Home Astronomia Una curiosa nube allungata sulla superficie di Marte

Una curiosa nube allungata sulla superficie di Marte

7
0
Elongated cloud on Mars. Copyright ESA/GCP/UPV/EHU Bilbao, CC BY-SA 3.0 IGO

Dal 13 settembre, il Mars Express dell’ESA ha osservato l’evoluzione di una formazione di nubi allungate che si alza in prossimità del vulcano Arsia Mons, vicino all’equatore di Marte.

Nonostante la sua posizione, questa caratteristica atmosferica non è legata all’attività vulcanica ma è piuttosto una nuvola di ghiaccio d’acqua guidata dall’influenza del pendio sottovento del vulcano sul flusso d’aria. Qualcosa che gli scienziati chiamano una nube orografica o sottovento, un fenomeno piuttosto comune in questa regione.

I vulcani di Marte

La nuvola può essere vista nell’immagine in evidenza, scattata il 10 ottobre dal Visual Monitoring Camera (VMC) montato su Mars Express. Lo strumento l’ha ripresa centinaia di volte nelle scorse settimane, come una striscia bianca allungata che si estende per 1.500 km a ovest di Arsia Mons. A titolo di paragone, il vulcano a forma di cono ha un diametro di circa 250 km.

Marte ha appena sperimentato il suo solstizio d’inverno nell’emisfero nord il 16 ottobre. Nei mesi che precedono questa data, la maggior parte delle attività nuvolose scompare su grandi vulcani come Arsia Mons. La sua cima è coperta di nuvole per tutto il resto dell’anno marziano.

Tuttavia, è noto che una nube di acqua ghiacciata stagionalmente ricorrente, come quella mostrata in questa immagine, si forma lungo il fianco sud-ovest di questo vulcano. Il fenomeno era già stato osservato in precedenza da Mars Express e da altre missioni nel 2009, 2012 e 2015.

La nuvola marziana

L’aspetto della nuvola varia durante la giornata marziana. Cresce in lunghezza durante la mattinata sottovento al vulcano, quasi parallela all’equatore. Raggiunge dimensioni così impressionanti che potrebbero renderlo visibile anche ai telescopi sulla Terra.

La formazione di nubi di ghiaccio d’acqua è sensibile alla quantità di polvere presente nell’atmosfera. Le immagini, ottenute dopo la grande tempesta di sabbia che ha travolto l’intero pianeta in giugno e luglio, forniranno importanti informazioni sull’effetto della polvere sullo sviluppo della nube e sulla sua variabilità durante l’anno.

La nube allungata vicino a Arsia Mons quest’anno è stata osservata anche con lo spettrometro di mappatura visibile e vicino all’infrarosso, OMEGA, e la camera HRSC (High Resolution Stereo Camera) su Mars Express, fornendo agli scienziati una varietà di dati per studiare questo fenomeno.

 

 

Articolo precedenteSindrome coronarica acuta: con un inibitore del PCSK9 (alirocumab) si riduce il rischio di nuovi eventi CV
Articolo successivoLa nuova BMW Serie 8 Cabriolet
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

19 + 8 =