Il nuovo rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sul consumo di tabacco

Molti governi stanno compiendo progressi nella lotta contro il tabacco. Circa 5 miliardi di persone vivono oggi in paesi che hanno introdotto divieti di fumo, avvertenze grafiche sugli imballaggi e altre efficaci misure di controllo del tabacco. Quattro volte più persone rispetto a un decennio fa.

Un nuovo rapporto dell’OMS mostra però che molti paesi non stanno ancora attuando adeguatamente le politiche che possono salvare vite umane dal tabacco, incluso aiutare le persone a smettere di fumare.

Il settimo rapporto dell’OMS sull’epidemia mondiale del tabacco

Il settimo rapporto dell’OMS sull’epidemia mondiale del tabacco analizza gli sforzi nazionali per attuare le misure più efficaci della Convenzione quadro dell’OMS sul controllo del tabacco (OMS FCTC).

Queste misure, come gli interventi “MPOWER”, hanno dimostrato di salvare vite umane e ridurre i costi derivanti da spese sanitarie evitate. Il rapporto MPOWER è stato lanciato nel 2007 per promuovere l’azione del governo su sei strategie di controllo del tabacco in linea con l’FCTC dell’OMS per:

  • Monitorare le politiche sull’uso e la prevenzione del tabacco.
  • Proteggere le persone dal fumo di tabacco.
  • Offrire aiuto per smettere di usare il tabacco.
  • Avvertire le persone sui pericoli del tabacco.
  • Applicare divieti sulla pubblicità, la promozione e la sponsorizzazione del tabacco.
  • Aumentare le tasse sul tabacco.

I servizi di cessazione del tabacco devono essere intensificati

Il focus dell’ultimo rapporto è sui progressi compiuti dai paesi per aiutare i consumatori di tabacco a smettere. È stato lanciato nei giorni scorsi in Brasile, un paese che è diventato il secondo, dopo la Turchia, ad attuare pienamente tutte le misure MPOWER ai massimi livelli di successo.

Il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, ha affermato che i governi dovrebbero implementare i servizi di cessazione come parte degli sforzi per garantire una copertura sanitaria universale per i loro cittadini.

“Smettere di fumare è una delle cose migliori che una persona possa fare per la propria salute”, ha affermato il dott. Tedros. “Il pacchetto MPOWER offre ai governi gli strumenti pratici per aiutare le persone a liberarsi dall’abitudine, aggiungendo anni alla loro vita e vita ai loro anni”.

Si stanno compiendo progressi, con 2,4 miliardi di persone che vivono in paesi che ora offrono servizi completi di cessazione (2 miliardi in più rispetto al 2007). Ma solo 23 paesi stanno fornendo servizi di cessazione al livello delle migliori pratiche, rendendola la misura MPOWER più poco implementata in termini di numero di paesi che offrono una copertura completa.

I servizi per la cessazione del tabacco

I servizi di cessazione del tabacco comprendono numeri telefonici gratuiti di consulenza, servizi di “mCessation” per raggiungere popolazioni più grandi tramite telefoni cellulari, consulenza da parte di operatori sanitari primari e terapia sostitutiva a base di nicotina.

Michael R. Bloomberg, Ambasciatore mondiale dell’OMS per le malattie e le lesioni non trasmissibili e fondatore di Bloomberg Philanthropies, ha affermato che il rapporto evidenzia gli sforzi dei governi per aiutare le persone a smettere di lavorare con il tabacco quando adeguatamente attuate.

“Sempre più paesi stanno facendo del controllo del tabacco una priorità e salvando vite umane, ma c’è ancora molto lavoro da fare”, ha affermato Bloomberg. “Il nuovo rapporto dell’OMS mette in luce gli sforzi globali per aiutare le persone a smettere di usare il tabacco e illustra in dettaglio alcuni dei nostri guadagni più importanti”.

Il rapporto, finanziato dalla Bloomberg Philanthropies, ha mostrato che mentre solo 23 paesi hanno implementato politiche di supporto alla cessazione ai massimi livelli, altri 116 forniscono servizi coperti totalmente o parzialmente in alcune o la maggior parte delle strutture sanitarie e altri 32 offrono servizi, ma non coprono i loro costi, dimostrando un alto livello di domanda pubblica per il sostegno alla cessazione del fumo.

Il consumo di tabacco

Anche il consumo di tabacco è diminuito proporzionalmente nella maggior parte dei paesi, ma la crescita della popolazione significa che il numero totale di persone che usano il tabacco è rimasto ostinatamente alto. Attualmente, ci sono circa 1,1 miliardi di fumatori, circa l’80% dei quali vive in paesi a basso e medio reddito (LMIC).

La sigaretta elettronica

Il nuovo rapporto dell’OMS sottolinea che non le evidenze scientifiche riguardo il ruolo della sigaretta elettronica nella cessazione del fumo sono inconclusive. Non vi è quindi alcuna certezza che possano essere utili in questo senso.

Al contrario, vengono espresse perplessità per quanto riguarda i non fumatori che iniziano ad utilizzarle, in particolare per i soggetti giovani.

L’OMS non sostiene quindi l’uso della sigaretta elettronica come mezzo di cessazione del fumo. Al contrario, mette in guardia rispetto a possibili interferenze dell’industria del tabacco sugli sforzi per la cessazione del fumo, attraverso mistificazioni sui potenziali benefici dei dispositivi elettronici.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − 4 =