Home Bioingegneria La diagnosi di anemia fatta con lo smartphone

La diagnosi di anemia fatta con lo smartphone

7
0
Example use of the smartphone app for noninvasive detection of anemia. Credit: Robert Mannino

È stata recentemente presentata, sulla rivista Nature Communications, un’app per smartphone che consente la diagnosi di anemia. L’app rileva la presenza di questa condizione analizzando le foto dei letti delle unghie scattate con uno smartphone, valutando così in modo indiretto i livelli di emoglobina.

Questo approccio potrebbe potenzialmente portare alla sostituzione di test di laboratorio basati sul sangue, che sono attualmente necessari per diagnosticare e monitorare l’anemia.

Una condizione molto diffusa nel mondo

L’anemia colpisce oltre due miliardi di persone a livello globale. Gli approcci clinici esistenti per misurare i livelli di emoglobina richiedono attrezzature specializzate e rappresentano un compromesso tra invasività, accuratezza, requisiti infrastrutturali e costi. Tutti punti estremamente problematici in contesti rurali e in presenza di risorse limitate, ovvero proprio in contesti in cui l’anemia è più diffusa.

Il colore dei letti ungueali

Wilbur Lam e colleghi hanno sviluppato un algoritmo che calcola la concentrazione di emoglobina nel sangue analizzando i colori e i metadati tecnici dalle immagini del letto delle unghie. In questo modo, l’algoritmo, incorporato in un’app mobile, può funzionare senza la necessità di apparecchiature diverse dallo smartphone stesso.

In una valutazione clinica che coinvolge 100 partecipanti, l’app ha stimato le concentrazioni di emoglobina con elevata sensibilità e accuratezza paragonabili agli strumenti diagnostici attualmente disponibili per l’individuazione dell’anemia. In un’ulteriore valutazione che ha coinvolto quattro partecipanti, l’app ha mostrato alti livelli di accuratezza quando utilizzata come strumento di monitoraggio.

Uno screening economico

Gli autori suggeriscono che l’app può consentire lo screening dell’anemia in regioni prive di attrezzature specializzate e di personale addestrato, consentendo così ai pazienti con questa condizione di monitorare i loro livelli di emoglobina da remoto in meno di un minuto.

Tuttavia, saranno necessari ulteriori studi con un numero maggiore di partecipanti per confermare l’alto livello di accuratezza diagnostica necessaria per sostituire i test dell’anemia basati sul sangue con questa semplice applicazione per smartphone.

Guarda il video che illustra il metodo per valutare la concentrazione di emoglobina

 

 

Robert G. Mannino, et al. Smartphone app for non-invasive detection of anemia using only patient-sourced photos. Nature Communications, (2018) 9:4924.

 

Articolo precedenteSpostare gli investimenti su infrastrutture più ecologiche: un appello di ONU, OCSE e Banca Mondiale
Articolo successivoAlirocumab riduce gli eventi cardiovascolari ricorrenti nei pazienti con sindrome coronarica acuta
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

diciotto − 12 =