Home Cardiologia SPECIALE CONGRESSO AHA 2021: aspirina e rischio di demenza

SPECIALE CONGRESSO AHA 2021: aspirina e rischio di demenza

257
0

Una nuova ricerca, presentata recentemente nel corso delle sessioni scientifiche 2021 dell’American Heart Association, ha evidenziato come l’assunzione giornaliera di aspirina, a basso dosaggio, per sette anni, non ha influenzato il rischio di demenza o declino mentale tra gli adulti con diabete di tipo 2.

L’aspirina assunta quotidianamente

Sebbene l’aspirina assunta quotidianamente a basso dosaggio possa essere prescritta per ridurre il rischio di avere un secondo infarto o ictus, può anche causare eventi emorragici, comprese le emorragie cerebrali. “L’effetto complessivo dell’aspirina sulla demenza e sul deterioramento cognitivo era incerto”, ha detto l’autore dello studio, Jane Armitage, professore di studi clinici ed epidemiologia presso il Nuffield Department of Population Health, presso l’Università di Oxford, nel Regno Unito.

adv

Secondo le raccomandazioni di prevenzione primaria dell’American College of Cardiology/American Heart Association 2019, gli adulti senza malattie cardiovascolari note dovrebbero assumere l’aspirina per la prevenzione dell’infarto e dell’ictus solo se hanno un rischio molto alto di malattie cardiovascolari e un rischio molto basso di sanguinamento.

La recente bozza di guida della Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti concorda con questo approccio: l’aspirina a basso dosaggio giornaliera non dovrebbe essere prescritta per la prevenzione delle malattie cardiovascolari negli adulti che non hanno malattie cardiovascolari esistenti. Tuttavia, gli adulti con una malattia cardiovascolare precedentemente diagnosticata o un precedente evento cardiaco, come un infarto o un ictus, dovrebbero continuare a prendere l’aspirina a basse dosi ogni giorno se prescritta dal loro medico.

Lo studio ASCEND

In questo novo studio i ricercatori miravano a valutare gli effetti dell’aspirina a basso dosaggio sul rischio di demenza e deterioramento cognitivo nei partecipanti arruolati nello studio ASCEND (A Study of Cardiovascular Events in Diabetes). Lo studio ASCEND ha incluso più di 15.000 adulti con diabete di tipo 2 che vivevano nel Regno Unito e non avevano avuto ictus, infarto o altri problemi circolatori e che non avevano demenza all’inizio dello studio. La metà dei partecipanti ha preso una singola dose di Aspirina da 100 milligrammi al giorno e l’altra metà ha ricevuto una pillola placebo. Lo studio ha monitorato i partecipanti per quasi nove anni, con una media di circa sette anni di trattamento e quasi due anni aggiuntivi di follow-up.

Alla fine del follow-up, la presenza di demenza è stata determinata con diversi metodi: risultati di un test di funzionalità cognitiva (Intervista telefonica dello stato cognitivo e della fluidità verbale o test di Healthy Minds), diagnosi elencate nei dati di ricovero ospedaliero o nei registri di morte e altri indicatori di deterioramento cognitivo elencati nelle cartelle cliniche elettroniche. I ricercatori hanno anche registrato l’insorgenza di malattie gravi, infarti, ictus o gravi emorragie interne.

Demenza, deterioramento cognitivo, delirio o confusione

Gli autori dello studio hanno scoperto che 1.146 partecipanti hanno sviluppato una “demenza ampia”, che significa demenza, deterioramento cognitivo, delirio o confusione e hanno ricevuto una prescrizione di farmaci per la demenza o hanno sono stati indirizzati a una clinica della memoria o a una psichiatria geriatrica.

“I risultati non mostrano un chiaro effetto dell’aspirina a basse dosi giornaliere sul rischio di demenza, con una riduzione proporzionale non significativa del rischio del 9%. Tuttavia, l’incertezza intorno a questo beneficio del 9% variava da una riduzione del 19% del rischio di demenza a un aumento del 2%. Ciò è rassicurante sul fatto che un aumento del rischio di demenza è improbabile per i milioni di persone in tutto il mondo che assumono regolarmente l’aspirina per proteggersi dal rischio di infarto e ictus”, ha affermato Armitage. “I risultati indicano che è possibile un modesto beneficio dell’aspirina a basso dosaggio giornaliero sul rischio di demenza, tuttavia, per essere sicuri abbiamo bisogno di studi con più persone che sviluppano demenza”.

Il doppio delle probabilità di sviluppare una demenza

I ricercatori hanno scoperto, tuttavia, che eventi vascolari gravi, come un infarto o episodi di sanguinamento maggiore come un ictus, erano associati alla demenza. C’erano 990 partecipanti che sono sopravvissuti a un evento vascolare importante e 496 che sono sopravvissuti a un’emorragia importante durante lo studio.

Nello specifico, i partecipanti allo studio che avevano avuto un evento vascolare importante avevano quasi due volte e mezzo più probabilità di sviluppare una demenza, perdita di memoria, confusione o declino mentale durante lo studio, rispetto ai partecipanti che non avevano avuto un evento vascolare importante.

Coloro che avevano avuto un’emorragia maggiore avevano il doppio delle probabilità di sviluppare una demenza, perdita di memoria, confusione o declino mentale, rispetto a quelli che non avevano avuto un’emorragia.

Un limite dello studio è che potrebbero non esserci abbastanza casi di demenza segnalati per fare una chiara valutazione dell’effetto dell’aspirina a basse dosi giornaliere sul rischio di demenza. “Uno studio più ampio con più casi di demenza potrebbe essere in grado di rilevare eventuali benefici o danni. Abbiamo in programma di continuare a seguire i partecipanti allo studio per diversi anni per vedere se emergono più casi di demenza”, ha affermato Armitage.

 

Articolo precedenteSPECIALE CONGRESSO AHA 2021: la terapia con cellule staminali nell’insufficienza cardiaca
Articolo successivoSPECIALE CONGRESSO AHA 2021: arriva il primo inibitore del PCSK9 orale
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

tredici + tredici =