Home Gastroenterologia Anche un consumo moderato di alcol può far aumentare il rischio di...

Anche un consumo moderato di alcol può far aumentare il rischio di ictus

217
0

Gli studi sui geni dell’Asia orientale che influenzano fortemente la quantità di alcol che le persone scelgono di bere mostrano che l’alcol stesso aumenta direttamente la pressione sanguigna e le probabilità di avere un ictus. Era noto che i tassi di ictus erano aumentati da forti bevute di alcol, ma non era noto se fossero aumentati o diminuiti bevendo moderatamente. Questo nuovo studio, pubblicato sulla rivista The Lancet, mette in luce questi aspetti.

Era stato osservato che anche se le persone che bevevano una o due bevande alcoliche al giorno avevano un rischio solo leggermente inferiore di ictus e infarto rispetto ai non bevitori. Non era noto però se questo fosse dovuto al fatto che bere moderatamente era leggermente protettivo o se era perché i non bevitori avevano altri problemi di salute di base (ad esempio, essere ex bevitori che si erano fermati a causa di una malattia). Almeno per ictus, l’evidenza genetica ora smentisce l’affermazione che bere moderatamente è protettivo.

adv

Il profilo genetico nell’Asia orientale e il consumo di alcol

Nelle popolazioni dell’Asia orientale ci sono varianti genetiche comuni che riducono notevolmente la tollerabilità alcolica, perché causano una reazione di arrossamento estremamente spiacevole dopo aver bevuto alcolici. Sebbene queste varianti genetiche riducano notevolmente la quantità di persone che bevono, non sono correlate ad altri fattori dello stile di vita come il fumo. Pertanto, possono essere utilizzati per studiare gli effetti causali dell’assunzione di alcol.

Poiché i fattori genetici che influenzano fortemente i modelli di consumo sono assegnati casualmente al concepimento e persistono per tutta la vita, questo studio è l’equivalente genetico di un ampio trial randomizzato e può quindi chiarire in modo affidabile le relazioni causa-effetto: un metodo chiamato “randomizzazione mendeliana”.

Lo studio

L’autrice principale, Iona Millwood, del Medical Research Council Population Health Research Unit dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, afferma: “L’utilizzo della genetica è un nuovo modo per valutare gli effetti sulla salute dell’alcol e per stabilire se bere moderatamente è davvero protettivo o se è leggermente dannoso. Le nostre analisi genetiche ci hanno aiutato a capire le relazioni causa-effetto.”

Ricercatori della Oxford University, della Peking University e dell’Accademia cinese delle scienze mediche hanno condotto un ampio studio collaborativo su oltre 500.000 uomini e donne in Cina a cui è stato chiesto del loro consumo di alcool e che sono stati seguiti per dieci anni. In oltre 160.000 di questi adulti i ricercatori hanno misurato due varianti genetiche (rs671 e rs1229984) che riducono sostanzialmente l’assunzione di alcool.

Tra gli uomini, queste varianti genetiche hanno causato una differenza di 50 volte nell’assunzione media di alcol, da quasi zero a circa quattro unità (bevande) al giorno. Le varianti genetiche che hanno ridotto l’assunzione di alcol hanno anche diminuito la pressione sanguigna e il rischio di ictus. Da questa evidenza, gli autori concludono che l’alcol aumenta il rischio di avere un ictus di circa un terzo (35%) ogni quattro ulteriori drink al giorno (280 g di alcol a settimana), senza effetti protettivi indotti dal bere leggero o moderato.

Il rischio zero non esiste

Il professor Zhengming Chen, co-autore del Dipartimento di Popolazione della Nuvola di Nuffield, Università di Oxford, afferma: “Non ci sono effetti protettivi dell’assunzione moderata di alcol contro l’ictus. Anche un moderato consumo di alcol aumenta le probabilità di avere un ictus. I risultati per l’attacco di cuore sono stati meno chiari, quindi pensiamo di raccogliere più prove.”

Degli uomini con misurazioni genetiche, circa 10.000 hanno avuto un ictus e 2.000 hanno avuto un infarto durante circa dieci anni di follow-up, quindi sono necessarie maggiori informazioni su questi ultimi.

Poche le donne in Cina bevono alcol (meno del 2% delle donne nello studio ha bevuto nella maggior parte delle settimane e quando hanno bevuto hanno consumato meno degli uomini) e le varianti genetiche che causano intolleranza all’alcol hanno avuto scarso effetto sulla pressione sanguigna o sul rischio di ictus. Le donne in questo studio forniscono quindi un utile gruppo di controllo, che aiuta a confermare che gli effetti di queste varianti genetiche sul rischio di ictus negli uomini sono stati causati dal consumo di alcol, non da qualche altro meccanismo.

Risultati applicabili in tutto il mondo

Gli autori sottolineano che sarebbe impossibile fare un tale studio nelle popolazioni occidentali, dove quasi nessuno ha le varianti genetiche rilevanti. Tuttavia, queste scoperte sugli effetti dell’alcol in Asia dovrebbero essere applicabili in tutto il mondo.

Poiché lo studio è stato condotto in Cina, l’alcol consumato era principalmente legato ai superalcolici, ma si presuppone che i risultati si applichino anche all’alcol presente in altre bevande.

In Cina, gli anni di vita persi per l’ictus sono maggiori rispetto a qualsiasi altra malattia. Questo studio stima che, tra gli uomini cinesi, l’alcol è causa dell’8% di tutti gli ictus da fenomeni trombotici e del 16% di quelli emorragici.

Già lo scorso anno avevamo presentato un lavoro che indicava come non esista un consumo minimo di alcol innocuo per la salute.

 

Articolo precedenteIn un quarto delle strutture sanitarie al mondo mancano i servizi idrici di base
Articolo successivoSvelata la dinamica dei flussi piroclastici nelle eruzioni vulcaniche
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

diciassette − 5 =