Home Geriatria Un’applicazione dell’OMS per la buona salute degli anziani

Un’applicazione dell’OMS per la buona salute degli anziani

265
0

In occasione della Giornata internazionale degli anziani, celebrata lo scorso il 1° ottobre, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) lancia un pacchetto di strumenti, tra cui un’applicazione digitale, per aiutare gli operatori sanitari e sociali a fornire una migliore assistenza agli anziani.

L’innovativa applicazione digitale interattiva nota come App WHOP ICOPE Handbook fornisce una guida pratica per affrontare le condizioni prioritarie tra cui limitazioni di mobilità, malnutrizione, perdita della vista e dell’udito, declino cognitivo, sintomi depressivi, assistenza sociale e supporto.

adv

Utilizzata insieme a un pacchetto di strumenti che include un nuovo manuale, l’app accelererà la formazione degli operatori sanitari e sociali per rispondere meglio alle diverse esigenze delle persone anziane.

Pacchetti sanitari universali

“È essenziale che i servizi per le persone anziane siano inclusi nei pacchetti sanitari universali. Allo stesso tempo, è necessario un buon coordinamento tra i servizi sanitari e sociali per fornire cure ottimali quando necessario. Il nuovo pacchetto di strumenti aiuta l’invecchiamento in buona salute con un modello di assistenza centrato sulla persona e coordinato”afferma la dott.ssa Anshu Banerjee, direttore del dipartimento di salute materna, neonatale, infantile e adolescenziale e invecchiamento dell’OMS.

La popolazione mondiale sta invecchiando rapidamente. Entro il 2050 una persona su cinque avrà più di 60 anni. Il numero di persone di età superiore a 80 anni dovrebbe triplicare da 143 milioni nel 2019 a 426 milioni nel 2050. Mentre ogni persona anziana è diversa, la capacità fisica e mentale tende a diminuire con l’aumentare dell’età.

Impedire l’isolamento sociale e la dipendenza dalle cure

“Tale innovazione consentirà alle persone anziane di continuare a fare le cose che apprezzano e impedire l’isolamento sociale e dipendenza dalle cure.”, Afferma la dott.ssa Islene Araujo de Carvalho, leader del gruppo sull’invecchiamento e l’assistenza integrata presso l’OMS. “Intervenire vicino a dove vivono le persone anziane, con la partecipazione attiva della comunità e delle persone anziane stesse, è essenziale per un piano di assistenza personalizzato.”

Il pacchetto di strumenti per l’assistenza integrata agli anziani è il risultato di due anni di ampie consultazioni con i principali esperti e parti interessate, compresi i rappresentanti della società civile.

L’agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile riconoscono che lo sviluppo sarà realizzabile solo se includerà persone di tutte le età. Responsabilizzare le persone anziane e consentire la loro piena partecipazione e inclusione sociale nella buona salute sono modi per ridurre le disparità.

Questo il link per scaricare l’applicazione (Android).

 

 

Articolo precedenteWarfarin più efficace del rivaroxaban nella sindrome da anticorpi antifosfolipidi
Articolo successivoUn processo innovativo per estrarre dalle arance, oli essenziali, polifenoli, pectina e biometano
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

tre − uno =