Home Covid-19 Coronavirus: la chiusura delle scuole può far ridurre la presenza al lavoro...

Coronavirus: la chiusura delle scuole può far ridurre la presenza al lavoro del personale sanitario

178
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

I responsabili politici statunitensi stanno prendendo in considerazione misure di allontanamento fisico per rallentare la diffusione di COVID-19. Per fare questo affrontano un difficile compromesso tra la chiusura delle scuole, per ridurre la trasmissione, e il potenziale assenteismo degli operatori sanitari a causa della necessità di assistenza all’infanzia.  Un’analisi di questo fenomeno, che in definitiva potrebbe far aumentare la mortalità per COVID- 19, è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet Public Health.

Coronavirus: le esigenze di assistenza all’infanzia degli operatori sanitari

Utilizzando gli ultimi dati del Current Population Survey del US Census Bureau per misurare le esigenze di assistenza all’infanzia degli operatori sanitari, se le scuole fossero chiuse, i ricercatori stimano che a livello nazionale, almeno uno su sette operatori sanitari potrebbe dover perdere il lavoro per prendersi cura dei propri figli, di età compresa tra i 3 e i 12 anni, anche dopo aver preso in considerazione l’aiuto fornito da adulti non lavoratori e fratelli maggiori all’interno della stessa famiglia.

adv

I ricercatori affermano che questi ulteriori obblighi in materia di assistenza all’infanzia potrebbero compromettere la capacità del sistema sanitario americano di rispondere a COVID-19, se non venissero presi accordi alternativi sull’assistenza all’infanzia.

Tuttavia, gli autori avvertono che il vero impatto delle chiusure scolastiche sui decessi complessivi causati da COVID-19 non può essere previsto con precisione, a causa delle grandi incertezze sulle stime di trasmissione e infettività e in che misura un declino della forza lavoro sanitaria influisce sulla sopravvivenza dei pazienti.

“La chiusura delle scuole comporta molti compromessi e può creare carenze involontarie di assistenza all’infanzia che mettono a dura prova il sistema sanitario”, afferma il professor Eli Fenichel dell’Università di Yale, negli Stati Uniti, che ha co-condotto la ricerca. “Gli operatori sanitari che dedicano meno tempo alla cura dei pazienti per prendersi cura dei propri figli possono influenzare direttamente lo sviluppo di un’epidemia e la sopravvivenza di quei pazienti. Comprendere questi compromessi è vitale quando si pianifica la risposta della salute pubblica a COVID-19, perché se la sopravvivenza dei pazienti infetti è sufficientemente sensibile alle diminuzioni della forza lavoro sanitaria, le chiusure scolastiche potrebbero potenzialmente aumentare i decessi per COVID-19″.

Coronavirus: la chiusura delle scuole

Le chiusure scolastiche, per ridurre i casi e la mortalità per COVID-19, si basano su esperienze condotte con l’influenza stagionale o da modelli che non includono l’effetto della chiusura scolastica sulla forza lavoro sanitaria. Pochi studi hanno preso in considerazione il compromesso tra la riduzione dei casi, l’onere della malattia e la potenziale perdita degli operatori sanitari per gli obblighi di assistenza all’infanzia.

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato i dati su oltre 3 milioni di persone, tra gennaio 2018 e gennaio 2020, per valutare la struttura familiare, e le probabili opzioni di assistenza all’infanzia all’interno della famiglia, per gli operatori sanitari.

Hanno identificato quelli che avevano maggiori probabilità di richiedere assistenza all’infanzia aggiuntiva, per i bambini di età compresa tra 3 e 12 anni, in caso di chiusura delle scuole. Sono state considerate le differenti professioni sanitarie, a livello nazionale e in diversi stati, supponendo che i servizi per l’infanzia per i bambini di età inferiore a 2 anni restassero aperti. Hanno anche creato dei modelli per valutare le potenziali riduzioni della forza lavoro sanitaria durante le chiusure scolastiche, con stime per identificare il punto in cui si perdono più vite con le chiusure scolastiche di quante se salvino.

Coronavirus: restare a casa con i bambini

Le analisi suggeriscono che circa il 29% degli operatori sanitari statunitensi deve fornire assistenza a bambini di età compresa tra 3 e 12 anni. Nelle famiglie senza un adulto non lavoratore o un fratello di età pari o superiore a 13 anni che possono fornire assistenza, i ricercatori stimano che il 15% degli operatori sanitari dovrà dedicarsi ad assistere i propri figli.  Questo equivale a circa 2,3 milioni di bambini a livello nazionale, se le scuole chiudessero. Tuttavia, gli autori notano che non sono stati in grado di valutare i casi in cui gli operatori sanitari trovavano metodi di assistenza alternativi per i loro bambini, come babysitter o amici.

La chiusura delle scuole potrebbe essere particolarmente impegnativa per gli infermieri (il 22% avrà bisogno di assistere i bambini), gli assistenti medici (21%), i tecnici diagnostici (19%), i medici e i chirurghi (16%).

Gli stati che probabilmente avrebbero le maggiori esigenze di assistenza all’infanzia non soddisfatte includono il Dakota del Sud (il 21% degli operatori sanitari), l’Oregon (21%) e il Missouri (21%). Al contrario, Washington DC (9% di operatori sanitari con bisogni di assistenza all’infanzia non soddisfatti), New Mexico (10%) e New Jersey (11%) hanno meno probabilità di avere carenze di operatori sanitari se le scuole chiudessero.

Coronavirus: chiusa delle scuole e vite salvate

Ulteriori analisi suggeriscono che se la frazione di mortalità (la percentuale di persone che muoiono rispetto a tutte le persone infette) aumenta dal 2% a oltre il 2,4% quando la forza lavoro in sanità diminuisce del 15%, la chiusura delle scuole potrebbe portare a un numero maggiore di morti rispetto a quelli che si prevengono. Tuttavia, esiste una variazione sostanziale in tutto il paese. Ad esempio, nel Dakota del Sud le stime suggeriscono che il tasso di mortalità non deve aumentare di oltre l’1,7% prima che le chiusure scolastiche smettano di salvare vite umane e inizino ad aumentare la mortalità complessiva, mentre a Washington DC è del 4,1%, a causa della scarsa assistenza all’infanzia in Washington DC rispetto al Sud Dakota.

“Il sistema sanitario americano sembra sproporzionatamente incline alla carenza di manodopera dovuta alla chiusura delle scuole, in particolare tra gli operatori sanitari che forniscono il controllo delle infezioni nelle case di cura”, afferma la co-conduttrice dottoressa Jude Bayham della Colorado State University. “Queste potenziali carenze di personale sanitario dovrebbero essere una priorità nella valutazione dei potenziali benefici e costi delle chiusure scolastiche, e le disposizioni alternative in materia di assistenza all’infanzia devono far parte del piano di chiusura delle scuole.”

Secondo Fenichel, “Chiudere le scuole e prendere le distanze in generale significa piegare la curva per rimanere al di sotto della capacità ospedaliera e ridurre la mortalità COVID-19, ma il modo in cui distanziamo per piegare la curva può anche influenzare la capacità dell’ospedale di cui abbiamo bisogno per rimanere al di sotto. Dobbiamo prendere in considerazione entrambi.”

 

 

 

Articolo precedenteChi va al lavoro in bicicletta rischia l’infortunio, ma ha meno malattie cardiovascolari e tumori
Articolo successivoUn naso elettronico assistito dall’intelligenza artificiale
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui