Immagine del coronavirus

COVID-19: fino all’87% dei casi a Wuhan potrebbero non essere stati rilevati

Secondo uno studio di modellizzazione, pubblicato in questi giorni sulla rivista Nature, fino all’87% dei casi COVID-19 a Wuhan, in Cina, tra gennaio e marzo 2020 potrebbe non essere stato rilevato. Questi risultati sono coerenti con i recenti studi sierologici negli Stati Uniti e in Europa. Infezioni non rilevate o non accertate – che potrebbero aver incluso individui asintomatici o presintomatici o quelli con sintomi lievi – probabilmente hanno avuto un ruolo importante nella rapida diffusione della malattia e potrebbero portare a una ripresa delle infezioni se le restrizioni fossero sospese troppo presto.

COVID-19 e casi non rilevati: le persone asintomatiche o presintomatiche

Si pensa che le persone con COVID-19 che sono asintomatiche, presintomatiche o che hanno sintomi lievi, abbiano un ruolo importante nella rapida diffusione dell’infezione perché sono difficili da rilevare e isolare. La ricostruzione della dinamica completa di un focolaio consente una migliore comprensione della proporzione e degli effetti delle infezioni non accertate COVID-19, che potrebbero guidare gli sforzi per monitorare e controllare la ricomparsa della malattia.

Chaolong Wang e colleghi hanno studiato le dinamiche di trasmissione dell’epidemia COVID-19 a Wuhan e hanno valutato l’impatto degli interventi utilizzando i dati di 32.583 casi confermati in laboratorio dall’8 dicembre 2019 all’8 marzo 2020. Hanno usato questi dati per modellare l’epidemia dal 1° gennaio 2020, dividendola in cinque periodi di tempo, sulla base di eventi e interventi chiave, come il Capodanno cinese e l’imposizione di isolamento centralizzato e quarantena.

La loro analisi rivela che la velocità iniziale di trasmissione era molto alta, con un numero di riproduzione di base stimato (R0) di 3,54 nel primo periodo, sceso poi a circa 0,28 entro la fine del periodo di studio. Questa scoperta suggerisce che gli interventi progressivi di salute pubblica che sono stati messi in atto tra la fine di gennaio e marzo 2020 hanno ridotto il numero di infezioni totali a Wuhan dell’8 marzo dell’8 marzo.

COVID-19 e casi non rilevati: quarantena e distanziamento sociale

Adattando i loro modelli ai dati epidemiologici, gli autori dimostrano che a Wuhan sono probabilmente presenti estese sacche di infezioni non rilevate. Stimano che l’87% delle infezioni non siano state rilevate durante il periodo di studio, con un limite inferiore della stima pari al 53% con un’ipotesi estrema che tutti i casi siano stati rilevati nella fase iniziale. Gli autori suggeriscono che interventi di salute pubblica, come la quarantena e il distanziamento sociale, sembrano essere un modo efficace per bloccare la trasmissione da casi non accertati e controllare l’epidemia. Sottolineano che sono necessarie ulteriori indagini, come studi sierologici, per confermare queste stime.

Utilizzando il modello adattato di questi dati, gli autori continuano a prevedere la possibilità di una seconda ondata di infezioni. Se tutte le restrizioni vengono revocate dopo 14 giorni dal primo giorno in cui non sono stati segnalati casi, si prevede che le probabilità di ripresa della malattia saranno molto elevate (fino al 97%), a causa del ruolo dei casi non rilevati con sintomi lievi o assenti. Prevedono che l’ondata di casi si verificherebbe 34 giorni dopo l’eliminazione delle restrizioni. In uno scenario più rigoroso in cui tutte le restrizioni vengono revocate solo dopo 14 giorni consecutivi senza casi, la probabilità di rinascita scende al 32% e l’ondata potrebbe essere ritardata a 42 giorni dopo la revoca delle restrizioni.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × uno =