Home In Evidenza L’importanza dell’esercizio fisico nei malati di tumore

L’importanza dell’esercizio fisico nei malati di tumore

86
0

Durante la chemioterapia, svolgere un esercizio fisico è sicuro, migliora la capacità cardiorespiratoria a lungo termine e allevia alcuni degli effetti avversi del trattamento. Questi risultati incoraggianti sono il frutto di un recente studio pubblicato sulla rivista JACC: CardioOncology.

Se l’esercizio fisico non è fattibile durante la chemioterapia, l’individuo può successivamente partecipare a un programma di esercizi per recuperare lo stesso livello di funzionalità.

adv

Il beneficio dell’esercizio per i malati di cancro

La forma fisica cardiorespiratoria, misurata dal picco di consumo di ossigeno (VO2peak), è considerata uno dei predittori indipendenti più significativi della salute cardiovascolare. Durante il trattamento per il cancro, il VO2peak diminuisce fino al 25%. Il trattamento del cancro spesso porta a effetti avversi che compromettono la qualità della vita correlata alla salute (HRQoL) del paziente, tra cui ridotta forma cardiorespiratoria, aumento della fatica e morbilità cardiovascolare.

L’attività fisica ha dimostrato di mitigare questi rischi. La terapia fisica è associata a un aumento della forma cardiorespiratoria, a un miglioramento del VO2peak e a un declino della morbilità cardiovascolare, della mortalità per cancro e della mortalità generale.

“Il beneficio dell’esercizio per i malati di cancro è ampiamente riconosciuto. Tuttavia, non ci sono prove sufficienti sulla tempistica ottimale dell’intervento di esercizio per migliorare l’idoneità cardiorespiratoria a lungo termine nei pazienti con cancro”, ha affermato Annemiek M.E. Walenkamp, autore senior dello studio e medico oncologo presso il Dipartimento di oncologia medica, della University Medical Center Groningen a Groningen, nei Paesi Bassi.

Un programma di esercizio di 24 settimane

Nello studio ACT, i ricercatori hanno esaminato l’efficacia dell’intervento di esercizio durante la chemioterapia rispetto a dopo il trattamento per migliorare la forma fisica cardiorespiratoria a lungo termine. I pazienti adulti recentemente diagnosticati con cancro al seno, cancro del colon, cancro ai testicoli o linfoma non-Hodgkin a cellule B che erano programmati per ricevere la chemioterapia curativa erano eleggibili per lo studio.

Tra febbraio 2013 e novembre 2018, i partecipanti allo studio sono stati randomizzati a un programma di esercizio di 24 settimane iniziato durante o dopo la chemioterapia. I tipi di esercizio includevano uno sforzo da moderato a vigoroso su una bicicletta stazionaria, allenamento di resistenza con macchine per pesi e pesi liberi e badminton.

L’endpoint primario era la differenza nel VO2peak un anno dopo l’intervento. Gli endpoint secondari erano il VO2peak dopo il completamento della chemioterapia e dell’intervento, la forza muscolare, la HRQoL, l’affaticamento, l’attività fisica e l’autoefficacia in tutti i momenti.

Il momento ottimale per svolgere un esercizio fisico è durante la chemioterapia

I ricercatori hanno scoperto che subito dopo la chemioterapia, il gruppo che ha iniziato la terapia fisica durante il trattamento ha riportato meno affaticamento e più attività fisica e ha diminuito meno VO2peak, HRQoL e forza muscolare. Tre mesi dopo la chemioterapia, il gruppo che ha iniziato ad allenarsi dopo il trattamento ha mostrato valori simili al gruppo che si è esercitato durante. Entrambi i gruppi sono tornati alla loro forma fisica cardiorespiratoria di base un anno dopo aver completato l’intervento di esercizio, indipendentemente dai tempi.

“Questi risultati suggeriscono che il momento ottimale per l’esercizio fisico è durante la chemioterapia. Tuttavia, l’avvio di un programma di esercizio fisico dopo la chemioterapia è una valida alternativa quando l’esercizio fisico durante la chemioterapia non è possibile”, ha affermato Walenkamp. “Speriamo che i nostri risultati motivino gli operatori sanitari a guidare i pazienti a impegnarsi in interventi di esercizio durante il trattamento antitumorale”.

 

Articolo precedenteL’impatto del satellite DART con l’asteroide ha avuto effetti sulla sua orbita?
Articolo successivoCancro del pancreas: cellule staminali tumorali sono coinvolte nella formazione delle metastasi epatiche
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui