Nessuna differenza sostanziale nel rischio di HIV per tre diverse forme di contraccezione

Uno studio randomizzato su oltre 7.800 donne africane ha rilevato che un tipo di iniezione contraccettiva (medrossiprogesterone acetato per deposito intramuscolare – DMPA-IM) non rappresentava un rischio sostanzialmente aumentato di acquisizione dell’HIV rispetto a un dispositivo intrauterino di rame (IUD) e un impianto di levonorgestrel (LNG). I risultati di questo primo trial randomizzato nel suo genere, pubblicato su The Lancet, contrastano 30 anni di ricerche epidemiologiche che suggeriscono una potenziale associazione tra alcuni tipi di contraccettivi e il rischio di contrarre l’HIV.

Metodi contraccettivi e rischio di HIV

“Il nostro studio randomizzato non ha riscontrato differenze sostanziali nel rischio di HIV tra i metodi contraccettivi valutati e tutti i metodi erano sicuri ed estremamente efficaci nel prevenire la gravidanza”, afferma il co-autore dello studio, il professor Jared Baeten, dell’Università di Washington.

La co-autrice Helen Rees, Wits Reproductive Health e HIV Institute, del Sudafrica, aggiunge: “Questi risultati sottolineano l’importanza di un continuo e maggiore accesso a questi tre metodi contraccettivi, nonché di scelte contraccettive ampliate, integrate da servizi di prevenzione per HIV e altre infezioni sessualmente trasmesse di alta qualità.

La scelta informata delle donne nei servizi di salute sessuale e riproduttiva è essenziale. Questa evidenza migliorerà il processo decisionale sui contraccettivi delle donne e aiuterà i fornitori e i responsabili delle politiche a fornire cure contraccettive di alta qualità basate sui diritti”.

600.000 nuove infezioni ogni anno

Più di 600.000 nuove infezioni da HIV si verificano ogni anno in donne africane, e la prevalenza dell’HIV e delle infezioni sessualmente trasmesse era alta nelle donne studiate. Il co-autore Dr Nelly Mugo, Kenya Medical Research Institute e Università di Washington, avverte: “È importante notare che nessuno dei metodi contraccettivi che abbiamo valutato è stato progettato per essere protettivo contro l’HIV. I nostri risultati sottolineano con forza la necessità di ulteriori interventi di prevenzione e gestione dell’HIV e delle infezioni sessualmente trasmesse più aggressivi per le donne africane.”

Sebbene vi sia un sostanziale bisogno insoddisfatto di contraccezione moderna per le donne in Africa che non desiderano una gravidanza, più di 58 milioni di donne africane usano metodi contraccettivi moderni. L’uso di contraccettivi iniettabili è aumentato negli ultimi decenni in Africa e in molti ambienti in cui l’incidenza dell’HIV è elevata, il DMPA-IM è il contraccettivo predominante utilizzato.

DMPA-IM e suscettibilità all’HIV

Precedenti studi epidemiologici, clinici e di laboratorio hanno suggerito che il DMPA-IM potrebbe aumentare la suscettibilità di una donna all’HIV. Tuttavia, questi studi hanno limitazioni importanti e i risultati sono stati incoerenti Alcuni studi non hanno riscontrato alcun aumento dell’incidenza dell’HIV tra gli utenti di DMPA-IM. Nel marzo 2017, l’OMS ha pubblicato una guida per l’uso del DMPA-IM da parte delle donne ad alto rischio di infezione da HIV e il criterio di idoneità medica (MEC) dell’OMS per il contraccettivo è cambiato da una categoria 1 (“una condizione per la quale non esiste restrizione per l’uso del metodo contraccettivo “) a una categoria 2 (” una condizione in cui i vantaggi dell’utilizzo del metodo superano generalmente i rischi teorici o comprovati “).

A luglio 2019, i risultati di questo nuovo studio (lo studio ECHO) saranno esaminati e un gruppo di sviluppo delle linee guida determinerà se il DMPA-IM rimarrà o meno in una categoria 2 MEC.

Lo studio ECHO

Lo studio ECHO mirava a fornire prove solide per informare il processo decisionale delle donne, la consulenza contraccettiva e le decisioni politiche e regolamentari.

Il trial è stato condotto in 12 siti in eSwatini, Kenya, Sud Africa e Zambia e comprendeva 7.829 donne di età compresa tra 16 e 35 anni che stavano cercando una contraccezione efficace. Le donne sono state incluse se non avevano l’HIV, hanno accettato di usare il metodo contraccettivo per 18 mesi e non avevano usato nessuno dei tre contraccettivi dello studio negli ultimi 6 mesi. I partecipanti sono stati divisi casualmente in tre gruppi e assegnati a DMPA-IM (2.609 donne), IUD (2.607) o LNG (2.613). Lo studio era in aperto e i medici hanno informato le donne nello studio che il loro contraccettivo non proteggeva dall’HIV e veniva consigliato anche l’uso del condom.

Le differenze nell’incidenza dell’HIV

In totale, 7.324 donne (il 94% di tutte le donne incluse) hanno completato la loro visita finale programmata. Durante lo studio sono state registrate 397 infezioni da HIV (3,8% all’anno) – 143 nel gruppo DMPA-IM, 138 nel gruppo IUD e 116 nel gruppo LNG. Le differenze nell’incidenza dell’HIV non erano significative nei tre gruppi di donne.

Tutti e tre i metodi contraccettivi sono stati ben tollerati, con meno del 4% dei partecipanti in qualsiasi gruppo che ha riportato eventi avversi gravi (2%, 49 donne nel gruppo DMPA-IM, 4%, 92 donne nel gruppo IUD e 3% , 78 donne nel gruppo LNG) e meno del 9% ha riferito eventi avversi con conseguente interruzione del metodo (4%, 109 donne nel gruppo DMPA-IM, 8%, 218 donne nel gruppo IUD e 9%, 226 donne nel gruppo LNG). I motivi per la sospensione dell’uso dei contraccettivi erano principalmente dovuti a effetti collaterali comuni.

Inoltre, tutti e tre i contraccettivi erano altamente efficaci, con circa l’1% o meno delle donne che avevano una gravidanza durante l’uso del contraccettivo a cui erano stati assegnati ininterrottamente per un anno.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − due =