La guerra in Siria e le conseguenze sanitarie: gli aiuti dell’OMS

Le aree controllate dall’opposizione nel sud della Siria stanno assistendo a un drammatico aumento della violenza che ha portato ad alti livelli di insicurezza e alla fuga di decine di migliaia di persone. Si prevede che oltre l’80% delle 525.000 persone che vivono in queste aree necessitino di assistenza umanitaria a seguito dei combattimenti. Questo include fino a 50.000 persone che hanno sfollato da questa zona nelle ultime due settimane.

Il 27 giugno, l’ufficio dell’OMS a Damasco ha inviato oltre 27 tonnellate di materiale medico per rispondere alle urgenti necessità di assistenza umanitaria nel sud della Siria. Gli articoli includevano tavoli operatori, soluzioni per via endovenosa, antibiotici e forniture per la gestione dei traumi, medicinali e kit di emergenza. Le forniture sono sufficienti per 135.000 trattamenti. Ulteriori forniture sono state pre-posizionate per rispondere alla situazione in rapida evoluzione.

Le strutture sanitarie nel sud della Siria possono anche attingere a regolari scorte transfrontaliere consegnate dall’OMS e dai partner sanitari ad Amman. Le scorte attuali sono sufficienti per trattare fino a 300.000 persone per tre mesi. L’OMS ei suoi partner di Amman prevedono di pre-posizionare altre 51 tonnellate di forniture di emergenza nei magazzini di tutta l’area, pronte per essere inviate alle strutture sanitarie nel sud della Siria come e quando necessario.

“Queste spedizioni sono tempestive ed essenziali per aiutare le strutture sanitarie nel governatorato di Dar’a a far fronte alla domanda molto maggiore di servizi sanitari, raggiungendo tutte le persone bisognose, indipendentemente da dove si trovino” ha affermato il dott. Michel Thieren, Regional Emergencies Director. “L’OMS continua a impegnarsi a lavorare con i partner per fornire assistenza sanitaria di emergenza nelle aree di maggior bisogno”.

Questi sono i primi di una serie di spedizioni che l’OMS prevede di dispiegare nel sud della Siria, dove i problemi di salute sono acuti e in crescita. Dati recenti del sistema di mappatura della disponibilità delle risorse sanitarie dell’OMS mostrano che il 40% dei centri di assistenza sanitaria pubblica nei governatorati di Dar’a e Quneitra sono chiusi e rimane aperto un solo ospedale. L’OMS sostiene lo spiegamento di tre cliniche mobili che forniscono servizi di assistenza sanitaria per le persone sfollate dai combattimenti e sta lavorando per dispiegarne altre quattro nei prossimi giorni.

“Con l’evolversi della situazione nella Siria meridionale, i convogli umanitari con forniture essenziali devono poter attraversare le linee di conflitto, e il governo e tutte le parti in conflitto devono permettere che i civili gravemente feriti vengano immediatamente evacuati per un trattamento salva-vita”, ha aggiunto il dottor Thieren.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + 6 =