Home Ambiente Spostare gli investimenti su infrastrutture più ecologiche: un appello di ONU, OCSE...

Spostare gli investimenti su infrastrutture più ecologiche: un appello di ONU, OCSE e Banca Mondiale

195
0
La terra vista dalla spazio. Courtesy NASA/JPL

OCSE, Nazioni Unite e Banca Mondiale hanno invitato i leader dei paesi del G20 a fare di più per consentire uno spostamento radicale degli investimenti in infrastrutture a basse emissioni di carbonio. Questo consentirebbe di limitare l’impatto dei cambiamenti climatici.

Richieste precise

Presentando un nuovo rapporto, Financing Climate Futures: Ripensare le infrastrutture, al G20 di Buenos Aires, le tre organizzazioni internazionali hanno detto che i governi devono adottare un programma più trasformativo sugli investimenti. Devono essere indirizzati a infrastrutture a basse emissioni di carbonio e resilienti ai cambiamenti climatici, se vuole soddisfare l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di ridurre le emissioni di CO2 allo zero ella seconda metà del secolo.

adv

Financing Climate Futures risponde a un invito del Piano d’azione per il clima e l’energia di Amburgo del G20 2017 alle tre organizzazioni, per documentare le attività pubbliche e private per realizzare flussi finanziari coerenti con gli obiettivi di Parigi. Segue la relazione 2017 dell’OCSE “Investire nel clima, investire nella crescita”, un contributo alla presidenza tedesca del G20 che espone il caso economico secondo cui l’azione per il clima e la crescita possono andare di pari passo a condizione che le forti politiche climatiche siano integrate con riforme fiscali e strutturali.

“Investire in infrastrutture a basse emissioni di carbonio e resistenti ai cambiamenti climatici è vitale per il futuro del pianeta e può anche stimolare la crescita economica”, ha affermato Gabriela Ramos, Chief of Staff dell’OCSE e G20 Sherpa. “La sfida infrastrutturale crea incentivi per le riforme che possono offrire prestazioni migliori su entrambi i fronti. Stiamo perdendo tempo però. Se vogliamo raggiungere il nostro obiettivo, dobbiamo muoverci molto più rapidamente e ottenere uno spostamento sistematico di trilioni di dollari in investimenti verdi”.

Energia pulita per gli investimenti

Rilevando che energia, trasporti, edifici e infrastrutture idriche contribuiscono per oltre il 60% alle emissioni di gas serra, la relazione illustra sei modi per portare i flussi finanziari pubblici e privati ​​in linea con gli obiettivi di Parigi, in particolare nel finanziamento delle infrastrutture. Tra questi figurano una migliore pianificazione e previsione, l’integrazione delle preoccupazioni sul clima in tutte le decisioni di bilancio e il ricorso agli appalti pubblici in infrastrutture resilienti a basse emissioni.

Le sei azioni chiave

Financing Climate Futures delinea le azioni chiave per guidare gli investimenti verso le basse emissioni di carbonio:

  • Pianificare un’infrastruttura sostenibile e resiliente per un futuro a basse emissioni e resiliente
  • Liberare l’innovazione per accelerare la transizione verso tecnologie a basse emissioni, modelli di business e servizi
  • Garantire la sostenibilità fiscale per un futuro resiliente a basse emissioni
  • Ripristinare il sistema finanziario in linea con i rischi e le opportunità climatiche a lungo termine
  • Ripensare lo sviluppo della finanza per il clima
  • Autorizzare i governi delle città a costruire società urbane a bassa emissione e resilienti

Gli investimenti in infrastrutture sostenibili possono stimolare la crescita economica

Il rapporto afferma che aumentare gli investimenti pubblici e privati ​​in infrastrutture a basse emissioni e sostenibili è fondamentale per aumentare la resilienza ed evitare ulteriori emissioni di carbonio.

L’analisi dell’OCSE su “Investire nel clima, Investire nella crescita” ha mostrato che il trasferimento degli investimenti infrastrutturali in opzioni a basse emissioni di carbonio, insieme a riforme strutturali, potrebbe aumentare il PIL globale fino al 5% entro il 2050, riducendo nel contempo le emissioni. Ciò include gli effetti di minori rischi di danni causati da eventi meteorologici estremi.

Il costo del passaggio dall’infrastruttura marrone a quella verde sarebbe più che compensato dal risparmio di carburante. Secondo l’OCSE, i governi spendono mezzo trilione di dollari l’anno per sovvenzionare petrolio, carbone o gas e non fanno abbastanza uso della spesa pubblica come leva per decarbonizzare le economie investendo in infrastrutture a basse emissioni e innovazione.

Le centrali elettriche in costruzione o in fase di pianificazione porteranno a un quasi raddoppio delle emissioni prodotte dalla generazione di energia, mentre gli incentivi a passare a energia e infrastrutture verdi restano deboli.

“Non possiamo ignorare la nuova realtà di eventi meteorologici potenti che minacciano posti di lavoro, abitazioni, sicurezza alimentare e altre aree critiche della nostra vita”, ha affermato Kristalina Georgieva, Amministratore delegato della Banca Mondiale. “L’infrastruttura che viene costruita oggi deve essere pronta a far fronte al clima che cambia di domani. Abbiamo bisogno dei giusti incentivi e regolamenti per accelerare urgentemente i finanziamenti a questi progetti “.

Il cambiamento sta avvenendo, ma troppo lentamente

Il rapporto finale dell’Inchiesta sull’ambiente dell’ONU sulla progettazione di un sistema finanziario sostenibile, pubblicato ad aprile, ha rilevato che i progressi nella riforma del sistema finanziario globale negli ultimi quattro anni hanno iniziato a fornire finanziamenti per la sostenibilità e ad avviare la prossima ondata di azioni.

La sostenibilità sta diventando parte della pratica di routine all’interno delle istituzioni finanziarie e degli enti normativi, l’emissione di obbligazioni verdi è cresciuta da 11 miliardi di dollari nel 2013 a 155 miliardi di dollari nel 2017, e il numero e la gamma di misure politiche per far avanzare la finanza sostenibile è passato da 139 nel 2013 a 300 nel 2017. Tuttavia, c’è ancora molto da fare, in particolare nelle infrastrutture.

“Con solo 12 anni per evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici, abbiamo bisogno di una rapida riforma delle nostre economie e società, compreso il passaggio a infrastrutture a basse emissioni di carbonio”, ha affermato Joyce Msuya, direttore esecutivo ad interim delle Nazioni Unite. “Il potere economico e l’influenza politica del G20 saranno cruciali per sbloccare gli investimenti di cui abbiamo bisogno per realizzare questo cambiamento”.

 

 

Articolo precedenteNato il primo bambino dopo un trapianto di utero da donatore deceduto
Articolo successivoLa diagnosi di anemia fatta con lo smartphone
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

3 × 2 =