Home Medicina Interna Allarme dell’OMS: l’assistenza sanitaria di bassa qualità sta facendo aumentare i costi...

Allarme dell’OMS: l’assistenza sanitaria di bassa qualità sta facendo aumentare i costi sanitari a livello globale

237
0
wikimedia commons

I progressi sul miglioramento della salute stanno regredendo globalmente, qualsiasi sia il livello di reddito del paese, e questo sembra dovuto all’erogazione di servizi sanitari di scarsa qualità. Sono queste le conclusioni cui giunge un recente rapporto congiunto di OCSE, Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Banca mondiale.

Oggi diagnosi inesatta, errori terapeutici, trattamenti inappropriati o non necessari, strutture o pratiche cliniche inadeguate o non sicure, o fornitori che mancano di formazione e competenza adeguate prevalgono in tutti i paesi.

adv

La situazione è peggiore nei paesi a basso e medio reddito dove il 10% dei pazienti ospedalizzati può aspettarsi di contrarre un’infezione durante il ricovero, rispetto al 7% nei paesi ad alto reddito. Ciò nonostante le infezioni acquisite in ospedale sono facilmente evitabili attraverso una migliore igiene, migliori pratiche di controllo delle infezioni e l’uso appropriato di antimicrobici. Allo stesso tempo, nei paesi ad alto reddito un paziente su dieci è danneggiato da un trattamento medico.

Il rapporto sottolinea inoltre che le malattie associate a un’assistenza sanitaria di scarsa qualità impongono ulteriori costi alle famiglie e ai sistemi sanitari.

Ci sono stati alcuni progressi nel miglioramento della qualità, ad esempio nei tassi di sopravvivenza per cancro e malattie cardiovascolari. Anche così, i costi economici e sociali più ampi di un’assistenza di scarsa qualità, tra cui disabilità a lungo termine, menomazione e perdita di produttività, sono stimati in migliaia di miliardi di dollari ogni anno.

“Alla OMS ci impegniamo a garantire che le persone in tutto il mondo possano ottenere servizi sanitari quando e dove ne hanno bisogno”, ha dichiarato il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Siamo ugualmente impegnati a garantire che tali servizi siano di buona qualità. Onestamente, non ci può essere copertura sanitaria universale senza cure di qualità”.

“Senza servizi sanitari di qualità, la copertura sanitaria universale rimarrà una promessa vuota”, ha affermato il segretario generale dell’OCSE Ángel Gurría. “I vantaggi economici e sociali sono chiari e dobbiamo concentrarci maggiormente sull’investimento e sul miglioramento della qualità per creare fiducia nei servizi sanitari e offrire a tutti l’accesso a servizi sanitari di alta qualità e incentrati sulle persone”.

“La buona salute è il fondamento del capitale umano di un paese, e nessun paese può permettersi cure mediche di bassa qualità o non sicure”, ha detto il presidente del Gruppo della Banca mondiale Jim Yong Kim. “L’assistenza di bassa qualità ha un impatto sproporzionato sui poveri, che non è solo moralmente riprovevole, è economicamente insostenibile per le famiglie e per interi paesi”.

Altri risultati chiave nella relazione illustrano un quadro dei problemi di qualità nel settore sanitario in tutto il mondo:

  • Gli operatori sanitari di sette paesi africani a basso e medio reddito sono stati in grado di effettuare diagnosi accurate solo da un terzo a tre quarti dei casi e le linee guida cliniche per le condizioni comuni sono state seguite in media meno del 45% delle volte.
  • La ricerca in otto paesi ad alto tasso di mortalità nei Caraibi e in Africa ha rilevato che servizi sanitari di qualità per madre e bambino sono molto meno prevalenti di quanto suggerito semplicemente considerando l’accesso ai servizi. Ad esempio, solo il 28% dell’assistenza prenatale, il 26% dei servizi di pianificazione familiare e il 21% dell’assistenza ai bambini malati in questi paesi sono considerati “efficaci”.
  • Circa il 15% della spesa ospedaliera nei paesi ad alto reddito è dovuto a errori di cura o ai pazienti che sono stati infettati mentre si trovavano negli ospedali.

Le tre organizzazioni delineano i passi che i governi, i servizi sanitari e i loro lavoratori, insieme a cittadini e pazienti, devono affrontare con urgenza per migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria. I governi dovrebbero aprire la strada con politiche e strategie nazionali per la qualità dell’assistenza sanitaria. I sistemi sanitari dovrebbero concentrarsi sull’assistenza competente e sull’esperienza utente per garantire la fiducia nel sistema. I cittadini dovrebbero essere responsabilizzati e informati per impegnarsi attivamente nelle decisioni sanitarie e nella progettazione di nuovi modelli di assistenza per soddisfare le esigenze delle loro comunità locali. Gli operatori sanitari dovrebbero vedere i pazienti come partner e impegnarsi a fornire e utilizzare i dati per dimostrare l’efficacia e la sicurezza dell’assistenza sanitaria.

 

Articolo precedenteUn concorso per scegliere il nome del prossimo rover che andrà su Marte
Articolo successivoIl riociguat nell’ipertensione polmonare tromboembolica: una chance per i pazienti inoperabili
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui