Home In Evidenza Virus respiratorio sinciziale: nel 2019 ha causato oltre 100.000 morti nei bambini...

Virus respiratorio sinciziale: nel 2019 ha causato oltre 100.000 morti nei bambini al di sotto dei 5 anni

158
0

Un nuovo studio stima che l’infezione acuta delle basse vie respiratorie attribuibile al virus respiratorio sinciziale (RSV) sia stata responsabile di oltre 100.000 decessi in bambini sotto i cinque anni in tutto il mondo nel 2019. Lo studio, recentemente pubblicato sulla rivista The Lancet, è il primo a esaminare il carico di malattia da RSV in fasce di età ristrette, riportando che ci sono stati oltre 45.000 decessi in bambini di età inferiore ai sei mesi nel 2019, con uno su cinque dei casi globali totali di RSV che si sono verificati in questa fascia di età.

I bambini di sei mesi e più giovani sono particolarmente vulnerabili

“Il virus respiratorio sinciziale è la causa predominante di infezione acuta delle basse vie respiratorie nei bambini piccoli e le nostre stime aggiornate rivelano che i bambini di sei mesi e più giovani sono particolarmente vulnerabili, con i casi in aumento poiché le restrizioni COVID-19 si stanno allentando in tutto il mondo e la maggior parte dei bambini piccoli nati negli ultimi due anni non sono mai stati esposti al virus respiratorio sinciziale (e quindi non hanno immunità contro questo virus). Con numerosi candidati al vaccino in cantiere, le nostre stime per fasce di età più ristrette aiutano a identificare i gruppi a cui dovrebbe essere data la priorità, comprese le persone in gravidanza, in modo che i bambini nelle fasce di età più giovani possano essere protetti, in modo simile alle attuali strategie che offrono vaccini per la pertosse, tifo e tetano alle persone in gravidanza”, afferma Harish Nair, coautore dell’articolo, Università di Edimburgo, nel Regno Unito.

adv

Nel 2019 ci sono stati 118.200 decessi complessivi a causa del virus respiratorio sinciziale

I risultati di questo nuovo studio sono sostanzialmente coerenti con le stime precedenti di uno studio del 2015, che collocava il numero di casi annuali di virus respiratorio sinciziale nei bambini fino a cinque anni a 33,1 milioni, con un totale di 118.200 decessi complessivi.

Tuttavia, questi calcoli aggiornati della mortalità da virus respiratorio sinciziale a livello globale, regionale e nazionale per l’anno 2019 includono modelli di dati provenienti da oltre cento nuovi studi, consentendo ai ricercatori di fornire stime per gruppi di età più ristretti, compresi quelli da 28 giorni a sei mesi, che è nota per essere la fascia di età con il più alto tasso di mortalità per virus respiratorio sinciziale e tassi di mortalità nella comunità (cioè decessi che non si sono verificati in un ospedale).

In tutto il mondo nel 2019 si sono verificati 33 milioni di episodi di infezione delle vie respiratorie inferiori acute associati a virus respiratorio sinciziale in bambini di età inferiore ai cinque anni, che hanno portato a 3,6 milioni di ricoveri ospedalieri, 26.300 decessi in ospedale e 101.400 decessi complessivi attribuibili al virus, compresi i decessi nella comunità. Ciò rappresenta un caso su 50 o il 2% dei decessi annuali per qualsiasi causa in questa fascia di età.

Ben 45.700 decessi al di sotto dei sei mesi di età

Per i bambini di età inferiore ai sei mesi, nel 2019 si sono verificati 6,6 milioni di episodi di infezione delle vie respiratorie acute associate a virus respiratorio sinciziale a livello globale. Ci sono stati 1,4 milioni di ricoveri ospedalieri, 13.300 decessi ospedalieri e 45.700 decessi complessivi attribuibili a questo microrganismo in questa fascia di età, pari a uno su 50, ovvero il 2,1% dei decessi annuali per qualsiasi causa.

Sulla base delle stime dei tassi di mortalità in ospedale rispetto a quelli complessivi per virus respiratorio sinciziale, a livello globale solo il 26%, o circa un decesso associato per questa causa su quattro, si verifica in un ospedale. Ciò è particolarmente evidente nei paesi a basso e medio reddito, dove il rapporto tra casi di decesso in ospedale per i bambini sotto i cinque anni è dell’1,4%, rispetto allo 0,1% nei paesi ad alto reddito. Complessivamente, il 97% dei decessi per virus respiratorio sinciziale nei bambini sotto i cinque anni si è verificato nei paesi a basso e medio reddito.

La disponibilità alle cure ospedaliere è ancora limitata

“Il nostro studio stima che tre quarti dei decessi per virus respiratorio sinciziale si verificano al di fuori di un ambiente ospedaliero. Questo divario è ancora maggiore nei paesi a basso e medio reddito, specialmente nei bambini di età inferiore ai sei mesi, dove oltre l’80% dei decessi si verifica nella comunità. Ciò riflette il fatto che l’accesso e la disponibilità alle cure ospedaliere sono ancora limitati in queste regioni. L’identificazione precoce dei casi nella comunità e il rinvio al ricovero in ospedale dei bambini malati, in particolare quelli con bassa saturazione di ossigeno nel sangue periferico, e programmi di immunizzazione universali efficaci e convenienti saranno fondamentali per il futuro”, afferma Xin Wang, coautore dello studio, del Nanjing Medical University, in Cina e dell’Università di Edimburgo, nel Regno Unito.

Le limitazioni dello studio

Gli autori riconoscono alcune limitazioni con questo studio. Variazioni in fattori quali l’impostazione dello studio, la definizione esatta del caso di infezione acuta delle vie respiratorie inferiori, l’accesso all’assistenza sanitaria e il comportamento di ricerca e l’idoneità al test per il virus respiratorio sinciziale potrebbero influenzare le stime dei dati di mortalità prodotti nella modellizzazione. Anche la ripartizione per fasce di età è stata limitata dai dati disponibili per lo studio. Inoltre, tutti i dati sono stati raccolti prima della pandemia di COVID-19; non si sa come la pandemia di COVID-19 possa influenzare il carico di malattia da virus respiratorio sinciziale a lungo termine.

Scrivendo in un commento collegato, Tina Hartert, della Vanderbilt School of Medicine, negli USA, che non è stata coinvolta nella ricerca, ha affermato: “L’influenza di questi dati non può essere sottovalutata. C’è un notevole carico di infezioni acute delle basse vie aeree da virus respiratorio sinciziale durante il periodo neonatale nei paesi a basso e medio reddito, evidenziando il potenziale per le strategie di immunizzazione passiva di avere un impatto significativo sulla salute dei bambini… I responsabili politici valuteranno i benefici della prevenzione contro il virus respiratorio sinciziale con altri interventi prioritari di salute pubblica. Stime accurate dell’impatto della prevenzione sono fondamentali per dimostrare l’opportunità di investire nella prevenzione delle infezioni da virus respiratorio sinciziale”.

Articolo precedenteUtilizzare la tecnica dei vaccini COVID-19 per riparare il cuore infartuato
Articolo successivoSequenziato il genoma di un antico pompeiano
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui