Home Astronomia Un’immagine di giovani stelle che crescono, alimentate da gas e polvere

Un’immagine di giovani stelle che crescono, alimentate da gas e polvere

8
0
ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) ha catturato questa immagine ad altissima risoluzione di due dischi circumsterllari in cui crescono giovani stelle, alimentate dal materiale dei dischi stessi. La complessa rete di filamenti di gas e polvere distribuita in spirali ricorda la forma di un pretzel. L'osservazione di questo straordinario fenomeno getta nuova luce sulle prime fasi della vita delle stelle e aiuta gli astronomi a determinare le condizioni in cui si formano le stelle binarie. Crediti: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO), Alves et al.

Le due stelle sono state trovate nel sistema [BHB2007] 11 – il membro più giovane di un piccolo ammasso stellare nella nebulosa oscura Barnard 59, che fa parte delle nubi di polvere interstellare chiamate nebulosa Pipa.

Precedenti osservazioni di questo sistema binario avevano mostrato la struttura esterna. Ora, grazie all’alta risoluzione di ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) e a un gruppo internazionale di astronomi guidato da scienziati dell’Istituto Max Planck Institute for Extraterrestrial Physics (MPE) in Germania, possiamo vedere la struttura interna di questo oggetto.

Due sorgenti compatte

“Vediamo due sorgenti compatte che interpretiamo come dischi circumstellari intorno alle due giovani stelle”, spiega Felipe Alves di MPE che ha guidato lo studio. Un disco circumstellare è l’anello di polvere e gas che circonda una giovane stella. La stella accresce la materia dall’anello per ingrandirsi. “La dimensione di ciascuno di questi dischi è simile a quella della fascia di asteroidi nel nostro Sistema Solare e la separazione tra loro è 28 volte la distanza tra il Sole e la Terra”, osserva Alves.

Una complessa rete di strutture

I due dischi circumstellari sono circondati da un disco più grande, con una massa totale equivalente a circa 80 volte la massa di Giove, che mostra una complessa rete di strutture di polvere distribuite in forme a spirale – gli anelli del pretzel. “Questo è un risultato davvero importante”, sottolinea Paola Caselli, direttore a MPE, e a capo del Centro di studi astrochimici, coautrice del lavoro. “Abbiamo finalmente prodotto l’immagine della complessa struttura delle giovani stelle binarie con i loro filamenti che le alimentano e le collegano al disco in cui sono nate. Ciò fornisce importanti vincoli per gli attuali modelli di formazione stellare.”

Il processo di accrescimento

Le stelle infanti accrescono massa dal disco più grande in due fasi. Il primo stadio è quando la massa viene trasferita ai singoli dischi circumstellari in bellissimi anelli rotanti, che è ciò che ha mostrato la nuova immagine ALMA. L’analisi dei dati ha anche rivelato che il disco circumstellare meno massiccio ma più luminoso – quello nella parte inferiore dell’immagine – accumula più materiale. Nel secondo stadio, le stelle raccolgono massa dai loro dischi circumstellari.

“Ci aspettiamo che questo a due livelli guidi la dinamica del sistema binario durante la sua fase di accrescimento di massa”, aggiunge Alves. “Sebbene il buon accordo di queste osservazioni con la teoria sia già molto promettente, avremo bisogno di studiare in dettaglio un maggior numero di giovani sistemi binari per capire meglio come si formano le stelle multiple”.

 

 

 

Articolo precedenteL’inquinamento collegato ad un aumentato rischio di aborto nel primo trimestre
Articolo successivoLa tecnologia car-to-X di Mercedes: per scambiare le informazioni raccolte dai sensori dell’auto
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

uno × uno =