Home Cardiologia Livelli più elevati di SHBG associati a un aumento del rischio cardiovascolare

Livelli più elevati di SHBG associati a un aumento del rischio cardiovascolare

258
0
Copyright AHA

Uno studio di coorte che ha valutato un periodo di follow-up di 9 anni ha rilevato che livelli più elevati di globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) erano associati a un aumento del rischio di eventi cardiovascolari negli uomini di età compresa tra 40 e 69 anni. Al contrario, le concentrazioni endogene di testosterone totale non erano associate al rischio di eventi cardiovascolari. I risultati di questa ricerca sono pubblicati recentemente nella rivista Annals of Internal Medicine.

Un aumento del rischio relativo di infarto miocardico

Il SHBG è la proteina trasportatrice del testosterone circolante, ma pochi studi hanno tentato di determinare se il livello di questa sostanza, indipendentemente dal testosterone, fosse associato a eventi di tipo cardiovascolare.

adv

I ricercatori dell’Università dell’Australia occidentale hanno valutato i dati della Biobanca britannica che riguardavano 210.700 uomini di età compresa tra 40 e 69 anni. Lo scopo è stato quello di analizzare le associazioni tra i livelli di testosterone totale sierico e SHBG con gli eventi cardiovascolari incidenti.

Durante il periodo di follow-up di 9 anni, 8.790 uomini hanno avuto un evento cardiovascolare. Dopo un’analisi adattata per i fattori sociodemografici e clinici, gli stili di vita e gli stessi livelli di SHBG, gli autori hanno scoperto che i livelli totali di testosterone non erano associati ad un rischio di eventi cardiovascolari. Al contrario, dopo aver aggiustato l’analisi per tutti i precedenti fattori, e per i livelli di testosterone totale, hanno scoperto che gli uomini con valori di SHBG più bassi avevano un aumentato rischio relativo di infarto miocardico. Al contrario però diminuivano i rischi relativi di ictus ischemico e insufficienza cardiaca, rispetto agli uomini con livelli più alti di SHBG. Secondo gli autori, i risultati indicano che negli uomini di questa età, i livelli totali di testosterone non prevedono lo sviluppo di eventi cardiovascolari, mentre i livelli di SHBG potrebbero fungere da efficace biomarcatore per queste malattie.

Articolo precedenteNegli USA: tassi di mortalità per infarto più alti tra gli uomini di mezza età
Articolo successivoUno speciale inchiostro fotovoltaico per sostituire il silicio
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

undici − 9 =