Home Cardiologia Anticorpi antifosfolipidi e rischio di infarto miocardico

Anticorpi antifosfolipidi e rischio di infarto miocardico

616
0
Infarto miocardico posteriore. Patrick J. Lynch, medical illustrator

Un gruppo di ricercatori, coordinati dal Karolinska Institutet di Stoccolma ha scoperto una forte associazione tra anticorpi antifosfolipidi (aPL), positività dell’immunoglobina G (IgG) e infarto miocardico.

I risultati sono stati pubblicati come Resarch Report sulla rivista Annals of Internal Medicine. Lo stesso lavoro è stato presentato anche al congresso dell’American College of Rheumatology, che si è tenuto a Chicago dal 19 al 24 ottobre.

Gli antifosfolipidi

Esiste una specifica sindrome che è caratterizzata dall’incremento di anticorpi antifosfolipidi: la sindrome antifosfolipidi. Nota anche come Anticardiolipina o sindrome di Hughes, è sostanzialmente una malattia autoimmune sistemica, caratterizzata da complicanze ostetriche e eventi trombotici, che colpiscono quasi tutti i sistemi d’organo. È diagnosticata in pazienti che presentano in modo persistente gli anticorpi antifosfolipidi. Il contributo di altri fattori, oltre agli stessi auto-anticorpi, nella patogenesi della sindrome antifosfolipidi sembra essere articolato in più percorsi che hanno come risultato comune una facilitazione della trombogenesi.

Anticorpi e rischio di infarto

I ricercatori svedesi hanno valutato la presenza di anticorpi antifosfolipidi e anticorpi antinucleari in 805 pazienti consecutivi, di età inferiore ai 75 anni, che sono stati ospedalizzati per un primo infarto miocardico in 17 ospedali svedesi tra il 2010 e il 2014. I risultati sono stati confrontati con un gruppo di controllo derivato dalla popolazione, identificato per età, sesso e regione.

I risultati hanno dimostrato come gli anticorpi valutati erano 10 volte più comuni nei pazienti con infarto miocardico rispetto ai pazienti di controllo. Inoltre, si è visto come la loro presenza era completamente indipendente da quella di altri tradizionali fattori di rischio cardiovascolare.

Nuove prospettive per la gestione dei pazienti con infarto miocardico

Secondo i ricercatori, questi risultati potrebbero portare a una migliore gestione, un più efficace trattamento e a migliori esiti clinici complessivi, sia nei pazienti con infarto miocardico, sia in quelli alto rischio cardiovascolare.

Nuove prospettive sembrano però aprirsi anche nella stratificazione del rischio per l’infarto miocardico e per eventuali misure preventive mirate.

 

Giorgia Grosso, et al. Antiphospholipid Antibodies in Patients With Myocardial Infarction. Ann Intern Med. 2018.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui