I fattori di rischio cardiovascolare per la donna: un consensus document dell’ESC

Le complicanze della gravidanza e la menopausa precoce aumentano il rischio futuro delle donne di malattie cardiache. Cardiologi, ginecologi ed endocrinologi raccomandano come aiutare le donne di mezza età a prevenire problemi cardiaci in ​​un documento di consenso della Società Europea di Cardiologia (ESC) pubblicato nei giorni scorsi sullo European Heart Journal.

L’ipertensione nella donna

“I medici dovrebbero intensificare il rilevamento dell’ipertensione nelle donne di mezza età”, afferma il documento. Fino al 50% delle donne sviluppa un’ipertensione prima dei 60 anni, ma i sintomi – ad esempio vampate di calore e palpitazioni – sono spesso attribuiti alla menopausa.

“La pressione alta è chiamata ipertensione negli uomini, ma nelle donne viene spesso erroneamente etichettata come ‘stress’ o ‘sintomi della menopausa’”, ha detto la prima autrice, la professoressa Angela Maas, direttrice del Women’s Cardiac Health Program, Radboud University Medical Center, a Nijmegen, nei Paesi Bassi. “Sappiamo che la pressione sanguigna viene trattata meno bene nelle donne rispetto agli uomini, mettendole a rischio di fibrillazione atriale, insufficienza cardiaca e ictus, cosa che potrebbe essere evitata”.

“La vita di una donna fornisce indizi che è necessario iniziare presto con la prevenzione”, ha affermato il professor Maas. “Dobbiamo valutare le pazienti di sesso femminile in modo diverso dagli uomini, e non solo chiedere informazioni sul colesterolo alto. Questo ci consentirà di classificare le donne di mezza età come ad alto o basso rischio di malattie cardiovascolari”.

Preeclampsia e rischio cardiovascolare

La preeclampsia è collegata a un aumento di quattro volte dell’insufficienza cardiaca e dell’ipertensione e a un rischio raddoppiato di ictus. Le donne che hanno una menopausa naturale precoce, cioè non chirurgica, prima dei 40 anni, hanno anche maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari – ogni anno si associa a un aumento del rischio del 3%. Condizioni infiammatorie autoimmuni come l’artrite reumatoide e il lupus sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini e aumentano il rischio cardiovascolare durante la menopausa.

“Ci sono diverse fasi della vita in cui possiamo identificare sottogruppi di donne ad alto rischio”, ha detto il professor Maas. “L’ipertensione durante la gravidanza è un segnale di avvertimento che l’ipertensione può svilupparsi quando una donna entra in menopausa ed è associata a demenza molti decenni dopo. Se la pressione sanguigna non viene affrontata quando le donne hanno 40 o 50 anni, avranno problemi nei loro 70 anni, quando l’ipertensione è più difficile da trattare”.

Il documento fornisce indicazioni su come gestire la salute del cuore durante la menopausa, dopo complicazioni della gravidanza e durante altre condizioni come il cancro al seno e la sindrome dell’ovaio policistico. Viene riconosciuto il ruolo importante di uno stile di vita e di una dieta sani, ad esempio per una gestione ottimale della salute in menopausa e nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico, che hanno elevati rischi di ipertensione durante la gravidanza e diabete di tipo 2.

La terapia ormonale

Mentre la terapia ormonale della menopausa è indicata per alleviare sintomi come sudorazioni notturne e vampate di calore nelle donne sopra i 45 anni, gli autori raccomandano la valutazione dei fattori di rischio cardiovascolare prima di iniziarla. La terapia non è raccomandata nelle donne ad alto rischio cardiovascolare o dopo un ictus, un infarto o un episodio tromboembolico.

Il documento fornisce consigli per le donne transgender (persone di sesso maschile alla nascita). “Queste donne hanno bisogno di una terapia ormonale per il resto della loro vita e il rischio di trombosi aumenta nel tempo”, ha affermato il professor Maas. Il documento afferma che le donne transgender “dovrebbero essere sempre incoraggiate a ridurre i rischi di stile di vita modificabili” pur riconoscendo che “i benefici psicosociali della terapia ormonale con una migliore immagine corporea possono portare a scelte di vita più sane”.

È necessaria la collaborazione tra cardiologi, ginecologi ed endocrinologi per fornire la migliore assistenza alle pazienti di sesso femminile, ha osservato il professor Maas. Ha detto: “Le donne possono aiutare i loro medici a prevenire problemi cardiaci e fare diagnosi precoci menzionando problemi come gravidanze complicate e menopausa precoce e monitorando la propria pressione sanguigna”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + undici =