Home Igiene L’inalazione di pesticidi ed erbicidi può portare alla broncopneumopatia cronica ostruttiva

L’inalazione di pesticidi ed erbicidi può portare alla broncopneumopatia cronica ostruttiva

254
0

Un gruppo di ricercatori australiani, in collaborazione con l’Università olandese di Utrecht, ha recentemente pubblicato su Thorax, un lavoro che dimostra come l’esposizione a particelle gassose, derivate dall’uso a scopo professionale di pesticidi ed erbicidi, possa indurre la comparsa di un’ostruzione bronchiale cronica.

Sono stati inclusi nella sperimentazione circa 1.300 pazienti, con un’età media di 45 anni. Il 25% di questi erano fumatori. La valutazione della funzionalità respiratoria è stata ottenuta attraverso spirometrie periodiche.

adv

L’esposizione a polveri biologiche è risultata associata a un’ostruzione delle vie aeree con un rischio relativo di 1,58. I lavoratori che erano stati esposti a poveri minerali hanno al contrario evidenziato solo sintomi.

Tra le persone che per ragioni lavorative avevano respirato frazioni di pesticidi, è stata evidenziata un’associazione con un’ostruzione delle vie aeree, una bronchite cronica e sintomi respiratori. Simili riscontri sono stati evidenziati anche in caso di esposizione a erbicidi. L’esposizione a insetticidi causava bronchite cronica e tosse cronica.

Quelle che arrivano da questo studio sono informazioni molto precise sugli effetti dell’inalazione lavorativa di frazione di sostanze chimiche, che hanno dimostrato di esercitare effetti negativi anche in assenza di una malattia asmatica.

D’altra parte non sono state osservate associazioni significative tra ostruzione delle vie aeree e bronchite cronica con l’esposizione a polveri minerali, gas, fumi e polveri di fumo.

Anche se la causa più frequente per la broncopneumopatia cronica ostruttiva è il fumo di sigaretta, non vanno comunque dimenticate e sottovalutate altre cause, in particolare quelle legate ad un’esposizione professionale a sostanze dannose, che possono contribuire in modo significativo al costante aumento nel mondo di questa malattia (vedi articolo su questo tema in altra parte del giornale).

Vanno quindi implementate in modo sistematico misure che possano prevenire l’esposizione lavorativa a pesticidi ed erbicidi, con attrezzature adeguate in grado di contrastare efficacemente l’interazione di queste sostanze con l’albero polmonare.

 

Thorax: 72 (11)

 

Sheikh M Alif, et al. Occupational exposure to pesticides are associated with fixed airflow obstruction in middle-age. Thorax 2017;72:990–997.

 

 

Articolo precedenteUna galassia dal passato turbolento
Articolo successivoVestas vince la prima tappa della Volvo Ocean Race
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui