Home Ginecologia La risonanza magnetica in gravidanza è dannosa per il feto?

La risonanza magnetica in gravidanza è dannosa per il feto?

2497
0
Risonanza magnetica/Wikipedia common

La risposta a questo quesito sembra essere, almeno in parte, negativa. E’ quanto si deduce da un lavoro recentemente pubblicato su JAMA da un gruppo di ricercatori canadesi.

Oggetto dello studio è stata una popolazione di 1.424.105 donne in gravidanza. Di queste, 5.654 sono state sottoposte a risonanza magnetica, di cui 1737 nel primo trimestre (primo gruppo di studio) e 397 in qualsiasi trimestre, ma con l’iniezione di gadolinio (secondo gruppo di studio).

Nel primo di questi due gruppi sono state registrate 19 tra morti neonatali o neonati nati morti (10.1 per 1000), mentre nel gruppo di donne non esposte alla risonanza magnetica questi eventi sono stati 9.844 (6.9 per 1000).

I bambini nati vivi del primo gruppo sono stati seguiti per un follow-up medio di 3,6 anni; quelli non esposti per un follow-up di 4 anni.  Il 61% di tutti questi bambini sono stati seguiti fino all’età di 4 anni.

Il tasso di incidenza di anomalie congenite non è risultato significativamente maggiore nei figli di donne esposte alla risonanza nel primo trimestre (33.8 per 1000/anno) rispetto alle donne non esposte (24 per 1000/anno). Le anomalie più comuni hanno coinvolto il sistema circolatorio, digestivo, e muscolo-scheletrico. Anche il rischio di sviluppare una neoplasia fino all’età di 4 anni non differiva in modo significativo.

Nel gruppo di donne che hanno ricevuto gadolinio, sono state registrate 7 tra morti neonatali o neonati nati morti (17.6 per 1000). Inoltre è stato registrato un numero maggiore di casi di qualsiasi condizione infiammatoria, reumatologica o infiltrativa della pelle (HR aggiustato, 1.36).

Sembra quindi emergere una relativa sicurezza per l’esposizione alla risonanza magnetica nel primo trimestre, che non è risultata associata ad un aumento significativo del rischio di danni al feto o nella prima infanzia. Al contrario l’utilizzo di gadolinio, in qualsiasi momento della gravidanza, espone invece ad un incremento di rischio di mortalità e di differenti malattie del neonato.

 

Ray JG, et al. Association Between MRI Exposure During Pregnancy and Fetal and Childhood Outcomes. JAMA. 2016;316(9):952-961.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui