Regno Unito: sensibili differenze di mortalità nelle aree del paese

Secondo una nuova analisi completa della salute a livello locale, nazionale e regionale in tutto il Regno Unito, i tassi di mortalità prematura sono due volte più alti nelle aree più svantaggiate dell’Inghilterra, rispetto a quelle più abbienti.

Lo studio, pubblicato su The Lancet, rivela inoltre l’enorme peso della disabilità legata a condizioni a lungo termine come lombalgia e dolore al collo, ansia e depressione, evidenziando la necessità di un adattamento dei servizi sanitari a queste condizioni.

L’andamento e cause delle morti premature

Mentre i tassi complessivi di morte prematura sono migliorati dal 1990, la metà di tutti questi decessi nel 2016 sono stati collegati a fattori di rischio tra cui consumo di tabacco, dieta malsana, uso di alcool e droghe, obesità e pressione alta, sottolineando l’urgente necessità di politiche e programmi prevenzione mirata, specialmente in aree fuori dal controllo del servizio sanitario.

Lo studio, tratto dall’iniziativa Global Burden of Disease, fornisce dati su mortalità precoce, disabilità e fattori di rischio dal 1990 al 2016 per 150 Upper-Tier Local Authority (UTLA) in Inghilterra, così come Scozia, Irlanda del Nord e Galles, con lo scopo di informare l’allocazione delle risorse e le priorità a livello locale, regionale e nazionale.

Gli anni vissuti con disabilità superano gli anni di vita persi

La cardiopatia ischemica è stata la principale causa di morte prematura nel Regno Unito nel 2016 e le percentuali erano due volte più elevate negli uomini che nelle donne. L’autolesionismo era la terza causa principale di morte prematura per gli uomini.

In Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord, ma non in Scozia, gli anni vissuti con disabilità hanno superato gli anni di vita persi. Il dolore della colonna, lombare e cervicale, le malattie della pelle e del sottocutaneo, l’emicrania, i disturbi depressivi, i disturbi degli organi di senso e i disturbi d’ansia erano le principali cause di disabilità.

“Con la diminuzione del tasso di mortalità, le persone continuano a vivere con condizioni a lungo termine, spesso multiple”, afferma il professor Nicholas Steel, autore principale (University of East Anglia, Regno Unito). “I nostri risultati mostrano un passaggio significativo dalla mortalità alla morbilità, eppure i nostri servizi sanitari sono ancora progettati per far fronte ai big killers. Oggi, condizioni come dolore alla schiena e al collo, l’ansia e la depressione sono enormi cause di disabilità nel Regno Unito.”

Salute e privazione

I tassi di mortalità prematura per tutte le cause erano più di due volte superiori nelle UTLA più svantaggiate in Inghilterra (Blackpool), rispetto a quelle più abbienti (Wokingham, Surrey, Windsor e Maidenhead e West Berkshire). I tassi di mortalità prematura erano costantemente più alti per le 15 aree più svantaggiate dell’Inghilterra, rispetto alle 15 meno deprivate. L’associazione con la privazione era particolarmente forte per il cancro del polmone e la malattia polmonare ostruttiva cronica.

In Inghilterra, alcune UTLA hanno ottenuto risultati migliori del previsto per il loro livello di privazione. Ad esempio, Birmingham e alcuni quartieri di Londra (ad esempio Tower Hamlets e Hackney) hanno ottenuto risultati migliori delle UTLA con analoghi livelli di privazione a Liverpool e Manchester. Questo rafforza la necessità di azioni specifiche per rispondere ai diversi problemi che potrebbero esistere nelle città settentrionali.

Gli autori suggeriscono anche che la salute relativamente migliore vista a Londra potrebbe essere dovuta a livelli più bassi di fattori di rischio, come il fumo, e una dieta povera. Altri fattori potrebbero essere un migliore accesso all’assistenza sanitaria, un maggiore rendimento scolastico o il movimento selettivo di persone malate fuori Londra e di persone più sane a Londra, per lavoro.

I possibili miglioramenti

Il professor John Newton, autore e direttore dell’health improvement presso Public Health England, ha dichiarato: “Questa valutazione globale della salute in tutto il paese mette in luce la netta divisione tra aree ricche e povere, che vede le persone più povere morire e ammalarsi prima. Mostra anche i miglioramenti della salute che potrebbero essere raggiunti affrontando le cause sottostanti, come povertà, istruzione e altre risorse necessarie per una buona salute.”

“Mentre lavoriamo per sviluppare il piano a lungo termine del NHS, sono necessarie azioni per affrontare i fattori sociali e strutturali di cattiva salute, se vogliamo migliorare il divario sanitario persistente tra aree ricche e povere del paese.”

L’Irlanda del Nord aveva tassi particolarmente elevati di disturbi d’ansia, che sono stati attribuiti al retaggio sociale ed economico del conflitto civile. La mortalità precoce rimane più elevata in Scozia che in Inghilterra, con tassi più elevati di malattie cardiovascolari, cancro e cirrosi. Gli autori osservano che le differenze di vecchia data tra i paesi del Regno Unito sono probabilmente dovute a variazioni dei fattori di rischio e della deprivazione socioeconomica, piuttosto che alle differenze nell’organizzazione e nella spesa dei servizi sanitari.

I miglioramenti della salute sono rallentati dal 2010

Tra il 1990 e il 2016, l’aspettativa di vita è migliorata in tutti e quattro i paesi del Regno Unito, ma il tasso di miglioramento è rallentato dal 2010. Nove su 150 UTLA hanno avuto tassi peggiori di morti premature nel 2016, rispetto al 2010.

I tassi di morte prematura variavano per causa, e il rallentamento nazionale dei miglioramenti dal 2010 è stato principalmente determinato dalla graduale scomparsa del miglioramento delle malattie cardiache ischemiche, delle malattie cerebrovascolari e, in misura minore, del cancro del colon-retto, del cancro ai polmoni e del cancro al seno.

Il rallentamento nei miglioramenti delle morti cardiovascolari è stato osservato nella maggior parte dei gruppi di età, ma questo è stato più evidente in quelli di età superiore agli 85 anni.

“Il peggioramento della mortalità per alcuni tipi di tumori è una preoccupazione, soprattutto in base alla prova che la sopravvivenza da alcuni tumori comuni nel Regno Unito è peggiore rispetto ad altri paesi europei”, spiega il professor Steel.

Le UTLA più ricche hanno visto maggiori miglioramenti nella mortalità prima del 2000, ma questo è cambiato dopo il 2010, quando il rallentamento nazionale nei miglioramenti della mortalità era più consistente nelle aree ricche rispetto alle UTLA più svantaggiate. Tuttavia, le ragioni di ciò non sono chiare e sono imprescindibili ulteriori ricerche sui legami tra la privazione e la mortalità.

La necessità di un’azione al di fuori del servizio sanitario

In tutto il Regno Unito oltre la metà dei decessi prematuri sono legati a fattori di rischio comportamentali, incluso il consumo di tabacco, dieta malsana, obesità, consumo di alcool e droghe, bassa attività fisica e fattori ambientali, come l’inquinamento atmosferico.

“In molti casi, le cause di cattiva salute e i comportamenti che le causano si trovano al di fuori del controllo dei servizi sanitari. I nostri risultati sostengono politiche e programmi che dissuadono l’industria alimentare da un modello di business basato su calorie economiche, che promuovono e sostengono ambienti naturali costruiti e naturali, aiutano le persone a smettere di fumare e incoraggiano una cultura del bere sana. Lo stesso livello di attenzione precedentemente prestato alla prevenzione delle malattie cardiovascolari e del cancro deve ora essere diretto ad altre principali cause di mortalità, come malattie del fegato e demenza e fattori di rischio associati tra cui diete malsane, alcol, inquinamento atmosferico e uso improprio di farmaci”, afferma il Professor Steel.

“Sono stati compiuti buoni progressi nel ridurre la prevalenza del fumo ai minimi storici, ma è possibile fare molto di più in quasi tutte le aree di prevenzione. I servizi sanitari devono rendersi conto che la prevenzione è un’attività fondamentale, non un extra opzionale da svolgere se le risorse lo consentono”, conclude il prof. Steel.

 

Accedi alla mappa interattiva che illustra la distribuzione delle malattie nelle differenti regioni del Regno Unito.

 

Nicholas Steel, et al. Changes in health in the countries of the UK and 150 English Local Authority areas 1990–2016: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2016. The Lancet, Published Online October 24, 2018.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × quattro =