Fibrillazione atriale: chi beve alcolici ha un rischio maggiore di ictus ed embolia

Quattordici drink a settimana sono stati associati a un rischio più elevato di problemi di salute, tra cui ictus ed embolia, nei pazienti con fibrillazione atriale. È quanto emerge da una ricerca pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista Europace.

“Il nostro studio suggerisce che i pazienti con fibrillazione atriale dovrebbero evitare il consumo eccessivo di alcol, per prevenire ictus e altre complicazioni”, ha detto l’autore Boyoung Joung, dello Yonsei University College of Medicine, di Seoul, Repubblica di Corea.

Quattro gruppi in base al consumo settimanale di alcol

Lo studio ha incluso 9.411 pazienti con fibrillazione atriale reclutati da 18 ospedali terziari che coprono tutte le regioni geografiche della Corea del Sud. I pazienti sono stati classificati in quattro gruppi in base al loro consumo settimanale di alcol (una bevanda contiene 14 grammi di alcol): astemio/raro (0 grammi/meno di una bevanda), leggero (meno di 100 grammi/7 bevande), moderato (100– 200 grammi/7-14 drink) e pesanti (200 grammi/14 drink o più).

Un totale di 7.455 pazienti (79,2%) sono stati classificati come astemi/rari, 795 (8,4%) leggeri, 345 (3,7%) moderati e 816 (8,7%) come forti consumi di alcol.

I pazienti sono stati seguiti per una mediana di 17,4 mesi per eventi avversi, che includevano ictus, attacco ischemico transitorio, embolia sistemica e ospedalizzazione per il controllo della frequenza o del ritmo della fibrillazione atriale o per insufficienza cardiaca. I ricercatori hanno registrato quanti pazienti hanno sperimentato uno di questi eventi e hanno calcolato i tassi incidenti (numero di eventi per 100 persone-anno). I tassi incidenti erano 6,73, 5,77, 6,44 e 9,65 rispettivamente nei bevitori astemi/rari, leggeri, moderati e forti.

Un aumento del rischio del 32%

I ricercatori hanno confrontato il rischio di eventi avversi nei bevitori leggeri, moderati e pesanti con il gruppo degli astemi/rari. Il consumo eccessivo di alcol era associato a un aumento del rischio del 32% rispetto agli astemi e ai bevitori rari. Non è stata osservata alcuna associazione significativa per il consumo di alcol leggero o moderato.

Il dottor Joung ha detto: “Il nostro studio non ha trovato alcuna associazione significativa tra bere leggero o moderato e le complicazioni. È stata identificata una significativa relazione deleteria con il consumo di alcolici, suggerendo che il consumo eccessivo di alcol dovrebbe essere evitato”.

Le analisi dei sottogruppi hanno mostrato che l’impatto del consumo eccessivo di alcol era più pronunciato nei pazienti con basso rischio di ictus rispetto a quelli a rischio di ictus moderato o alto. Allo stesso modo, il consumo eccessivo di alcol era associato a una maggiore probabilità di esiti sfavorevoli nei pazienti senza ipertensione arteriosa rispetto a quelli con ipertensione. Rischi più elevati sono stati osservati anche nei pazienti che non utilizzavano beta-bloccanti o farmaci antipiastrinici rispetto a quelli che assumevano questi farmaci.

Il dottor Joung ha affermato: “I risultati indicano che il consumo eccessivo di alcol è particolarmente dannoso per i pazienti con fibrillazione atriale che sono considerati meno vulnerabili alle complicanze. I medici dovrebbero chiedere ai pazienti il ​​loro consumo di alcol e tenerne conto nel calcolo del rischio di ictus”.

Ha poi concluso: “Mentre il consumo di alcolici dovrebbe essere fortemente scoraggiato tra i pazienti con fibrillazione atriale, il consumo moderato sembra essere sicuro”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × quattro =