Home In Evidenza Osteoartrite del ginocchio: l’importanza di ridurre il peso

Osteoartrite del ginocchio: l’importanza di ridurre il peso

336
0

Uno studio randomizzato ha scoperto che programmi mirati per svolgere esercizi fisici e per perdere peso, proposti al paziente attraverso sistemi di telemedicina, con un supporto educativo online, hanno migliorato la funzionalità articolare nelle persone con osteoartrite del ginocchio in sovrappeso od obese.

L’intervento, che includeva una componente dedicata alla dieta, ha conferito un modesto dolore aggiuntivo e fornito importanti benefici funzionali, portando a una sostanziale perdita di peso. I risultati di questo nuovo studio sono stati pubblicati recentemente sulla rivista Annals of Internal Medicine.

adv

Quando il ginocchio si infiamma

L’osteoartrite colpisce più di 32,5 milioni di adulti negli Stati Uniti. In Italia, il rapporto Istat “Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari”, pubblicato nel 2001 e relativo all’anno 1999, rileva che le artriti sono le malattie più frequentemente dichiarate tra quelle croniche: oltre il 18 %, più precisamente il 22,8% tra le donne e il 13,6% tra gli uomini. Secondo i dati proposti dall’Associazione nazionale malati reumatici, nel nostro paese ci sono oltre 5 milioni di persone affette da questa condizione, circa l’8% della popolazione.

L’osteoartrite rappresenta un grave problema di salute pubblica in tutto il mondo. L’artrosi del ginocchio è comunemente associata a sovrappeso e obesità, che aggravano il dolore e la disabilità, accelerano la progressione dell’osteoartrosi e aumentano la probabilità di richiedere costosi interventi chirurgici al ginocchio.

Per questo, sono necessari programmi dedicati all’osteoartrite del ginocchio, per fornire interventi di educazione, guidare allo svolgimento di un programma specifico di esercizio fisico e per indirizzare una dieta adeguata per perdere peso.

La telemedicina per l’osteoartrite del ginocchio

I ricercatori dell’Università di Melbourne, in Australia, hanno reclutato 416 persone con dolore persistente al ginocchio per partecipare allo studio Better Knee, Better Me. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei due programmi di telemedicina di 6 mesi: uno con esercizi fisici e dieta, uno con soli esercizi fisici. A questi si è aggiunto un gruppo di controllo che ha ricevuto solo semplici informazioni sulla malattia.

Durante la sperimentazione, i partecipanti ai gruppi di intervento hanno ricevuto supporto da fisioterapisti e dietologi tramite la piattaforma di comunicazione a distanza Zoom e hanno potuto accedere a una serie di risorse educative disponibili online. Quelli del gruppo esercizio più dieta hanno ricevuto inoltre sostituti del pasto, in modo da poter mantenere una dieta chetogenica e ipocalorica.

Una maggiore riduzione del dolore

A 6 mesi, i ricercatori hanno scoperto che, rispetto al gruppo di controllo, i partecipanti a entrambi i programmi di telemedicina hanno evidenziato miglioramenti significativi nel dolore al ginocchio, nella funzione fisica e nella qualità della vita, che sono stati mantenuti anche nel lungo termine.

Rispetto al programma di solo esercizio, il programma combinato di esercizi e dieta ha portato a ulteriori benefici, tra cui una maggiore riduzione del dolore, maggiori miglioramenti della funzione fisica, un minor uso di farmaci antidolorifici e una perdita di peso media di circa 10 kg nel corso dei sei mesi di follow-up.

Secondo i ricercatori, questi risultati suggeriscono che i programmi di telemedicina rappresentano una modalità utile e facilmente accessibile per le persone con osteoartrite del ginocchio che consente loro di ricevere gli interventi raccomandati per il miglioramento della malattia.

Articolo precedenteNuova Lexus ES 300h: la berlina ibrida un po’ coupé
Articolo successivoUna macchina per risonanza magnetica a basso costo per estendere la disponibilità dell’esame
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

20 + 13 =