Home Ambiente Inquinamento atmosferico: scarsi benefici nella zona a basse emissioni di Londra

Inquinamento atmosferico: scarsi benefici nella zona a basse emissioni di Londra

267
0

L’introduzione di una zona a basse emissioni a Londra ha contribuito solo a riduzioni modeste dell’esposizione agli ossidi di azoto dei veicoli diesel. Questi miglioramenti sembrano inoltre avere scarso effetto sulla salute polmonare dei bambini. Sono questi i risultati di uno studio osservazionale, pubblicato su The Lancet Public Health.

L’esposizione dei bambini agli inquinanti

Lo studio ha valutato oltre 2.000 bambini delle scuole primarie (di età compresa tra 8 e 9 anni) che vivono nella zona a basse emissioni di Londra. I risultati confermano che l’esposizione cronica ai comuni agenti inquinanti, correlati al traffico, causa a una ridotta funzionalità polmonare.

adv

Inoltre, nonostante i miglioramenti nella qualità dell’aria in seguito all’introduzione della zona a basse emissioni, i ricercatori non hanno trovato alcuna prova di una riduzione della percentuale di bambini con polmoni piccoli o sintomi di asma, durante i 5 anni da quando lo schema è stato implementato.

Lo studio evidenzia che, nonostante le politiche europee sulla qualità dell’aria e le misure locali, l’inquinamento atmosferico di Londra potrebbe mettere a rischio i bambini per problemi di salute che si protraggono per tutta la vita. Sottolinea inoltre la necessità di soluzioni più radicali per affrontare alti livelli di inquinamento atmosferico. All’inizio del 2019, Londra introdurrà una zona a emissione ultra bassa, che si prevede fornirà importanti miglioramenti nella qualità dell’aria.

“In molte aree di Londra, l’inquinamento atmosferico rimane ancora un problema importante”, afferma il professor Chris Griffiths della Queen Mary University di Londra, Regno Unito. “Alcuni miglioramenti nella qualità dell’aria sono stati fatti nonostante i veicoli diesel emettessero livelli più alti di sostanze inquinanti nel mondo reale che nei test. Anche così, molte aree della Londra interna ed esterna stanno ancora violando gli standard di inquinamento atmosferico dell’UE e difficilmente potranno soddisfarle senza un sostanziale inasprimento degli attuali controlli sulle emissioni.”

Sette milioni di morti ogni anno

L’inquinamento atmosferico è collegato a 7 milioni di morti in tutto il mondo, ogni anno. Di questi, 3,7 milioni sono legati all’inquinamento atmosferico outdoor. Nel Regno Unito, l’inquinamento atmosferico contribuisce a 40.000 morti ogni anno, circa un quarto a Londra. In tutta Europa, dove oltre la metà delle nuove auto sono alimentate a gasolio, l’ossido di azoto è diventato un grave problema ed è stato collegato all’asma e a uno sviluppo polmonare compromesso nei bambini.

Le zone a bassa emissione sono state ampiamente promosse come il modo migliore per affrontare l’inquinamento del traffico, con circa 200 operazioni in tutta Europa. Poche ricerche però sono state fatte sull’efficacia di questo approccio per ridurre l’inquinamento atmosferico e migliorare la salute pubblica. Nel 2008 e nel 2012 Londra ha introdotto la più grande zona a bassa emissione del mondo, richiedendo per l’ingresso dei veicoli diesel nella Greater London di soddisfare determinati standard di emissione o pagare tariffe giornaliere.

Lo studio

Lo studio ha coinvolto 2.164 bambini di età compresa tra 8 e 9 anni provenienti da scuole vicine a stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria, in quattro quartieri di Londra (Tower Hamlets, Hackney, Greenwich, City of London) in violazione dei limiti annuali di biossido di azoto dell’UE (40 μg / m³).

Tra il 2009-10 e il 2013-2014, i bambini sono stati sottoposti a controlli sanitari annuali che includevano la misurazione delle dimensioni e della funzione dei loro polmoni attraverso una spirometria. Ai genitori è stato anche chiesto di compilare un questionario anamnestico per il loro bambino, comprese domande sui sintomi respiratori e allergici (ad es. Asma, eczema, raffreddore da fieno).

Le concentrazioni medie annuali di esposizione degli ossidi di azoto e dell’inquinamento da particolato (PM 10 e PM 2,5) sono state misurate agli indirizzi di casa e di scuola di ogni bambino durante lo studio, che si è protratto per 5 anni. I ricercatori hanno anche modellato le esposizioni di inquinamento per le 3 ore (06:00-09:00h), 24 ore e 7 giorni prima del controllo sanitario annuale di ogni bambino. Ciò ha permesso loro di osservare contemporaneamente sia gli effetti delle esposizioni a breve e medio termine, sia di quelle annuali.

Sono stati considerati anche altri fattori che possono influenzare la salute respiratoria, tra cui età, sesso, altezza, indice di massa corporea, etnia, stato socioeconomico ed esposizione al fumo di tabacco ambientale.

I risultati hanno mostrato che l’introduzione della zona a bassa emissione ha avuto un impatto limitato nel ridurre i livelli di polveri (PM2,5 e PM10) nel periodo dello studio.

I livelli di biossido di azoto nei pressi della strada e nei siti di monitoraggio all’interno e nei dintorni dell’area di studio sono diminuiti di circa 1 μg/m³ all’anno. La percentuale di bambini esposti al limite annuo di ossidi di azoto dell’UE è scesa dal 99% (444/450 bambini) nel 2009 al 34% (150/441) nel 2013.

Gli effetti dell’inquinamento

Tuttavia, i livelli medi di esposizione al biossido di azoto nello studio a 5 anni sono rimasti elevati (40,7 μg/m³ medi) e i ricercatori hanno stimato che la capacità polmonare dei bambini fosse ridotta di circa il 5%. Hanno anche notato alcune prove di una riduzione della rinite, ma non dei sintomi di asma nel periodo di studio.

“Anche se è improbabile che cambiamenti di questa entità possano causare problemi nei bambini sani, abbiamo urgente bisogno di sapere se questi deficit polmonari avranno un impatto sulla funzionalità polmonare e sulla salute in età avanzata”, afferma il professor Griffiths. “Finché non si conoscono gli impatti a lungo termine, i medici dovrebbero consigliare ai genitori dei bambini con malattia polmonare clinicamente significativa di evitare di vivere in aree altamente inquinate, o di adottare misure di mitigazione personale per limitare la loro esposizione. Sono necessarie ulteriori ricerche per identificare i fattori che portano a una maggiore o minore suscettibilità.”

Secondo l’autore principale Ian Mudway, King’s College di Londra, Regno Unito: “C’è un bisogno urgente di migliorare la nostra qualità dell’aria, specialmente nelle nostre città congestionate. Politiche come la Low Emission Zone si sforzano di farlo, ma la loro efficacia richiede una valutazione attenta e obiettiva, non solo in termini di miglioramento della qualità dell’aria, ma, soprattutto, della migliore salute.

Man mano che le evidenze aumentano, dimostrando che l’inquinamento atmosferico influisce sulla salute dei bambini nati e cresciuti nelle nostre città, aumenta la giustificazione per un’azione decisiva.”

Il co-autore Professor Frank Kelly, Istituto nazionale per la ricerca sanitaria (NIHR) Salute dei pericoli ambientali HPRU, Regno Unito, aggiunge: “Queste nuove scoperte che collegano l’inquinamento atmosferico e la crescita polmonare dei bambini forniscono ulteriore supporto all’introduzione della zona a emissione ultra bassa a Londra, all’inizio del prossimo anno.”

Le altre fonti inquinanti

Non va dimenticato il fatto che gli scarsi risultati ottenuti inasprendo le limitazioni al traffico, potrebbero essere dovute al fatto che l’inquinamento prodotto dalle auto è ormai molto basso. I nuovi motori, sia a benzina che diesel, posseggono caratteristiche tecniche estremamente evolute, che riducono notevolmente le emissioni inquinanti.

Esistono moltissime altre fonti di inquinamento atmosferico urbano, in particolare quelle legate a sistemi di riscaldamento domestico obsoleti, che possono far incrementare notevolmente le concentrazioni di polveri, rendendo così vano il blocco della circolazione.

 

 

Ian S Mudway, et al. Impact of London’s low emission zone on air quality and children’s respiratory health: a sequential annual cross-sectional study. The Lancet Public Health, Open Access, Published: November 14, 2018.

 

 

Articolo precedenteLe linee guida sull’attività fisica: 150 minuti alla settimana per essere in buona salute
Articolo successivoLa nuova versione della Audi R8, più che mai sportiva
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui