Home In Evidenza La velocità della nostra mente è stabile fino a 60 anni

La velocità della nostra mente è stabile fino a 60 anni

178
0

La velocità con cui il nostro cervello elabora le informazioni è stabile fino all’età di 60 anni. E’ quanto mette in luce una recente analisi condotta su oltre un milione di partecipanti e pubblicata sulla rivista Nature Human Behaviour. I risultati di questo studio sfidano le precedenti ipotesi secondo cui la velocità mentale raggiunge il picco all’età di 20 anni e inizia successivamente a declinare.

I tempi di reazione a un compito cognitivo

Con l’avanzare dell’età il nostro cervello diventa meno produttivo e generalmente impiega più tempo per reagire ai cambiamenti dell’ambiente o agli stimoli esterni. Differenti studi hanno evidenziato come questo rallentamento del tempo di risposta inizia dall’età di circa 20 anni, continuando gradualmente ad aumentare con l’avanzare dell’età.

adv

Mischa von Krause e colleghi hanno analizzato i dati rilevati da oltre un milione di partecipanti a un esperimento svolto online che misurava i loro tempi di reazione a un compito cognitivo. I soggetti inclusi nell’analisi hanno dovuto classificare una selezione di parole e immagini che apparivano su uno schermo premendo il tasto corretto in risposta.

Un aumento della cautela decisionale

Gli autori hanno scoperto che, sebbene i tempi di risposta abbiano iniziato a rallentare dopo i 20 anni, ciò potrebbe essere attribuito a un aumento della cautela decisionale e a processi non decisionali più lenti, come il tempo impiegato per premere il tasto. Il processo mentale per prendere la decisione sulla risposta corretta, tuttavia, non ha iniziato a rallentare fino all’età di 60 anni, dopodiché è progressivamente diminuito.

Gli autori concludono che, nonostante una credenza diffusa che i rallentamenti legati all’età nella velocità mentale siano piuttosto precoci, i loro risultati evidenziano come per gran parte della nostra vita, e durante il lasso di tempo di una tipica carriera, questo decadimento non avviene in modo significativo.

 

Articolo precedentePubblicate le nuove linee guida nordamericane sullo scompenso cardiaco
Articolo successivoExpert Focus: come nasce un farmaco? Dalla sintesi della molecola al bancone della farmacia. Parte 2
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

10 − uno =