Venti milioni di bambini nel mondo non hanno ricevuto i vaccini auspicati

Secondo i nuovi dati dell’OMS e dell’UNICEF, nel 2018 venti milioni di bambini in tutto il mondo – oltre 1 su 10 – non hanno ricevuto gli opportuni vaccini salvavita, come quelli per il morbillo, la difterite e il tetano.

A livello globale, dal 2010, la copertura vaccinale con tre dosi di difterite, tetano e pertosse (DTP3) e una dose del vaccino contro il morbillo si è arrestata a circa l’86%. Anche se la copertura elevata, resta comunque insufficiente. È infatti necessaria una copertura del 95%, a livello globale, tra paesi e comunità, per proteggersi dagli attacchi di malattie prevenibili.

I vaccini nel mondo

“I vaccini sono uno dei nostri strumenti più importanti per prevenire epidemie e proteggere il mondo”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità. “Mentre molti bambini oggi vengono vaccinati, ne rimangono ancora troppi senza. In modo inaccettabile, sono spesso coloro che sono maggiormente a rischio – i più poveri, i più emarginati, quelli toccati dai conflitti o costretti a lasciare le loro case – a cui mancano costantemente”.

La maggior parte dei bambini non vaccinati vive nei paesi più poveri e sono in stati fragili o colpiti da conflitti. Quasi la metà si trova in appena 16 paesi: Afghanistan, Repubblica Centrafricana, Ciad, Repubblica Democratica del Congo (RDC), Etiopia, Haiti, Iraq, Mali, Niger, Nigeria, Pakistan, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Siria e Yemen.

Se questi bambini si ammalano, sono a rischio delle più gravi conseguenze per la salute e hanno al contempo minori probabilità di accedere a cure salvavita.

I focolai di morbillo: i casi raddoppiano

Persistono disparità nell’accesso ai vaccini tra paesi e all’interno dei paesi, a tutti i livelli di reddito. Ciò ha provocato devastanti epidemie di morbillo in molte parti del mondo, compresi i paesi con alti tassi di vaccinazione.

Nel 2018, sono stati segnalati a livello globale quasi 350.000 casi di morbillo, più che raddoppiati dal 2017.

“Il morbillo è un indicatore in tempo reale di dove abbiamo più lavoro da fare per combattere le malattie prevenibili”, ha detto Henrietta Fore, Direttore esecutivo dell’UNICEF. “Poiché il morbillo è così contagioso, un’epidemia indica le comunità che stanno perdendo vaccinazioni, a causa dell’accesso, dei costi o, in alcuni casi, del compiacimento. Dobbiamo sforzarci ogni sforzo per immunizzare ogni bambino”.

Le nazioni con l’incidenza più elevata di morbillo

Nazione Copertura con la prima dose di vaccino (2010) Copertura con la prima dose di vaccino (2018)
Ukraine 56 91
Democratic Republic of the Congo 74 80
Madagascar 66 62
Liberia 65 91
Somalia 46 46
Serbia 95 92
Georgia 94 98
Albania 99 96
Yemen 68 64
Romania 95 90

 

L’Ucraina guida un elenco diversificato di paesi con il più alto tasso di incidenza segnalato di morbillo nel 2018. Mentre il paese è ora riuscito a vaccinare oltre il 90% dei suoi bambini, la copertura era rimasta bassa per diversi anni, lasciando un gran numero di bambini e adulti più grandi a rischio.

Molti altri paesi con elevata incidenza e alta copertura hanno gruppi significativi di persone che sono stati vaccinati contro il morbillo in passato. Questo dimostra quanto la copertura nel tempo o le comunità discrete di persone non vaccinate possano scatenare epidemie mortali.

Il vaccino per il papillomavirus

Per la prima volta, sono disponibili dati sulla copertura del vaccino contro il papillomavirus umano (HPV), che protegge le ragazze dal cancro del collo dell’utero in età avanzata. A partire dal 2018, 90 paesi, che ospitano 1 ragazza su 3 in tutto il mondo, hanno introdotto il vaccino HPV nei loro programmi nazionali.

Solo 13 di questi sono paesi a basso reddito. Ciò lascia ai soggetti maggiormente a rischio un minor accesso al vaccino, esponendoli agli effetti devastanti del cancro del collo dell’utero.

Insieme a partner come Gavi, Vaccine Alliance e Measles & Rubella Initiative, l’OMS e l’UNICEF stanno sostenendo i paesi per rafforzare i loro sistemi di immunizzazione e la risposta alle epidemie, vaccinando tutti i bambini di routine, conducendo campagne di emergenza e formando gli operatori sanitari, come parte essenziale dell’assistenza sanitaria primaria di qualità.

Informazioni sui dati

Dal 2000, l’OMS e l’UNICEF producono congiuntamente stime di copertura delle vaccinazioni nazionali per gli Stati membri su base annuale. Oltre a produrre le stime di copertura dell’immunizzazione per il 2018, il processo di stima dell’OMS e dell’UNICEF rivede l’intera serie storica di dati di immunizzazione con le ultime informazioni disponibili. La revisione del 2018 copre 39 anni di stime di copertura, dal 1980 al 2018.

La copertura DTP3 è utilizzata come indicatore per valutare la percentuale di bambini vaccinati e calcolata per i bambini al di sotto di un anno di età. Il numero stimato di bambini vaccinati è calcolato utilizzando i dati sulla popolazione forniti dalle World Population Prospects (WPP) del 2019 dall’ONU.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 3 =