Home Cardiologia Fibrillazione atriale: il punteggio CHA2DS2-VASc va rivalutato almeno una volta l’anno

Fibrillazione atriale: il punteggio CHA2DS2-VASc va rivalutato almeno una volta l’anno

466
0
Blausen.com staff (2014). "Medical gallery of Blausen Medical 2014.

Valutare annualmente il punteggio CHA2DS2-VASc in pazienti con fibrillazione atriale potrebbe migliorare le previsioni del rischio di ictus e guidare con più precisione la prescrizione di anticoagulanti orali. Lo afferma un recente studio, pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Fibrillazione atriale e rischio tromboembolico: le linee guida

Le linee guida internazionali suggeriscono che gli anticoagulanti orali possono essere omessi per i pazienti con fibrillazione atriale in assenza di un punteggio CHA2DS2-VASc maggiore di 0 negli uomini o 1 nelle donne. Anche se viene raccomandato di rivalutare periodicamente il rischio, non è stato però determinato quale sia l’intervallo ragionevole che deve trascorrere tra una valutazione e l’altra.

adv

Si tratta di un punto di particolare importanza, perché il rischio di ictus non è statico tra i pazienti con fibrillazione atriale. Si è visto come circa il 90% di questi pazienti sviluppi almeno un nuovo fattore di rischio prima della comparsa di un ictus ischemico. Questo significa che non sarebbero più stati classificati come soggetti a “basso rischio”, con i conseguenti cambiamenti delle raccomandazioni terapeutiche.

Fibrillazione atriale: il rischio tromboembolico cambia con il tempo

I ricercatori del Taipei Veterans General Hospital, e della National Yang-Ming University, hanno utilizzato un database nazionale per identificare 14.606 pazienti con fibrillazione atriale di nuova diagnosi. In questi soggetti, in base al loro punteggio CHA2DS2-VASc, non era stato prescritto un trattamento anticoagulante.

I ricercatori hanno scoperto che un anno dopo l’episodio di fibrillazione atriale incidente, circa il 16,1% degli uomini e il 16,2% delle donne che inizialmente erano stati valutati a basso rischio erano passati ad un punteggio CHA2DS2-VASc ad alto rischio.

Questo risultato suggerisce che i punteggi di CHA2DS2-VASc devono essere rivalutati almeno una volta l’anno in pazienti con fibrillazione atriale in modo che gli anticoagulanti orali possano essere prescritti in modo tempestivo per la prevenzione dell’ictus.

 

 

Articolo precedenteMateria oscura: uno studio svela la sua distribuzione tra le galassie
Articolo successivoUn’immagine di 50 anni fa per riconsiderare la fragilità della Terra
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui