Oltre un terzo dei pazienti dopo COVID-19 sviluppa malattie neurologiche o psichiatriche

Un sopravvissuto su tre alla malattia COVID-19 è stato successivamente diagnosticato per una malattia neurologica o psichiatrica, entro sei mesi dall’infezione con il virus SARS-CoV-2. A riportarlo è un recente studio osservazionale, pubblicato sulla rivista The Lancet Psychiatry, che ha esaminato 14 disturbi neurologici e di salute mentale.

Il professor Paul Harrison, autore principale dello studio, dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, ha dichiarato: “Questi sono dati del mondo reale, da un gran numero di pazienti. Confermano gli alti tassi di diagnosi psichiatriche dopo COVID-19 e mostrano che si verificano anche gravi disturbi a carico del sistema nervoso. Sebbene questi ultimi siano molto più rari, sono significativi, specialmente in coloro che hanno avuto un COVID-19 grave. Sebbene i rischi individuali per la maggior parte dei disturbi siano piccoli, l’effetto sull’intera popolazione può essere sostanziale per i sistemi sanitari e sociali, a causa della portata della pandemia e del fatto che molte di queste condizioni sono croniche. Di conseguenza, i sistemi sanitari devono essere dotati di risorse per far fronte al bisogno previsto, sia all’interno dei servizi di assistenza primaria che secondaria”.

Il rischio di sviluppare malattie neurologiche e psichiatriche

Dall’inizio della pandemia COVID-19, c’è stata una crescente preoccupazione che i sopravvissuti potessero essere a maggior rischio di disturbi neurologici. Un precedente studio osservazionale dello stesso gruppo di ricerca ha riportato che i sopravvissuti al COVID-19 sono a maggior rischio di disturbi dell’umore e d’ansia, nei primi tre mesi dopo l’infezione. Tuttavia, fino ad ora, non erano state pubblicate ricerche su larga scala che esaminassero il rischio di sviluppare malattie neurologiche e psichiatriche nei sei mesi successivi all’infezione da COVID-19.

Questo ultimo studio ha analizzato i dati delle cartelle cliniche elettroniche di 236.379 pazienti con COVID-19 della rete TriNetX, con sede negli Stati Uniti, che comprende oltre 81 milioni di persone. Sono stati inclusi nell’analisi i pazienti che avevano più di 10 anni e che sono stati infettati dal virus SARS-CoV-2 dopo il 20 gennaio 2020 ed erano ancora vivi il 13 dicembre 2020. Questo gruppo è stato confrontato con 105.579 pazienti con diagnosi di influenza e 236.038 pazienti con diagnosi di qualsiasi infezione delle vie respiratorie, inclusa l’influenza.

Un’incidenza di diagnosi psichiatriche e neurologiche del 34%

Complessivamente, l’incidenza stimata di una diagnosi di disturbo neurologico o di salute mentale a seguito di infezione da COVID-19 è stata del 34%. Per il 13% di queste persone si trattava della prima diagnosi neurologica o psichiatrica registrata.

Le diagnosi più comuni dopo COVID-19 erano i disturbi d’ansia, che si sono verificati nel 17% dei pazienti, i disturbi dell’umore (14%), i disturbi dell’abuso di sostanze (7%) e l’insonnia (5%). L’incidenza degli esiti neurologici era inferiore, con uno 0,6% per l’emorragia cerebrale, il 2,1% per l’ictus ischemico e lo 0,7% per la demenza.

Il rischio di sviluppare una malattia neurologica o psichiatrica era maggiore in pazienti con COVID-19 grave. Rispetto all’incidenza complessiva del 34%, una diagnosi neurologica o psichiatrica si è verificata nel 38% di coloro che erano stati ricoverati in ospedale, nel 46% di quelli in terapia intensiva e nel 62% in quelli che avevano avuto una encefalopatia durante COVID-19. Questo gradiente di rischio si applicava anche ai singoli disturbi. Ad esempio, il 2,7% delle persone che hanno necessitato di terapia intensiva e il 3,6% delle persone con encefalopatia hanno avuto un’emorragia cerebrale, rispetto allo 0,3% delle persone che non erano state ricoverate. Il 6,9% e il 9,4% hanno avuto ictus ischemico (rispetto all’1,3% senza ricovero); l’1,7% e il 4,7% ha sviluppato demenza (0,4% senza ricovero); al 2,8% e al 7% è stato diagnosticato un disturbo psicotico (0,9% senza ricovero).

Il confronto con l’influenza

Gli autori hanno anche esaminato le persone che hanno avuto un’influenza o altre infezioni del tratto respiratorio nello stesso periodo di tempo, per capire se queste complicazioni neurologiche e di salute mentale fossero collegate specificamente a COVID-19. Dopo aver preso in considerazione le caratteristiche di salute sottostanti, come età, sesso, etnia e malattie esistenti, c’era un rischio maggiore del 44% di sviluppare una malattia neurologica o mentale dopo COVID-19, rispetto alla convalescenza dopo l’influenza, e un rischio maggiore del 16% dopo COVID-19, rispetto alle infezioni del tratto respiratorio. Di conseguenza, gli autori affermano che COVID-19 porta a un rischio maggiore di disturbi neurologici e psichiatrici rispetto a queste altre condizioni di salute.

Tuttavia, questa correlazione non è stata evidenziata per tutte le malattie neurologiche o psichiatriche. Ad esempio, non sono stati rilevate associazioni significative a favore di un aumento del rischio di parkinsonismo o di sindrome di Guillain-Barré.

COVID-19 potrebbe restare con noi per molti anni

Il dottor Max Taquet, coautore dello studio, dell’Università di Oxford, Regno Unito, ha dichiarato: “I nostri risultati indicano che le malattie cerebrali e i disturbi psichiatrici sono più comuni dopo COVID-19 che dopo l’influenza o altre infezioni respiratorie, anche quando i pazienti sono abbinati ad altri fattori di rischio. Ora dobbiamo vedere cosa succede oltre i sei mesi. Lo studio non può rivelare i meccanismi coinvolti, ma indica la necessità di una ricerca urgente per identificarli, al fine di prevenirli o curarli”.

Gli autori notano diversi limiti al loro studio. In primo luogo, la completezza e la precisione delle cartelle cliniche elettroniche non è nota. In secondo luogo, molte persone con COVID-19 hanno sintomi lievi o assenti e non si presentano per l’assistenza sanitaria, pertanto, è probabile che le persone studiate qui siano state colpite più gravemente rispetto alla popolazione generale. In terzo luogo, la gravità e il decorso dei disturbi neurologici e psichiatrici non sono noti.

Scrivendo in un articolo di commento collegato, il dottor Jonathan Rogers, che non è stato coinvolto nello studio, dell’University College di Londra (UCL), Regno Unito, ha detto: “I ricercatori devono essere in grado di osservare e anticipare gli esiti neurologici e psichiatrici di future minacce emergenti per la salute, utilizzando dati clinici massicci, internazionali e reali. I pregiudizi di selezione rimarranno un problema, non necessariamente mitigato dalla dimensione del campione, e quindi l’onere dovrebbe spettare ai paesi con sistemi sanitari pubblici per consentire la disponibilità di dati nazionali veramente completi per la ricerca. Purtroppo, molti dei disturbi identificati in questo studio tendono ad essere cronici o ricorrenti, quindi possiamo anticipare che l’impatto di COVID-19 potrebbe restare con noi per molti anni”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 5 =