Se è la madre ad essere in sovrappeso sono maggiori le probabilità che lo sia anche il figlio

Un nuovo studio, in via di pubblicazione sul Journal for Economics and Human Biology, ha cercato di scoprire in che modo l’obesità infantile venga influenzata dal peso dei genitori. Inoltre, ha voluto analizzare se questa influenza fosse diversa a seconda che a essere in sovrappeso fosse la madre o il padre.

La ricerca mostra come i bambini in età scolare, la cui madre era in sovrappeso o obesa, avevano una maggiore probabilità di essere in sovrappeso. L’influenza del padre sembra essere invece meno importante. Quando entrambi i genitori sono in eccesso di peso, l’influenza genitoriale sembra maggiore se il figlio è di sesso maschile.

Sovrappeso della madre, sovrappeso del figlio: 14.401 famiglie studiate

La ricerca è stata condotta dalla Prof.ssa Mireia Jofre-Bonet, del Dipartimento di Economia della City University of London e dal Dott. Joan Costa-Font, docente di Economia della Salute alla London School of Economics (LSE). Sono stati presi in esame i dati dell’Health Survey for England, in particolare il grafico dell’andamento dell’obesità infantile per fasce d’età calcolato tramite il Body Mass Index ovvero l’indice di massa corporea dei membri di 14.401 famiglie tra il 1995 e il 2009.

Sono stati suddivisi in tre fasce d’età: prescolare (dalla nascita fino ai cinque anni), scolastica (dai 6 agli 11 anni, quando i bambini vanno alle elementari) e adolescenziale (dai 12 ai 16 anni). Inoltre, sono state prese in considerazione influenze ambientali come: l’età dei genitori, la loro salute mentale, il tabagismo o l’etilismo, il ceto sociale, l’occupazione, le origini etniche.

Sovrappeso della madre, sovrappeso del figlio: l’influenza della madre è più forte di quella del padre

“L’influenza dell’obesità genitoriale sulla futura obesità del bambino sembra essere maggiore quando è da parte materna”, ha affermato la Prof.ssa Jofre-Bonet.

L’international Association for the Study of Obesity ha stimato che il Regno Unito possegga alcuni dei tassi più alti in Europa di bambini di età compresa tra i 5 e i 17 anni sovrappeso o obesi. I risultati sembrano essere coerenti con l’idea che se i genitori sono in sovrappeso o obesi, la probabilità per i propri figli di essere anch’essi sovrappeso o obesi è maggiore.

Tuttavia, sempre secondo lo studio, l’influenza dei singoli genitori dipende dall’età e dal sesso del bambino. “I figli maschi in età adolescenziale, che hanno entrambi i genitori in sovrappeso o obesi, hanno una maggiore probabilità di essere essi stessi in sovrappeso”, ha sottolineato la Prof.ssa Jofre-Bonet. “Il fatto di avere una madre obesa è sufficiente a incrementare la probabilità che un bambino maschio in età prescolare sia obeso”.

Sovrappeso della madre, sovrappeso del figlio: trasmissione del sovrappeso più forte nei genitori anziani

Lo studio mette anche in luce il fatto che mentre le madri con più di 30 anni al momento del parto hanno solitamente meno probabilità di allevare figli sovrappeso o obesi, nel caso in cui siano esse stesse obese, questo si ripercuote sui figli negativamente. Inoltre, quando sono entrambi i genitori a essere obesi, l’età sembra essere un’aggravante, perché la probabilità che il proprio figlio sia in sovrappeso o obeso sembra essere direttamente proporzionale alla differenza di età tra genitori e figli.

Infine, non esiste alcuna prova che suggerisca che essere figlio unico incrementi la probabilità di essere sovrappeso. Solo se entrambi i genitori sono obesi infatti, sempre secondo lo studio, l’essere figlio unico aumenta ulteriormente la probabilità di essere in eccesso di peso.

“È necessaria un’attenzione particolare per le famiglie in cui entrambi i genitori sono in sovrappeso”, ha ribadito la Prof.ssa Jofre-Bonet. “Così come verso quei bambini la cui madre è obesa. Abbiamo inoltre riscontrato che le famiglie a basso reddito sono maggiormente a rischio obesità, pertanto è su queste famiglie che gli interventi di politica sanitaria dovrebbero concentrarsi particolarmente”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − 12 =