Home Pneumologia L’apnea ostruttiva del sonno nei bambini e negli adolescenti

L’apnea ostruttiva del sonno nei bambini e negli adolescenti

528
0

L’apnea ostruttiva del sonno è comune nei bambini e negli adolescenti e può essere associata ad una pressione arteriosa elevata e a cambiamenti nella struttura del cuore. È quanto viene affermato in un nuovo Scientific Statement dell’American Heart Association, pubblicato oggi sul Journal of l’American Heart Association.

“La probabilità che i bambini abbiano una respirazione disordinata durante il sonno e, in particolare, l’apnea ostruttiva del sonno, può essere dovuta all’ingrossamento delle tonsille, delle adenoidi o della struttura facciale di un bambino, tuttavia è importante che i genitori riconoscano che anche l’obesità mette i bambini a rischio di apnea ostruttiva del sonno”, ha affermato la presidente del gruppo Carissa M. Baker-Smith, direttore della cardiologia preventiva pediatrica presso il Nemours Children’s Hospital di Wilmington, nel Delaware. “Le interruzioni del sonno dovute all’apnea notturna hanno il potenziale per aumentare la pressione arteriosa e sono collegate alla resistenza all’insulina e ai lipidi anormali, che possono avere un impatto negativo sulla salute cardiovascolare generale più avanti nella vita”.

adv

Le apnee notturne nei bambini

La respirazione disordinata del sonno si verifica quando qualcuno sperimenta episodi anormali di respiro affannoso, russamento e suoni di russamento durante il sonno. Include uno spettro di condizioni dal russare all’apnea ostruttiva del sonno (OSA). L’OSA è associata a malattie cardiovascolari negli adulti, tuttavia, si sa meno su come la condizione influisca sulla salute cardiaca immediata ea lungo termine di bambini e adolescenti.

Gli studi valutati nello Statement hanno rivelato che l’apnea ostruttiva del sonno interrompe il sonno normale e ristoratore, può avere un impatto sulla salute emotiva, nonché sui sistemi immunitario, metabolico e cardiovascolare nei bambini e negli adolescenti. Si stima che l’1-6% di tutti i bambini e gli adolescenti soffra di apnea ostruttiva del sonno. Circa il 30-60% degli adolescenti che soddisfano i criteri per l’obesità (BMI≥95° percentile) presenta anche apnea ostruttiva del sonno.

I fattori di rischio per l’apnea ostruttiva del sonno nei bambini possono variare con l’età. In generale, i fattori primari sono l’obesità, le malattie delle vie aeree superiori e inferiori, la rinite allergica, il basso tono muscolare, tonsille e adenoidi ingrossate, le malformazioni craniofacciali e i disturbi neuromuscolari. Anche l’anemia falciforme è stata segnalata come un fattore di rischio indipendente per l’OSA.

I bambini nati prematuri (prima della 37a settimana di gestazione) possono avere un aumentato rischio di disturbi della respirazione durante il sonno, in parte a causa del ritardo nello sviluppo del controllo respiratorio e delle dimensioni ridotte delle vie aeree superiori. Tuttavia, questo rischio sembra diminuire man mano che i bambini che nascono prematuri crescono.

Lo studio del sonno

L’OSA può essere presente nei bambini con differenti sintomi: russamento abituale, più di 3 notti a settimana, sussulti o sbuffi durante il sonno, respiro affannoso durante il sonno, dormire in posizione seduta o con il collo iperesteso, sonnolenza diurna, mal di testa al risveglio o segni di ostruzione delle vie aeree superiori.

Lo Statement ribadisce la raccomandazione dell’American Academy of Otolaryngology and Head and Neck Surgery secondo cui uno studio del sonno, chiamato polisonnografia, è il miglior test per diagnosticare la respirazione disordinata del sonno. Raccomandano uno studio del sonno prima di una tonsillectomia nei bambini con disturbi della respirazione durante il sonno che presentano condizioni che aumentano il rischio di complicanze durante l’intervento chirurgico, come obesità, sindrome di Down, anomalie craniofacciali, disturbi neuromuscolari o anemia falciforme. I bambini con queste condizioni e OSA sono considerati ad alto rischio di complicanze respiratorie durante qualsiasi intervento chirurgico.

I bambini e gli adolescenti con OSA possono anche avere una pressione arteriosa più alta. Lo Statement descrive un’elevata pressione arteriosa durante il sonno, che normalmente è inferiore di oltre il 10% rispetto al livello di pressione arteriosa di una persona da sveglia. La ricerca mostra che i bambini e i giovani con OSA hanno un calo più piccolo della pressione arteriosa durante il sonno, il che può indicare una regolazione anormale della pressione arteriosa. Negli studi sugli adulti, il “nondipping” è associato a un rischio più elevato di eventi cardiovascolari. La dichiarazione suggerisce che i bambini e gli adolescenti con OSA devono essere sottoposti a una misurazione ambulatoriale della loro pressione arteriosa per 24 ore, al fine di catturare le misurazioni della veglia e del sonno.

La pressione positiva continua delle vie aeree: CPAP

La sindrome metabolica è un’altra preoccupazione per i bambini con OSA anche lieve (a partire da 2 episodi di pause nella respirazione all’ora). Questa sindrome include un insieme di fattori come alti livelli di insulina e trigliceridi, pressione arteriosa elevata e bassi livelli di lipoproteine ​​​​ad alta densità (HDL).

La pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP), un trattamento per l’OSA, può abbassare significativamente i livelli di trigliceridi e migliorare Livelli di HDL. Il trattamento dell’OSA può anche migliorare i fattori della sindrome metabolica, almeno a breve termine. Tuttavia, lo stato di obesità può essere la ragione principale di alcuni fattori metabolici, come lo scarso controllo dell’insulina.

“L’obesità è un fattore di rischio significativo per i disturbi del sonno e l’apnea ostruttiva del sonno e la gravità dell’apnea notturna può essere migliorata con interventi di perdita di peso, che quindi migliorano i fattori della sindrome metabolica come la sensibilità all’insulina”, ha detto Baker-Smith. “Dobbiamo aumentare la consapevolezza su come la crescente prevalenza dell’obesità possa avere un impatto sulla qualità del sonno nei bambini e riconoscere la respirazione disordinata del sonno come qualcosa che potrebbe contribuire ai rischi per l’ipertensione e le successive malattie cardiovascolari”.

La dichiarazione suggerisce un rischio di ipertensione polmonare nei bambini e negli adolescenti con OSA grave a lungo termine. Il comitato di redazione identifica anche la necessità di ulteriori studi sul rischio di malattie cardiovascolari associate all’OSA nell’infanzia che includano il monitoraggio della pressione arteriosa 24 ore su 24 e le misure dei fattori della sindrome metabolica.

 

 

Articolo precedenteLe interazioni tra la flora batterica intestinale e il cervello
Articolo successivoMangiare poche arachidi al giorno protegge dall’ictus
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

uno × 2 =