Home Cardiologia Integratori di calcio e vitamina D: lo stato dell’arte

Integratori di calcio e vitamina D: lo stato dell’arte

254
0

E’ stata recentemente pubblicata online, sul giornale Therapeutic Advances in Musculoskeletal Disease, una review, di libero accesso, che analizza gli aspetti più controversi legati all’assunzione di integratori di calcio e vitamina D.

L’osteoporosi, legata prevalentemente ad una carenza di vitamina D e calcio è un problema che interessa una vasta parte della popolazione anziana, femminile e maschile. Ha portato ad un diffuso utilizzo di integratori e il dosaggio della vitamina D nel sangue è un esame bioumorale che è ormai entrato di routine nello screening di soggetti anziani, dimostrando quanto il deficit di questa vitamina sia molto comune.

adv

Le cause che portano alla carenza di vitamina D sono differenti.

Si può verificare perché non sono assunte quantità adeguate di vitamina D. Situazione frequente in chi segue una dieta vegana/vegetariana rigorosa, perché le principali fonti di questa vitamina sono animali: pesce, tuorli d’uovo, latte, fegato di manzo.

Un’altra possibilità e che non vi sia un’adeguata esposizione della cute alla luce solare. Evenienza comune per chi vive a latitudini nordiche, ma anche in chi indossa abiti lunghi o ha un lavoro che lo costringere a passare gran parte della sua giornata in ambienti chiusi.

Infine, una carenza di vitamina D può essere legata ad una pigmentazione scura della pelle, che riduce la quantità di luce solare assorbita dalla pelle stessa.

La terapia con integratori di vitamina D e calcio è spesso dibattuta, sia per i risultati a volte ambigui delle sperimentazioni cliniche che hanno testato la sua efficacia, sia per i potenziali effetti avversi, in particolare a livello del sistema cardiovascolare.

Questa completa review analizza il problema del mantenimento di adeguati livelli di calcio ematico, e al suo rapporto con la densità di mineralizzazione dell’osso. Valuta i risultati degli studi clinici che hanno analizzato l’utilità dei trattamenti suppletivi di vitamina D nella prevenzione delle fratture, sui possibili effetti avversi in ambito cardiovascolare e sugli effetti di questo trattamento sulla mortalità complessiva.

 

Cover image for latest issue of Therapeutic Advances in Musculoskeletal Disease

 

Abrahamsen B. The calcium and vitamin D controversy. Therapeutic Advances in Musculoskeletal Disease. Pubblicato online in marzo 2017.

 

 

 

 

Articolo precedenteL’aterosclerosi coronarica negli atleti che assumono steroidi androgeni anabolizzanti
Articolo successivoAnche minime quantità di alcol possono indurre atrofia cerebrale e declino cognitivo
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui