Home Covid-19 COVID-19: oltre venti milioni di anni di vita persi a causa della...

COVID-19: oltre venti milioni di anni di vita persi a causa della pandemia

19
0
Gente

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports, oltre 20,5 milioni di anni di vita potrebbero essere andati persi a causa del COVID-19 a livello globale, con una media di 16 anni persi per morte. Gli anni di vita persi (YLL), ovvero la differenza tra l’età di un individuo alla morte e la sua aspettativa di vita, a causa del COVID-19, nei paesi pesantemente colpiti, possono essere da due a nove volte superiori a YLL a causa dell’influenza stagionale.

Héctor Pifarré i Arolas, Mikko Mÿrskyla e colleghi hanno stimato gli anni di vita persi a causa della pandemia di COVID-19 utilizzando dati su oltre 1.279.866 decessi in 81 paesi, nonché dati sull’aspettativa di vita e sulle proiezioni per i decessi totali da COVID-19 per paese.

Una mortalità più elevata per gli uomini

Gli autori stimano che in totale, 20.507.518 anni di vita potrebbero essere andati persi a causa del COVID-19 negli 81 paesi inclusi in questo studio – 16 anni per ciascuna morte individuale. Del totale degli anni di vita persi, il 44,9% sembra essersi verificato in individui di età compresa tra 55 e 75 anni, il 30,2% in individui di età inferiore a 55 anni e il 25% in quelli di età superiore a 75. Nei paesi per i quali erano disponibili i conteggi dei decessi per sesso, gli YLL erano del 44% più alta negli uomini che nelle donne.

Rispetto ad altre cause comuni di morte globali, gli YLL associati a COVID-19 erano da due a nove volte maggiori degli anni di vita persi a causa dell’influenza stagionale e tra un quarto e mezzo punto rispetto agli YLL attribuibili a condizioni cardiache.

Gli autori avvertono che i risultati devono essere compresi nel contesto di una pandemia in corso. Forniscono un’istantanea dei possibili impatti di COVID-19 sugli YLL a partire dal 6 gennaio 2021. Le stime di questo indice possono però essere sovrastimate o sottostimate, a causa della difficoltà di registrare accuratamente i decessi correlati a COVID-19.

 

 

Articolo precedentePiù la pressione è elevata, più si rischia la fibrillazione atriale
Articolo successivoIl segreto per allungare la vita? Cinque porzioni al giorno di frutta e verdura
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

11 − 4 =