Home Cardiologia Gli integratori utilizzati dagli atleti possono mettere a rischio il cuore: un...

Gli integratori utilizzati dagli atleti possono mettere a rischio il cuore: un documento dell’ESC

623
0

Secondo un documento pubblicato dalla Società Europea di Cardiologia (ESC) sullo European Journal of Preventive Cardiology, gli integratori alimentari assunti per aumentare le prestazioni atletiche possono rappresentare dei rischi per il cuore.

“Gli integratori alimentari sono comunemente visti come sostanze prive di rischi che possono migliorare le prestazioni”, afferma il documento. “Alcuni integratori alimentari, inclusi vari estratti vegetali ed estratti ‘naturali’, possono rappresentare un serio rischio per la salute e gli atleti possono persino rischiare di contravvenire alle regole antidoping”.

adv

“Gli atleti che usano integratori spesso non sono a conoscenza dei loro effetti sulle prestazioni sportive e sulla salute generale”, continua il documento. “È stato riferito che la maggior parte degli atleti riceve consigli nutrizionali da allenatori, colleghi atleti, familiari e amici, suggerendo che sono necessari interventi educativi più ampi”.

Per gli atleti che utilizzano integratori alimentari vengono indicati alcuni punti chiave. Innanzitutto, va stabilito che un integratore naturale non è necessariamente un integratore sicuro. Va inoltre considerato che è preferibile utilizzare prodotti provenienti da aziende affermate, con standard di buona qualità.

Inoltre, gli atleti devono essere consapevoli che sono personalmente responsabili delle sostanze che consumano. Infine, viene ricordato che nello sport, così come nella vita di tutti i giorni, l’ignoranza non è accettata come scusa in caso di test antidoping positivo.

Le morti tra gli atleti per doping con steroidi androgeni anabolizzanti

Il documento di sintesi delinea gli effetti cardiovascolari durante lo sport di sostanze dopanti, farmaci prescritti e da banco, integratori legali per il miglioramento delle prestazioni e farmaci sperimentali.

Il doping si riferisce all’uso di una sostanza o di un metodo potenzialmente pericoloso per la salute degli atleti, potenzialmente in grado di migliorarne le prestazioni. Per fare un esempio, si stima che le morti tra gli atleti per doping con gli steroidi androgeni anabolizzanti siano 6-20 volte superiori rispetto agli atleti puliti e circa il 30% di questi decessi può essere attribuito a cause cardiovascolari.

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) mantiene un elenco di droghe proibite, ma le sostanze nutritive non sono incluse poiché molte non sono regolamentate e non autorizzate. L’uso di supplementi legali da parte degli atleti varia tra il 40% e il 100% a seconda dello sport e del livello di competizione. Destinati a migliorare le prestazioni e dare un vantaggio competitivo, gli integratori legali includono caffeina, creatina, bevande/gel/barrette energetiche, succo di barbabietola e proteine.

“La caffeina è un ottimo esempio di sostanza naturale considerata sicura”, ha affermato il primo autore, il dottor Paolo Emilio Adami di World Athletics, l’organo di governo mondiale dell’atletica leggera. “Sebbene la caffeina migliori le prestazioni, in particolare la capacità aerobica negli atleti di resistenza, il suo abuso può portare a battito cardiaco accelerato, disturbi del ritmo cardiaco, pressione alta e, in alcuni casi, morte cardiaca improvvisa”.

“La filosofia ‘più è meglio’, se applicata all’uso della caffeina negli sport, può causare effetti collaterali che superano i vantaggi in termini di prestazioni”, afferma il documento.

Il rischio di ingerire sostanze vietate

Molti atleti d’élite consumano quotidianamente una combinazione di integratori e il documento afferma: “Purtroppo, è pratica comune per gli atleti ignorare le raccomandazioni sul dosaggio e utilizzare più farmaci contemporaneamente”. Gli sportivi dovrebbero essere consapevoli del fatto che l’uso di integratori li espone al rischio di ingerire sostanze vietate poiché sono regolamentati come ingredienti alimentari e non soggetti ai rigorosi standard di sicurezza dei prodotti farmaceutici.

Il documento avverte che il desiderio e il consenso degli atleti di utilizzare farmaci sperimentali che non si sono dimostrati sicuri nell’uomo è potenzialmente anche più rischioso dell’uso di steroidi o altri farmaci proibiti. L’uso continuo di modulatori o peptidi selettivi del recettore degli androgeni “comporta un rischio sostanziale di conseguenze dannose per la salute a lungo termine, che di solito sono sottovalutate dai loro promotori”, afferma il documento. Sottolinea inoltre che il doping genico per migliorare la forza, ridurre il dolore e riparare i tessuti è “previsto che si verifichi dietro le quinte con azioni protettive limitate e di conseguenza maggiori rischi per la salute” e “costituisce una grande minaccia di grande preoccupazione per il futuro della manipolazione delle prestazioni umane”.

Un cocktail di sostanze per migliorare le prestazioni

Il Dr. Adami ha affermato: “In molti casi gli sportivi usano una miscela o un cocktail di sostanze per migliorare le proprie prestazioni e anche l’interazione tra di loro può essere estremamente pericolosa. Tutte le sostanze dopanti sono rischiose e il loro uso come farmaci dovrebbe essere consentito solo se prescritto da un medico per il trattamento di una condizione medica, quando non sono disponibili alternative terapeutiche e in base ai requisiti di esenzione per uso terapeutico. In base alla dose, la durata dell’uso, e l’interazione con altre sostanze, le conseguenze per la salute possono variare e in alcuni casi essere letali. Dal punto di vista cardiovascolare possono causare morte cardiaca improvvisa e aritmie, aterosclerosi e infarto, ipertensione, insufficienza cardiaca e trombosi”.

Ha continuato: “Gli atleti dovrebbero essere consapevoli che gli integratori e le sostanze naturali non sono necessariamente sicuri e dovrebbero essere usati solo se consigliati da nutrizionisti professionisti. È fondamentale utilizzare prodotti di produttori affermati con note e standard di buona qualità approvati a livello internazionale”.

Il Dr. Adami ha concluso: “Gli atleti sono sempre personalmente responsabili delle sostanze che consumano. L’ignoranza non è accettata come scusa in relazione a un test antidoping positivo. In quelli con malattie cardiovascolari accertate, è sempre necessario consultare un medico sportivo o un cardiologo sportivo prima di utilizzare qualsiasi aiuto o integratore per le prestazioni”.

 

Articolo precedenteExpert Focus: le nuove linee guida ESC sullo scompenso cardiaco. Intervista con il Prof. Francesco Tona – Parte 1
Articolo successivoExpert Focus: le nuove linee guida ESC sullo scompenso cardiaco. Intervista con il Prof. Francesco Tona – Parte 2
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui