I molti danni alla salute causati dall’innalzamento delle temperature

La proporzione della popolazione globale vulnerabile alla morte e alle malattie dovute all’esposizione ad un calore eccessivo sta crescendo. Questo incremento sembra essere dovuto agli effetti dei cambiamenti climatici sugli anziani, sulle persone che vivono in città e sui pazienti con malattie non trasmissibili (NCD). Questo è il quadro proposto da dal rapporto The Lancet Countdown on Health and Climate Change.

La rapida crescita delle temperature

La crescente vulnerabilità ai rischi legati al calore dei cambiamenti climatici si riflette nell’aumentata esposizione a temperature più elevate. Nonostante un aumento medio della temperatura globale di 0,3 ° C tra il 1986 e il 2017, l’aumento della temperatura media a cui sono state esposte le persone era più del doppio (0,8 ° C).

Tuttavia, gli autori notano anche tendenze promettenti in aree chiave per la salute, tra cui l’eliminazione graduale del carbone, l’impiego di modi di trasporto più sani, più puliti e l’adattamento del sistema sanitario.

“I cambiamenti attuali nelle ondate di calore e nella capacità di lavoro forniscono un avvertimento dell’impatto sulla salute pubblica se le temperature continueranno a salire”, afferma il professor Hilary Graham, The University of York, Regno Unito. “Le tendenze degli impatti dei cambiamenti climatici, delle esposizioni e delle vulnerabilità, mostrano un rischio inaccettabilmente elevato per la salute, ora e in futuro. La mancanza di progressi nella riduzione delle emissioni e nella costruzione di capacità adattive minaccia la vita e i sistemi sanitari.”

Il professor Graham prosegue: “Nonostante i ritardi, alcuni settori stanno intraprendendo una transizione a basse emissioni di carbonio, che è un segnale promettente. È chiaro che la natura e la portata della risposta ai cambiamenti climatici saranno il fattore determinante nel plasmare la salute delle nazioni nei secoli a venire.”

Indicatori di pericolo

Il rapporto annuale traccia 41 indicatori in cinque aree: impatti, esposizioni e vulnerabilità dei cambiamenti climatici; adattamento, pianificazione e resilienza per la salute; azioni di mitigazione e co-benefici per la salute; finanza ed economia; impegno pubblico e politico.

Gli indicatori comprendono disastri meteorologici, sicurezza alimentare, consumo di carburante pulito, consumo di carne, inquinamento atmosferico e il numero di articoli di ricerca scientifica sul clima e sulla salute.

Il rapporto coinvolge 27 principali istituzioni accademiche, l’ONU e agenzie intergovernative di tutti i continenti, avvalendosi dell’esperienza di scienziati del clima, ecologisti, matematici, geografi, ingegneri, esperti in materia di energia, cibo, bestiame, trasporti, economisti, scienziati sociali e politici, professionisti della salute e medici.

Esposizione al calore e rischi per la salute

A causa dell’aumento delle temperature causato dai cambiamenti climatici, le popolazioni vulnerabili (adulti oltre i 65 anni, persone che vivono in città e persone con malattie cardiovascolari, diabete e malattie respiratorie croniche) sono esposte a stress da calore, aumentando il rischio di malattie cardiovascolari e insufficienza renale. Nel 2017, oltre 157 milioni di persone vulnerabili di età superiore ai 65 anni sono state esposte a ondate di calore rispetto al basale dello studio, 18 milioni di persone in più rispetto al 2016.

L’Europa e il Mediterraneo orientale sono più vulnerabili dell’Africa e dell’Asia sudorientale, molto probabilmente a causa dell’invecchiamento della popolazione che vive nelle città: il 42% degli europei e il 43% delle persone nel Mediterraneo orientale hanno più di 65 anni e sono vulnerabili all’esposizione al calore, rispetto al 38 % in Africa e al 34% nel sud-est asiatico.

Tuttavia, poiché la prevalenza di NCD aumenta nei paesi a basso e medio reddito, aumenta anche la vulnerabilità di queste popolazioni, in particolare nel Sudest asiatico, dove la vulnerabilità all’esposizione al calore è aumentata del 3,5% dal 1990.

In media, ogni persona è stata esposta a ulteriori 1,4 giorni di ondata di caldo dal 2000 al 2017, rispetto al 1986-2005.

Esposizione al calore e capacità lavorativa

L’aumento delle temperature è un rischio per la salute sul lavoro e poiché le temperature aumentano regolarmente al di sopra dei limiti fisiologici, il lavoro prolungato diventa più difficile o impossibile. Nel 2017 sono stati persi 153 miliardi di ore di lavoro a causa dell’esposizione al calore, un aumento di 62 miliardi di ore rispetto al 2000. Inoltre, questi cambiamenti si sono concentrati in aree già vulnerabili in India, Asia sud-orientale e Africa sub-sahariana e sud America.

Circa l’80% di queste perdite era nel settore agricolo (122 miliardi di ore perse), il 17,5% nel settore industriale (27 miliardi) e il 2,5% nel settore dei servizi (4 miliardi).

“La vulnerabilità al caldo estremo è costantemente aumentata in tutto il mondo dal 1990”, afferma il professor Joacim Rocklöv, all’Università di Umea, in Svezia. “Ciò ha comportato enormi perdite per le economie nazionali e i bilanci delle famiglie. In un momento in cui i bilanci sanitari nazionali e i servizi sanitari affrontano una crescente epidemia di malattie legate allo stile di vita, il continuo ritardo nello sbloccare i potenziali benefici per la salute derivanti dalla mitigazione dei cambiamenti climatici è miope e dannoso per la salute dell’uomo.”

Temperature in aumento e controllo dei vettori

Gli autori dimostrano che piccoli cambiamenti nella temperatura e nelle piogge possono determinare grandi cambiamenti nella trasmissione di alcune importanti malattie infettive che si diffondono attraverso l’acqua e le zanzare. Nel 2016, la capacità vettoriale globale per la trasmissione del virus della febbre dengue è stata la più alta mai registrata, con un aumento del 9,1% rispetto al valore di base degli anni ’50 per la zanzara Aedes aegypti e dell’11,1% per Aedes albopictus.

Inoltre, i batteri del colera sono aumentati del 24% nella fascia costiera della regione baltica tra gli anni ’80 e il 2010. La capacità vettoriale della malaria è aumentata del 27,6% negli altipiani dell’Africa sub-sahariana tra il 1950 e il 2016. Si stima che la spesa nel settore sanitario per l’adattamento ai cambiamenti climatici sia aumentata del 3,1% – dal 4,6% (11,32 miliardi di sterline) nel 2015-16 al 4,8% (11,68 miliardi di sterline) del 2016-17.

Nello stesso periodo, si stima che la spesa per la salute sia aumentata dal 13,5% (29 miliardi di sterline) al 15,2% (32,65 miliardi di sterline).

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 9 =