Home In Evidenza L’inquinamento ha causato nel 2019 nove milioni di morti nel mondo

L’inquinamento ha causato nel 2019 nove milioni di morti nel mondo

164
0

Un nuovo rapporto della The Lancet Commission on Pollution and Health evidenzia che nel 2019 l’inquinamento atmosferico è stato responsabile di nove milioni di morti nel mondo, vale a dire un decesso su sei. Un numero sostanzialmente invariato rispetto alla precedente analisi condotta nel 2015.

Il nuovo documento, pubblicato sulla rivista The Lancet Planetary Health, afferma che il numero di morti per fonti di inquinamento associate alla povertà estrema, come l’inquinamento dell’aria all’interno delle abitazioni e l’inquinamento dell’acqua, è diminuito. D’altra parte però, sono aumentati i decessi attribuibili all’inquinamento industriale, come l’inquinamento dell’aria ambiente e l’inquinamento chimico.

adv

“Gli impatti dell’inquinamento sulla salute rimangono enormi e i paesi a basso e medio reddito sopportano il peso maggiore di questo onere. Nonostante i suoi enormi impatti sulla salute, sociali ed economici, la prevenzione dell’inquinamento è ampiamente trascurata nell’agenda di sviluppo internazionale”, afferma Richard Fuller, autore principale della pubblicazione. “L’attenzione e i finanziamenti sono aumentati solo in minima parte dal 2015, nonostante l’aumento ben documentato della preoccupazione pubblica per l’inquinamento e i suoi effetti sulla salute”.

“L’inquinamento è ancora la più grande minaccia esistenziale per la salute umana e planetaria e mette a repentaglio la sostenibilità delle società moderne. La prevenzione dell’inquinamento può anche rallentare il cambiamento climatico, ottenendo un doppio beneficio per la salute del pianeta, e il nostro rapporto richiede una transizione massiccia e rapida da tutti i combustibili fossili all’energia pulita e rinnovabile”, aggiunge il coautore, il professor Philip Landrigan, Direttore del Global Public Health Program and Global Pollution Observatory al Boston College.

Nove milioni di decessi in tutto il mondo

La The Lancet Commission on Pollution and Health del 2017, utilizzando i dati dello studio Global Burden of Disease (GBD) del 2015, ha rilevato che l’inquinamento era stato responsabile di circa nove milioni di morti, il 16% di tutti i decessi a livello globale. Il nuovo rapporto fornisce stime aggiornate degli effetti sulla salute dell’inquinamento sulla base dei dati GBD 2019 più recenti disponibili e degli aggiornamenti metodologici, nonché una valutazione delle tendenze dal 2000.

Dei nove milioni di decessi attribuibili all’inquinamento nel 2019, l’inquinamento atmosferico (sia domestico che ambientale) rimane responsabile del maggior numero di decessi con 6,67 milioni in tutto il mondo. L’inquinamento delle acque è stato responsabile di 1,36 milioni di morti premature. Il piombo ha contribuito a 900.000 morti premature, seguite da rischi professionali tossici con 870.000 morti.

Il calo delle morti per inquinamento tradizionale dal 2000 (inquinamento dell’aria domestica da combustibili solidi e acqua non sicura) è più evidente in Africa. Ciò può essere spiegato da miglioramenti nell’approvvigionamento idrico e nei servizi igienico-sanitari, agli antibiotici e altri trattamenti e ai combustibili più puliti.

Tuttavia, questa diminuzione della mortalità è stata compensata da un aumento sostanziale dei decessi per esposizione all’inquinamento industriale – come l’inquinamento atmosferico, l’inquinamento da piombo e altre forme di inquinamento chimico – in tutte le regioni negli ultimi 20 anni. Ciò è particolarmente evidente nel sud-est asiatico, dove l’aumento dei livelli di inquinamento industriale si combina con l’invecchiamento della popolazione e un numero crescente di persone esposte.

I decessi per inquinamento moderno sono aumentati del 66% negli ultimi due decenni

L’inquinamento dell’aria ambiente è stato responsabile di 4,5 milioni di morti nel 2019, da 4,2 milioni di morti nel 2015 e 2,9 milioni nel 2000. I decessi per inquinanti chimici pericolosi sono aumentati da 0,9 milioni nel 2000 a 1,7 milioni nel 2015, a 1,8 milioni nel 2019, con 900.000 morti attribuibili all’inquinamento da piombo nel 2019.

Complessivamente, i decessi per inquinamento moderno sono aumentati del 66% negli ultimi due decenni, da una stima di 3,8 milioni di morti nel 2000 a 6,3 milioni di morti nel 2019. È probabile che i dati sui decessi da inquinanti chimici possano essere sottovalutati, poiché solo un piccolo numero di prodotti chimici fabbricati in commercio è stato adeguatamente testato per la sicurezza o la tossicità.

Perdite economiche per un totale di 4,6 trilioni di dollari

Le morti in eccesso dovute all’inquinamento hanno portato a perdite economiche per un totale di 4,6 trilioni di dollari nel 2019, pari al 6,2% della produzione economica globale. Lo studio rileva anche la profonda iniquità dell’inquinamento, con il 92% dei decessi legati all’inquinamento, e il maggior onere delle perdite economiche dovute all’inquinamento, che si verifica nei paesi a basso e medio reddito.

Gli autori del nuovo studio concludono con otto raccomandazioni che si basano su quelle fornite dalla Commissione Lancet sull’inquinamento e la salute.

Queste includono la richiesta di un gruppo scientifico/politico indipendente sull’inquinamento in stile panel intergovernativo sui cambiamenti climatici, insieme a maggiori finanziamenti per il controllo dell’inquinamento da parte di governi, donatori indipendenti e filantropici e un migliore monitoraggio dell’inquinamento e della raccolta dei dati.

Le organizzazioni internazionali devono anche approvare e stabilire una migliore connessione tra scienza e politica per l’inquinamento, come quelle per il clima e la biodiversità, inizialmente per i prodotti chimici, i rifiuti e l’inquinamento atmosferico.

“Inquinamento, cambiamento climatico e perdita di biodiversità sono strettamente collegati. Il controllo efficace di queste minacce congiunte richiede un’interfaccia scienza-politica formale supportata a livello globale per fornire informazioni all’intervento, influenzare la ricerca e guidare i finanziamenti.

È chiaro che l’inquinamento è una minaccia planetaria e che i suoi fattori trainanti, la dispersione e gli impatti sulla salute, trascendono i confini locali e richiedono una risposta globale.

Articolo precedenteNuova BMW X7: pochi cambiamenti estetici, ma molte novità di sostanza
Articolo successivoCOVID-19: gli individui vaccinati e poi infettati da Omicron sviluppano un’immunità contro altre varianti
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui