Un paziente su quattro con infarto miocardico presenta sintomi atipici e ha una mortalità più elevata

Un paziente su quattro con infarto miocardico presenta sintomi atipici, come difficoltà respiratorie, estremo esaurimento e dolore addominale. Lo rileva un recente studio pubblicato sullo European Heart Journal – Acute Cardiovascular Care.

I pazienti con sintomi atipici avevano di conseguenza meno probabilità di ricevere un soccorso di emergenza e maggiori probabilità di morire entro 30 giorni, rispetto a quelli con dolore toracico e sintomi tipici.

Sintomi che non richiedevano un’attenzione urgente

“Abbiamo scoperto che i sintomi atipici erano più comuni tra le persone anziane, in particolare le donne, che hanno chiamato una linea di assistenza non di emergenza”, ha detto l’autrice dello studio Amalie Lykkemark Møller, dottoranda al Nordsjællands Hospital, di Hillerød, in Danimarca. “Questo suggerisce che i pazienti non erano consapevoli che i loro sintomi richiedevano un’attenzione urgente”.

Gli attacchi di cuore richiedono un trattamento rapido per ripristinare il flusso coronarico e ridurre la mortalità. Il riconoscimento dei sintomi da parte dei pazienti e del personale sanitario è fondamentale per ridurre i ritardi.

Lo studio ha esaminato le associazioni tra i sintomi di infarto miocardico iniziale, la risposta del servizio medico e la mortalità a 30 giorni. I ricercatori hanno raccolto dati su tutte le chiamate a una linea di assistenza medica 24 ore su 24 e un numero di emergenza nella regione della capitale della Danimarca dal 2014 al 2018. Nei due servizi il sintomo principale viene registrato insieme alla risposta. I ricercatori hanno identificato gli adulti di età pari o superiore a 30 anni che hanno ricevuto una diagnosi di infarto entro 72 ore dalla chiamata. I pazienti sono stati divisi in gruppi in base al loro sintomo principale.

Una mortalità più elevata

Durante il periodo di cinque anni, un sintomo primario specifico è stato registrato per 7.222 degli 8.336 attacchi di cuore: il dolore al petto era il più comune (72%) mentre il 24% dei pazienti presentava sintomi atipici, i più frequenti erano problemi respiratori. La prevalenza del dolore toracico era più alta tra gli uomini di età compresa tra 30 e 59 anni che chiamavano il numero di emergenza e più bassa tra le donne di età superiore ai 79 anni che chiamavano il numero di assistenza medica. I sintomi atipici sono stati riscontrati principalmente tra i pazienti più anziani, in particolare le donne, che hanno chiamato la linea di assistenza.

Tra i pazienti con infarto miocardico e dolore toracico, il 95% e il 76% hanno ricevuto un messaggio di emergenza rispettivamente dal numero di emergenza e dalla linea di assistenza medica. In confronto, solo il 62% e il 17% dei pazienti con attacco di cuore con sintomi atipici hanno ricevuto un messaggio di emergenza rispettivamente dal numero di emergenza e dal servizio di assistenza medica.

Il tasso di mortalità a 30 giorni per i pazienti con infarto miocardico era più alto tra i pazienti con infarto miocardico con sintomi atipici: il 23% e il 15% è morto entro 30 giorni dopo aver chiamato rispettivamente il numero di emergenza e la linea di assistenza.

Per fare un confronto più simile alla mortalità tra i pazienti con dolore toracico rispetto ai sintomi atipici, i ricercatori hanno standardizzato per età, sesso, livello di istruzione, diabete, precedente infarto, insufficienza cardiaca e malattia polmonare ostruttiva cronica. La mortalità standardizzata a 30 giorni è stata del 4,3% per i pazienti con dolore toracico e del 15,6% per quelli con sintomi atipici.

Non erano consapevoli della gravità

La Møller ha detto: “Presi insieme, i nostri risultati mostrano che i pazienti con attacco di cuore con dolore toracico avevano una probabilità tre volte maggiore di ricevere un’ambulanza in emergenza rispetto a quelli con altri sintomi. Le persone con sintomi atipici chiamavano più spesso la linea di assistenza, il che potrebbe indicare che i loro sintomi erano più lievi o che non erano consapevoli della gravità. Sintomi vaghi possono contribuire a interpretarli erroneamente come benigni da parte del personale sanitario”.

Sebbene difficoltà respiratorie, estrema stanchezza, alterazione della coscienza e dolore addominale fossero i sintomi di attacco cardiaco più comuni dopo il dolore toracico, la Møller ha notato che nella maggior parte dei casi questi problemi non sono causati da un attacco di cuore. “Sfortunatamente, le persone in questa situazione non conosceranno la causa, ma speriamo che il nostro studio aumenti la consapevolezza – in particolare tra i pazienti più anziani e gli operatori sanitari – che potrebbe essere un attacco di cuore. La morte entro 30 giorni era più di tre volte più alta in quelli con sintomi atipici rispetto al dolore al petto”, ha aggiunto. “Ciò potrebbe essere dovuto a ritardi nel trattamento causati dalla mancata ricezione del messaggio di emergenza appropriato. Tuttavia, non è noto se un aumento dei messaggi di emergenza da solo migliorerebbe la sopravvivenza tra i pazienti con infarto con sintomi atipici: miriamo a indagare su questo in futuri progetti di ricerca”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 7 =