Home Cardiologia Un semplice esame del sangue per rivelare il rischio di infarto nei...

Un semplice esame del sangue per rivelare il rischio di infarto nei prossimi sei mesi

211
0
Human Chest Cavity illustration: Right lung, left lung, heart copyright American Heart Association

Utilizzando i risultati di un esame del sangue standard e uno strumento online, si può scoprire se si è a maggior rischio di infarto entro i sei mesi successivi. Lo strumento è stato sviluppato da un gruppo di ricerca dell’Università di Uppsala (Svezia) nella speranza di aumentare la motivazione dei pazienti a cambiare il proprio stile di vita.

Gli infarti del miocardio sono la causa di morte più comune nel mondo e sono in aumento a livello globale. Molte persone ad alto rischio non vengono identificate o non seguono il trattamento preventivo. Ora i ricercatori guidati dal professor Johan Sundström dell’Università di Uppsala hanno scoperto che gli infarti possono essere previsti con un esame del sangue standard.

Il problema, secondo i ricercatori, è che i fattori di rischio sono stati precedentemente verificati in studi con un follow-up di cinque-dieci anni, in cui è possibile identificare solo i fattori stabili nel tempo.

“Tuttavia, sappiamo che il momento immediatamente precedente un infarto è molto dinamico. Ad esempio, il rischio di un infarto raddoppia durante il mese successivo al divorzio, e il rischio di un evento cardiaco fatale è cinque volte maggiore durante la settimana successiva alla diagnosi di cancro”, afferma Sundström, cardiologo e professore di epidemiologia. all’Università di Uppsala.

Importanti processi biologici

L’ipotesi dello studio, pubblicato recentemente sulla rivista Nature Cardiovascular Research, è che nei mesi precedenti un infarto siano attivi diversi importanti processi biologici e che questi possano essere rilevati con un semplice esame del sangue.

“Volevamo sviluppare metodi che consentissero ai servizi sanitari di identificare le persone che presto subiranno il primo infarto”, afferma Sundström.

Il gruppo di ricerca ha avuto accesso a campioni di sangue di 169.053 individui senza precedenti malattie cardiovascolari in sei coorti europee. Nel giro di sei mesi, 420 di queste persone hanno subito il primo attacco di cuore. Il loro sangue è stato poi confrontato con quello di 1.598 membri sani delle coorti.

“Abbiamo identificato circa 90 molecole collegate al rischio di un primo infarto. Tuttavia, i campioni già prelevati negli ambienti sanitari sono sufficienti per prevedere il rischio. Ci auguriamo che ciò aumenti la motivazione delle persone a prendere la medicina preventiva o a smettere di fumare, per esempio”, afferma Sundström.

Un semplice strumento online

I ricercatori hanno anche sviluppato un semplice strumento online in cui chiunque può conoscere il proprio rischio di avere un infarto entro sei mesi.

“Questo era uno degli obiettivi dell’intero studio, poiché sappiamo che le persone si sentono relativamente poco motivate a seguire trattamenti preventivi. Se scoprirai presto che hai un rischio maggiore di subire un infarto, forse ti sentirai più motivato a prevenirlo”, dice Sundström.

I ricercatori studieranno ora circa 90 nuove molecole per comprenderle meglio e vedere se esistono possibilità di trattamento.

“Speriamo di poter condurre un nuovo studio qui a Uppsala per vedere se lo strumento online fornisce il tipo di motivazione che intendiamo”, conclude Sundström. Una delle sei coorti proviene dallo studio EpiHealth sulla popolazione con sede a Uppsala.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui