Home Covid-19 COVID-19: a sei mesi il vaccino Pfizer-BNT è efficace al 90% contro...

COVID-19: a sei mesi il vaccino Pfizer-BNT è efficace al 90% contro i ricoveri

250
0

Due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech (BNT162b2) sono efficaci al 90% contro i ricoveri per COVID-19 per tutte le varianti, inclusa quella delta, per almeno sei mesi. Lo conferma un nuovo studio di Kaiser Permanente, un consorzio americano di assistenza sanitaria, e Pfizer, pubblicato sulla rivista The Lancet.

L’efficacia contro tutte le infezioni da SARS-COV-2 è diminuita durante il periodo di studio, passando dall’88% entro un mese dalla seconda dose di vaccino al 47% dopo sei mesi. Tuttavia, l’efficacia contro i ricoveri è rimasta complessivamente al 90%, per tutte le varianti.

adv

Questi risultati sono coerenti con i rapporti preliminari dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e del Ministero della salute israeliano che hanno riscontrato riduzioni di efficacia contro l’infezione dopo circa sei mesi.

L’immunità diminuisce per tutti i gruppi di età

I ricercatori affermano che questo studio sottolinea l’importanza di migliorare i tassi di vaccinazione COVID-19 in tutto il mondo e monitorare l’efficacia del vaccino, per determinare quali popolazioni dovrebbero avere la priorità per ricevere dosi di richiamo.

“Il nostro studio conferma che i vaccini sono uno strumento fondamentale per controllare la pandemia e rimangono altamente efficaci nella prevenzione di malattie gravi e dell’ospedalizzazione, anche da delta e da altre varianti preoccupanti. La protezione contro l’infezione diminuisce nei mesi successivi a una seconda dose. Sebbene questo studio fornisca la prova che l’immunità diminuisce per tutti i gruppi di età che hanno ricevuto il vaccino, il Comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione ha richiesto ulteriori ricerche per determinare se le dosi di richiamo dovrebbero essere disponibili a tutte le fasce di età ammissibili per questo vaccino. In linea con le recenti raccomandazioni della FDA e del CDC, le considerazioni per le dosi di richiamo dovrebbero tenere conto della fornitura globale di vaccini COVID-19, poiché le persone in molti paesi del mondo non hanno ancora ricevuto una serie di vaccinazioni primarie”, afferma l’autrice principale dello studio, la dott.ssa Sara Tartof, del Dipartimento di ricerca e valutazione della Kaiser Permanente, nella California meridionale.

Il sequenziamento dell’intero genoma

I ricercatori hanno analizzato 3.436.957 cartelle cliniche elettroniche del sistema sanitario Kaiser Permanente Southern California (KPSC) tra il 4 dicembre 2020 e l’8 agosto 2021, per valutare l’efficacia del vaccino BNT162b2 contro le infezioni da SARS-CoV-2 e il ricovero in ospedale correlato a COVID-19. Durante il periodo di studio, il 5,4% delle persone è stato infettato da SARS-CoV-2. Tra i contagiati, il 6,6% è stato ricoverato. Il tempo medio di completamento del ciclo vaccinale è stato tra i tre e i quattro mesi.

Il sequenziamento dell’intero genoma e l’analisi del lignaggio virale di 8.911 campioni SARS-CoV-2 positivi alla PCR della coorte di studio hanno determinato che la variante delta comprendeva il 28% della proporzione complessiva di sequenze positive. Durante il periodo di studio, la percentuale di casi positivi attribuiti alla variante delta è aumentata dallo 0,6% nell’aprile 2021 a quasi l’87% entro luglio 2021, confermando che questa variante era diventata il ceppo dominante negli Stati Uniti.

L’efficacia del vaccino contro le infezioni della variante delta a un mese dopo due dosi di BNT162B2 era del 93% ed è scesa al 53% dopo quattro mesi. L’efficacia contro altre varianti (non delta) un mese dopo aver ricevuto due dosi è stata del 97% ed è scesa al 67% dopo quattro mesi. L’efficacia contro i ricoveri correlati al delta è rimasta elevata (93%) per la durata del periodo di studio.

La variante delta è diventata il ceppo dominante

I ricercatori non hanno osservato una differenza nella diminuzione di efficacia tra le varianti di SAR-CoV-2. Tuttavia, gli autori notano che, poiché la variante delta è diventata il ceppo dominante a metà del periodo di studio, sono giustificate analisi con un follow-up più lungo, per misurare il tasso di diminuzione di efficacia nei confronti della delta rispetto ad altre varianti.

“La nostra analisi specifica della variante mostra chiaramente che il vaccino BNT162b2 è efficace contro tutte le attuali varianti preoccupanti, inclusa la delta. Le infezioni da COVID-19 nelle persone che hanno ricevuto due dosi di vaccino sono molto probabilmente dovute alla diminuzione della sua efficacia e non causate da delta o altre varianti che sfuggono alla protezione del vaccino”. Afferma il dottor Luis Jodar, vicepresidente senior e direttore medico, Pfizer Vaccines.

Gli autori riconoscono alcune limitazioni nel loro studio. I ricercatori non sono stati in grado di determinare le relazioni causali tra la vaccinazione e gli esiti di COVID-19 poiché lo stato di vaccinazione tra la popolazione dello studio non è stato randomizzato. I ricercatori inoltre non disponevano di dati sull’adesione alle linee guida sulle mascherine, sulle interazioni sociali, sull’occupazione e sui tassi di malattia nella popolazione in studio, che potrebbero influire sulla probabilità di contrarre e di essere testati per l’infezione da SARS-CoV-2. I ricercatori notano inoltre che le stime di efficacia del vaccino contro le infezioni da SARS-CoV-2 e i ricoveri potrebbero essere attenuate da infezioni lievi o asintomatiche e non sono direttamente confrontabili con le stime di efficacia contro la malattia sintomatica. Il sequenziamento aveva maggiori probabilità di fallire tra i vaccinati a causa della minore carica virale, il che potrebbe portare a una sovrastima dell’efficacia specifica sulle varianti.

 

Articolo precedenteMalaria: OMS raccomanda il nuovo vaccino per i bambini a rischio
Articolo successivoAnticoagulanti orali diretti: tassi più elevati di sanguinamento gastrointestinale con rivaroxaban
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

5 × 1 =