benefici per la salute derivanti dallo smettere di fumare, più di 34 milioni di adulti negli Stati Uniti fumano ancora sigarette.

adv

In Italia, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, in base ai dati 2017-2020, la maggioranza degli adulti tra i 18 e i 69 anni non fuma (58%) o ha smesso di fumare (18%), ma un italiano su quattro fuma (24%). Il consumo medio giornaliero è di circa 12 sigarette, tuttavia quasi un quarto dei fumatori ne consuma più di un pacchetto. Dal 2008, la percentuale di fumatori va riducendosi significativamente in tutto il territorio italiano.

“Spesso c’è più consapevolezza e preoccupazione per il cancro a causa del fumo rispetto alle malattie cardiache, quindi volevamo definire meglio i rischi del fumo legati ai diversi tipi di malattie cardiovascolari e, soprattutto, alla morte cardiovascolare”, ha affermato l’autore principale dello studio. Sadiya S. Kahn, assistente professore di medicina nella divisione di cardiologia presso la Feinberg School of Medicine della Northwestern University di Chicago. “Nella nostra analisi, anche dopo aver aggiustato per i decessi non correlati al cuore, come quelli dovuti al cancro ai polmoni, abbiamo scoperto che gli eventi fatali o non fatali legati alle malattie cardiovascolari hanno maggiori probabilità di verificarsi tra le persone che fumano”.

Il numero di anni vissuti con e senza malattie

I ricercatori hanno raccolto i dati di nove studi di coorte a lungo termine negli Stati Uniti, per valutare molteplici fattori dello stile di vita, nonché gli esiti cardiovascolari e di altro tipo. L’analisi ha incluso i dati di 106.165 adulti (50,4% donne, 16,2% adulti neri, 50,1% fumatori di sigarette) di età compresa tra 20 e 79 anni, che all’inizio degli studi erano privi di malattie cardiovascolari. La nuova analisi ha classificato i partecipanti per status di fumatore (sì o no, auto-riferito al momento dell’iscrizione allo studio); età (giovani: da 20 a 39 anni; età media: da 40 a 59; e più anziani: da 60 a 79); e sesso.

Utilizzando i dati combinati, i ricercatori hanno stimato il numero di anni vissuti con e senza malattie cardiovascolari in base allo stato di fumatore. Hanno quindi esaminato l’associazione tra fumo ed eventi cardiovascolari, dopo aver tenuto conto della morte per altre malattie come il cancro ai polmoni. Per tener conto dei fattori confondenti, sono stati apportati aggiustamenti per età, razza, indice di massa corporea (BMI), pressione sanguigna e livelli di colesterolo. Il tempo di follow-up per i partecipanti allo studio variava da 10 a 25 anni.

Un evento cardiovascolare fatale come primo segno di malattia

Le maggiori differenze nei rischi e nei decessi tra i partecipanti che hanno fumato e quelli che non hanno fumato si sono verificati durante la mezza età.

L’analisi ha rilevato che le donne di mezza età che fumavano avevano quasi il doppio delle probabilità rispetto alle donne non fumatrici di avere un evento cardiovascolare fatale come primo segno di malattia.

Gli uomini di mezza età che fumavano avevano una probabilità del 79% di avere un evento cardiovascolare fatale come primo segno di malattia cardiovascolare. Circa 1,5 volte più probabile rispetto agli uomini di mezza età che non fumavano.

Per le donne di mezza età, i tassi a lungo termine di rischio cardiovascolare erano quasi il 10% più alti in coloro che fumavano rispetto a coloro che non fumavano (34,7% per le fumatrici; 24,8% per le non fumatrici).

Gli uomini di mezza età che fumavano avevano un rischio a lungo termine di malattie cardiovascolari superiore di oltre il 10% rispetto agli uomini che non fumavano (46% per i fumatori; 35,8% per gli uomini non fumatori).

Il fumo è stato associato allo sviluppo di malattie cardiovascolari ad un’età precoce rispetto ai non fumatori, di cinque anni negli uomini di mezza età e di quasi quattro anni nelle donne di mezza età. Risultati simili sono stati osservati negli adulti più giovani e più anziani, così che in tutti i partecipanti non fumatori di tutte le età e gruppi di sesso è stato osservato un numero maggiore di anni vissuti senza una malattia cardiovascolare.

“I nostri risultati rilevano che prevenire un infarto, ictus o insufficienza cardiaca è vitale, ma prevenire la morte improvvisa inaspettata, come prima manifestazione di malattie cardiovascolari, è chiaramente una priorità. Le persone che fumano potrebbero non rendersi conto del danno che le sigarette stanno causando al loro corpo finché non è troppo tardi”, ha detto Khan. “Un altro risultato degno di nota tra le persone che fumavano era l’insorgenza precoce di una malattia cardiovascolare. Non ci sono molte ricerche sui giovani adulti che fumano, in particolare tra i giovani uomini. Il nostro studio aggiunge una prospettiva importante”.

Infarto, ictus e scompenso cardiaco

Tra i giovani adulti, di età compresa tra 20 e 39 anni, l’analisi ha rilevato che il rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare è iniziato ad aumentare significativamente nei giovani uomini che fumavano vicino al follow-up di 10 anni, mentre nelle giovani donne l’aumento del rischio di malattie cardiovascolari in coloro che fumavano è diventato più evidente vicino al follow-up di 20 anni.

Per quanto riguarda i sottotipi di malattia cardiovascolare, i giovani uomini che fumavano avevano il più alto rischio a lungo termine di infarto miocardico (24%), mentre le giovani donne avevano il più alto rischio a lungo termine (11,3%) per altre cause di morte CV, come ictus o insufficienza cardiaca.

Tra tutti i gruppi di età, la maggior parte dei primi eventi cardiovascolari sono stati infarti del miocardio fatali o non fatali. Gli ictus fatali e non fatali sono state le successive cause principali del primo evento cardiovascolare tra quelli del gruppo di età giovane. L’insufficienza cardiaca è stata la seconda causa principale tra i gruppi di mezza età e gli anziani.

Khan ha affermato che questi risultati enfatizzano il contributo del fumo all’insorgenza più precoce di una malattia cardiovascolare in generale e hanno anche influenzato l’eccesso di rischio fino all’ottava decade di vita, sia negli uomini che nelle donne, anche dopo essersi aggiustati per il rischio concorrente di morte non cardiovascolare.

Prima è, meglio è

Sulla base di questi risultati, i ricercatori suggeriscono che tutte le persone che fumano dovrebbero parlare con i loro medici o altri operatori sanitari per intraprendere azioni efficaci e precoci che portino all’abolizione del fumo, migliorando la loro salute cardiovascolare.

“La cessazione del fumo è molto impegnativa ed è importante rivolgersi al proprio medico o ad altri operatori sanitari per supporto e risorse: prima è, meglio è”, ha affermato Khan. “Questa insorgenza precoce di malattie cardiache e ictus è cruciale da considerare con l’invecchiamento e le già note complicazioni dell’invecchiamento”.

Lo studio presentava alcune limitazioni. L’abitudine al fumo si basava sul rapporto dei partecipanti all’inizio dello studio, quindi alcuni avrebbero potuto smettere o iniziare a fumare durante il follow-up, cosa che non sarebbe stata rilevata. Khan ha anche notato che non sono stati in grado di raccogliere più dettagli sulle persone che hanno fumato, come il numero di anni in cui i partecipanti hanno fumato, il numero di sigarette fumate al giorno o se negli studi sono state incluse le persone che avevano fumato in precedenza.

“Nonostante questi limiti, i risultati sono piuttosto significativi”, ha detto Khan.

“Questi risultati offrono un messaggio molto convincente che le persone che fumano hanno bisogno di sentire: il fumo può ucciderti prima ancora che tu sappia di avere una malattia cardiovascolare. Può, infatti, essere un killer silenzioso”, ha affermato Esa M. Davis, membro del Council on Lifestyle and Cardiometabolic Health dell’American Heart Association, dell’Università di Pittsburgh, Medical Center. “Infarti, ictus e altri tipi di malattie cardiovascolari non sempre hanno sintomi precoci, quindi se non sai di avere una malattia cardiovascolare, non può essere trattata. Puoi aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari non fumando mai o smettendo di fumare il prima possibile”.

 

Articolo precedenteVariante Omicron: il rapporto dell’OMS
Articolo successivoCOVID-19: con i vaccini la carica virale si riduce più rapidamente
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

18 + tredici =