La mortalità per malattie non trasmissibili si riduce a fatica, nonostante i progressi in medicina

Secondo la nuova analisi pubblicata su The Lancet, oltre la metà di tutti i paesi non è in grado di raggiungere l’obiettivo dell’ONU per ridurre le morti premature dovute a tumori, malattie cardiovascolari, malattie respiratorie croniche e diabete entro il 2030.

Tuttavia, il problema è potenzialmente ancora più ampio e il progresso è ancora più lento quando sono prese in considerazione tutte le malattie non trasmissibili (NCD) – comprese le malattie del fegato e dei reni – e tutte le età sotto gli 80 anni.

Gli autori affermano che i paesi devono attuare politiche che riducano in fretta i decessi prematuri se vogliono raggiungere il Sustainable Development Goal (SDG) – ridurre il numero di decessi causati dalle quattro principali malattie non trasmissibili, in persone di età compresa tra 30 e 70 anni, di un terzo entro il 2030.

Pochi progressi

“Nonostante impegni chiari, le agenzie umanitarie internazionali e i governi nazionali stanno facendo troppo poco per ridurre le morti per tumori, malattie cardiache e polmonari e diabete. I progressi sono ancora più lenti per altre malattie che non fanno parte dell’obiettivo SDG, il che significa che la vera salute delle persone nella maggior parte dei paesi è ancora più grave”, afferma l’autore senior Majid Ezzati, Imperial College London, UK.

Il rapporto è il primo di NCD Countdown 2030 – un monitoraggio annuale, indipendente, sui progressi compiuti nella riduzione del carico mondiale di NCD – una collaborazione guidata da The Lancet, Organizzazione Mondiale della Sanità, Imperial College London e NCD Alliance. Confronta la variazione dei tassi di mortalità per 186 paesi dal 2010 al 2016, per capire quanto è probabile che i paesi raggiungano l’obiettivo dell’SDG per le malattie non trasmissibili. Inoltre, lo studio include una misura più completa di tutte le NCD nelle persone fino a 80 anni.

Malattie non trasmissibili: le dimensioni del problema

Nel 2016, la probabilità di morire per una delle quattro maggiori NCD, tra i 30 ei 70 anni, era più bassa per le donne della Corea del Sud (meno del 5%) e più alta per le donne in Sierra Leone (circa il 33%) – un rischio quasi sette volte maggiore. Per gli uomini, il rischio era più basso in Islanda (10%) e più alto in Mongolia (39%).

Nel Regno Unito, nel 2016, le donne di 30 anni hanno avuto il 9% di possibilità di morire da uno dei quattro NCD più importanti prima del loro 70° compleanno, e gli uomini di 30 anni hanno una probabilità del 13%. Negli Stati Uniti, il rischio era del 12% per le donne di 30 anni e del 18% per gli uomini, mentre era del 14% e del 20%, rispettivamente, in Cina e del 20% e del 27% in India.

Mentre ci sono stati 12,5 milioni di morti premature per le quattro principali malattie non trasmissibili nelle persone di età compresa tra 30 e 70 anni nel 2016, ci sono stati 27,3 milioni di decessi da tutte le malattie non trasmissibili in tutte le persone di età inferiore a 80 anni.

Gli autori notano anche che il problema delle NCD nei paesi a basso e medio reddito (in particolare nell’Africa subsahariana e in alcuni paesi del Medio Oriente e del Nord Africa) è molto più ampio rispetto ai quattro maggiori NCD. Poiché il peso delle NCD è ancor maggiore in questi paesi, l’obiettivo dell’SDG potrebbe far sì che alcuni paesi restino indietro.

Progressi contro le NCD

Lo studio ha rilevato che, sebbene la mortalità per le NCD sia in diminuzione nella maggior parte dei paesi, il ritmo del declino varia in modo sostanziale, anche tra i paesi della stessa regione.

Dei 186 paesi valutati, la maggior parte (86 paesi [46%] per le donne e 97 paesi [52%] per gli uomini) non raggiungerà l’obiettivo SDG neppure entro il 2040 e richiederà politiche che migliorino sostanzialmente i tassi di mortalità prematura. Ciò include Cina e India, i due paesi più popolosi del mondo, in cui la mortalità prematura per le quattro principali NCD è diminuita, ma non sufficientemente rapidamente per raggiungere l’obiettivo SDG in tempo. Inoltre, la riduzione delle morti per NCD è stazionaria o aumentata dal 2010 tra le donne in 15 paesi (8%) e gli uomini in 24 paesi (13%), compresi gli USA per le donne.

Le ragioni della mancanza di progressi nella maggior parte di questi paesi non sono note, ma gli autori ritengono che ciò potrebbe essere causato da un peggioramento o dalla mancanza di miglioramento nei principali fattori di rischio della NCD (come pressione sanguigna, diabete, obesità, consumo di alcol, uso del tabacco), o che i sistemi sanitari di questi paesi non sono in grado di prevenire, trattare e gestire adeguatamente le malattie non trasmissibili.

La situazione negli Stati Uniti

Gli autori ritengono che la stagnazione degli Stati Uniti sia dovuta al fallimento nel ridurre i decessi prematuri da NCD diversi dal cancro, che hanno continuato a diminuire, mentre la riduzione per decessi da altre NCD è rallentato o invertito. Gli autori dicono che questo è particolarmente frequente nelle comunità rurali più povere.

I paesi più virtuosi

Lo studio ha rilevato che 35 paesi (19% di tutti i paesi) per donne e 30 paesi (16%) per gli uomini potrebbero raggiungere l’obiettivo SDG – questi paesi vanno da quelli ad alto reddito, che vedono una riduzione continua (come Norvegia, Danimarca, Corea del Sud e Nuova Zelanda), a paesi a medio reddito che iniziano con tassi elevati e vedono una rapida diminuzione della mortalità da NCD (come Brasile, Iran, Russia e altri paesi dell’Europa centrale e orientale).

Inoltre, se altri 50 paesi (27%) per le donne e 35 paesi per gli uomini (19%) che hanno leggermente accelerato il tasso di declino delle morti NCD, potrebbero raggiungere l’obiettivo.

Quando i progressi sono stati misurati sulla base di tutte le malattie non trasmissibili e di tutte le età sotto gli 80 anni, i risultati sono stati ancor più sconfortanti. Solo 17 paesi (9%) per le donne e cinque paesi (3%) per gli uomini sarebbero sulla buona strada per ridurre la probabilità di morte prematura di un terzo.

Nei paesi a basso e medio reddito, le riduzioni delle morti per NCD sono state principalmente determinate da riduzioni delle malattie cardiovascolari. Perché la mortalità della NCD diminuisca più rapidamente in questi paesi, la diminuzione della mortalità per malattie cardiovascolari deve accelerare, così come gli approcci per ridurre le morti da tumori, malattie respiratorie croniche, diabete e altre malattie non trasmissibili.

Nei paesi ad alto reddito, le riduzioni delle morti per NCD sono ora guidate dalla diminuzione delle morti per cancro, malattie cardiovascolari e diabete.

Misure politiche prioritarie

Per accelerare le riduzioni delle morti premature delle malattie non trasmissibili, gli autori chiedono politiche e interventi che riducano l’uso di tabacco e alcol, comprese misure fiscali e normative, quali tassazione, etichette di avvertimento, restrizioni della disponibilità e delle vendite, e divieto di marketing, pubblicità e fumo pubblico.

Chiedono anche una diagnosi e un trattamento precoce delle malattie non trasmissibili, tra cui diagnosi tempestive e trattamento dell’ipertensione, diabete, tumori trattabili e altre malattie non trasmissibili acute e croniche.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − quattordici =