Home Neurologia Mangiare poche arachidi al giorno protegge dall’ictus

Mangiare poche arachidi al giorno protegge dall’ictus

545
0

Gli uomini e le donne giapponesi che mangiavano arachidi, in media 4-5 arachidi al giorno, hanno evidenziato un rischio minore di avere un ictus ischemico o una malattia cardiovascolare, rispetto a coloro che non mangiavano noccioline. È quanto emerge da una nuova ricerca pubblicata su Stroke, una rivista dell’American Stroke Association.

Mentre studi precedenti avevano collegato il consumo di arachidi con una migliore salute cardiovascolare in una popolazione nordamericana, i ricercatori in questo studio hanno esaminato specificamente il legame tra il consumo di arachidi e l’incidenza di diversi tipi di ictus, ischemico ed emorragico, e di malattie cardiovascolari, come ictus e cardiopatia ischemica, tra gli uomini e le donne giapponesi.

adv

Un rischio ridotto di ictus ischemico

“Abbiamo mostrato per la prima volta un rischio ridotto di incidenza di ictus ischemico associato a un maggiore consumo di arachidi in una popolazione asiatica”, ha affermato l’autore principale dello studio Satoyo Ikehara, professore associato nel dipartimento di medicina sociale presso la Graduate School of Medicine, dell’Università di Osaka a Suita, in Giappone. “I nostri risultati suggeriscono che l’aggiunta di arachidi alla dieta ha un effetto benefico sulla prevenzione dell’ictus ischemico”.

Le arachidi sono ricche di nutrienti salutari per il cuore, come “acidi grassi monoinsaturi, acidi grassi polinsaturi, minerali, vitamine e fibre alimentari che aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari riducendo i fattori di rischio, tra cui ipertensione, alti livelli ematici di colesterolo e infiammazione cronica”, ha detto Ikehara.

I ricercatori hanno esaminato la frequenza con cui le persone hanno riferito di mangiare noccioline in relazione all’insorgenza di ictus e malattie cardiovascolari. L’analisi include persone che sono state reclutate in due fasi, nel 1995 e nel 1998-1999, per un totale di oltre 74.000 uomini e donne asiatici, di età compresa tra 45 e 74 anni, dallo studio prospettico basato sul Japan Public Health Center. I partecipanti hanno completato un sondaggio completo sullo stile di vita, che includeva un questionario sulla frequenza del consumo di arachidi. Sono stati seguiti per circa 15 anni, fino al 2009 o al 2012, a seconda di quando erano stati originariamente iscritti.

L’incidenza di ictus e cardiopatia ischemica è stata determinata collegandosi con 78 ospedali partecipanti nelle aree incluse nello studio. I ricercatori hanno corretto i risultati per altre condizioni di salute, fumo, dieta, consumo di alcol e attività fisica, come dettagliato dai partecipanti ai questionari.

Gli effetti benefici del consumo di arachidi

Secondo le cartelle cliniche, i ricercatori hanno registrato 3.599 ictus (2.223 ischemici e 1.376 emorragici) e 849 casi di cardiopatia ischemica sviluppati durante il periodo di follow-up. I livelli di consumo di arachidi sono stati classificati in quattro quartili, con 0 arachidi al giorno come assunzione minima rispetto a 4,3 arachidi sgusciate al giorno (mediana) come il più alto.

Rispetto a una dieta priva di arachidi, i ricercatori hanno scoperto che mangiare circa 4-5 arachidi sgusciate al giorno era associato a un 20% in meno di rischio di ictus ischemico, un 16% in meno di rischio di ictus totale e un rischio inferiore del 13% di avere malattie cardiovascolari, un endpoint combinato che includeva sia l’ictus che la cardiopatia ischemica.

Non è stata trovata un’associazione significativa tra il consumo di arachidi e un minor rischio di ictus emorragico o cardiopatia ischemica.

Il legame tra il consumo di arachidi e la riduzione del rischio di ictus e malattie cardiovascolari era coerente sia negli uomini che nelle donne.

“L’effetto benefico del consumo di arachidi sul rischio di ictus, in particolare l’ictus ischemico, è stato riscontrato, nonostante la piccola quantità di arachidi mangiata dai partecipanti allo studio”, ha detto Ikehara. “L’abitudine di mangiare arachidi e noci non è ancora comune nei paesi asiatici. Tuttavia, aggiungere anche una piccola quantità alla propria dieta potrebbe essere un approccio semplice ma efficace per aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”.

Cinque porzioni di noci non salate a settimana

L’American Heart Association raccomanda di mangiare circa cinque porzioni di noci non salate a settimana, dove una porzione (½ oncia) corrisponde a circa due cucchiai di noci. Oltre alle arachidi, l’Associazione afferma anche che altre opzioni salutari di noci includono anacardi, noci, noci pecan, noci di macadamia e nocciole non salate.

Nello studio sono state notate diverse limitazioni, inclusa la validità e l’affidabilità delle misurazioni del consumo di arachidi nella raccolta e nell’analisi dei dati. La distorsione causata da queste misurazioni può portare a errori nell’associazione. Tuttavia, è stata eseguita un’analisi di correzione degli errori di misurazione e le associazioni si sono rivelate accurate.

Lo studio è stato finanziato dal National Cancer Center Research and Development Fund e da un Grant-in-Aid per la ricerca sul cancro del Ministero della salute, del lavoro e del benessere del Giappone.

 

 

Articolo precedenteL’apnea ostruttiva del sonno nei bambini e negli adolescenti
Articolo successivoI decessi e le malattie legate alle ondate di calore sono aumentati, e aumenteranno ancora
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

8 + diciotto =