Home Cardiologia Gli alimenti ricchi di flavonoidi possono ridurre la pressione arteriosa

Gli alimenti ricchi di flavonoidi possono ridurre la pressione arteriosa

781
0

Gli alimenti ricchi di flavonoidi, tra cui frutti di bosco, mele, pere e vino, sembrano avere un effetto positivo sui livelli di pressione sanguigna, un’associazione che è in parte potrebbe essere spiegata dalle caratteristiche del microbioma intestinale. È quanto prospetta una nuova ricerca, pubblicata recentemente sulla rivista Hypertension.

“Il nostro microbioma intestinale svolge un ruolo chiave nel metabolizzare i flavonoidi per migliorare i loro effetti cardioprotettivi e questo studio fornisce prove che suggeriscono che questi effetti di abbassamento della pressione sanguigna sono ottenibili con semplici modifiche alla dieta quotidiana”, ha affermato il ricercatore principale dello studio Aedín Cassidy, presidente e professore in nutrizione e medicina preventiva presso l’Institute for Global Food Security presso la Queen’s University di Belfast, nell’Irlanda del Nord.

adv

Flavonoidi e microbioma intestinale

I flavonoidi sono composti che si trovano naturalmente in frutta, verdura e alimenti a base vegetale come tè, cioccolato e vino. In precedenti ricerche è stato dimostrato che offrono una varietà di benefici per la salute del corpo. I flavonoidi sono scomposti dal microbioma intestinale del corpo, i batteri presenti nel tratto digestivo. Recenti studi hanno trovato un legame tra il microbiota intestinale, i microrganismi nel tratto digestivo umano e le malattie cardiovascolari, che sono la principale causa di morte in tutto il mondo. Il microbiota intestinale è altamente variabile tra gli individui e sono state segnalate differenze nelle composizioni microbiche intestinali tra le persone con e senza malattie cardiovascolari.

Mentre molte ricerche suggeriscono che i flavonoidi possono ridurre il rischio di malattie cardiache, questo studio ha valutato il ruolo del microbioma intestinale nel processo. I ricercatori hanno esaminato l’associazione tra il consumo di cibi ricchi di flavonoidi con la pressione sanguigna e la diversità del microbioma intestinale.

Lo studio ha anche valutato quanta varianza all’interno del microbioma intestinale potrebbe spiegare l’associazione tra l’assunzione di cibi ricchi di flavonoidi e la pressione sanguigna.

Informazioni sullo stile di vita

Per questo studio è stato reclutato un gruppo di 904 adulti di età compresa tra 25 e 82, il 57% di uomini della biobanca tedesca PopGen. (La biobanca PopGen include partecipanti da una rete di sette biobanche nel nord della Germania.) I ricercatori hanno valutato l’assunzione di cibo dei partecipanti, il microbioma intestinale e i livelli di pressione sanguigna insieme ad altri fenotipi, clinici e molecolari, durante regolari esami di follow-up.

L’assunzione di cibi ricchi di flavonoidi da parte dei partecipanti durante l’anno precedente è stata calcolata da un questionario alimentare auto-riferito che dettaglia la frequenza e la quantità consumate di 112 alimenti. I valori dei flavonoidi sono stati assegnati agli alimenti secondo i dati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti sul contenuto di flavonoidi negli alimenti.

Il microbioma intestinale per i partecipanti è stato valutato dal DNA batterico fecale estratto da campioni di feci. Dopo un digiuno notturno, i livelli di pressione sanguigna dei partecipanti sono stati misurati tre volte a intervalli di tre minuti dopo un periodo di riposo iniziale di cinque minuti. I ricercatori hanno anche raccolto informazioni sullo stile di vita dei partecipanti, tra cui sesso, età, abitudine al fumo, uso di farmaci e attività fisica, nonché storia familiare di malattia coronarica, numero di calorie giornaliere e fibre consumate. Altezza e peso di ciascun partecipante sono stati misurati per calcolare BMI (indice di massa corporea).

Livelli di pressione sanguigna sistolica più bassi

L’analisi dell’assunzione regolare di flavonoidi con il microbioma intestinale e i livelli di pressione sanguigna ha rilevato che i partecipanti allo studio che avevano la più alta assunzione di cibi ricchi di flavonoidi, tra cui bacche, vino rosso, mele e pere, avevano livelli di pressione sanguigna sistolica più bassi, nonché una maggiore diversità nel loro microbioma intestinale, rispetto ai partecipanti che consumavano i livelli più bassi di cibi ricchi in flavonoidi.

Fino al 15,2% dell’associazione tra alimenti ricchi di flavonoidi e pressione sanguigna sistolica potrebbe essere spiegata dalla diversità riscontrata nel microbioma intestinale dei partecipanti.

Mangiare 1,6 porzioni di frutti di bosco al giorno (una porzione equivale a 80 grammi o 1 tazza) è stato associato a una riduzione media dei livelli di pressione sanguigna sistolica di 4,1 mm Hg e circa il 12% dell’associazione è stata spiegata da fattori del microbioma intestinale.

Bere 2,8 bicchieri (125 ml di vino per bicchiere) di vino rosso a settimana è stato associato a un livello medio di pressione sistolica inferiore di 3,7 mm Hg, di cui il 15% potrebbe essere spiegato dal microbioma intestinale.

“I nostri risultati indicano che gli studi futuri dovrebbero esaminare i partecipanti in base al profilo metabolico al fine di studiare più accuratamente i ruoli del metabolismo e del microbioma intestinale nella regolazione degli effetti dei flavonoidi sulla pressione sanguigna”, ha affermato Cassidy. “Una migliore comprensione della variabilità altamente individuale del metabolismo dei flavonoidi potrebbe benissimo spiegare perché alcune persone hanno maggiori benefici di protezione cardiovascolare dagli alimenti ricchi di flavonoidi rispetto ad altre”.

 

 

Articolo precedenteRealizzata una memoria a superconduttore di nuova concezione per i computer del futuro
Articolo successivoSicuri ed efficaci i sostituti del sale: quando il potassio sostituisce il sodio
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui